giovedí, 18 ottobre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

campionati invernali    veleziana    star    vela paralimpica    kite    ambiente    melges 24    porti    vele d'epoca    melges 32    circoli velici    invernali    soldini    regate    vela olimpica    barcolana    melges 20   

VOLVO OCEAN RACE

VOR: opportunità e rischi in vista

vor opportunit 224 rischi in vista
redazione

Per ora i segnali parlano di un attraversamento delle calme equatoriali poco tradizionale e più agevole. Ma, come spesso accade, il passaggio all’emisfero sud offre anche chance di recuperare e rischi di perdere terreno.
Chi sembra essere a rischio è l’equipaggio di Sun Hung Kai Scallywag, sempre quello posizionato più a ovest, che nelle ultime 24 ore ha continuato a perdere miglia, passando dal secondo al quinto posto, una cinquantina di miglia alle spalle dei leader di team AkzoNobel.
Anche al rilevamento delle 14 di giovedì, Scallywag ha accumulato distacco, mentre tutti gli altri si sotto fatti solo ad AkzoNobel, che sta entrando per primo nella transizione, e naviga con un vento appena inferiore ai 5 nodi. “Dipende tutto da dove siamo posizionati rispetto alla flotta e ai Doldrum.” Ha spiegato lo skipper di Scallywag, David Witt. “Sarà interessante vedere se qualcuno cercherà di essere più alto o più basso per cercare di cambiare posto.”
In seconda piazza, a poco meno di 24 miglia, ci sono gli spagnoli di MAPFRE, in terza gli olandesi di team Brunel e in quarta Dongfeng Race Team, anche loro entro le 30 miglia dai battistrada.
“E’ un compromesso fra perdita e guadagno.” Ha detto l’olandese Simeon Tienpont, skipper di AkzoNobel. “Per noi è una bella sfida (visto che siamo davanti). Facciamo delle scelte e quelli dietro possono vedere se funzionano o meno. I modelli meteo non tengono però conto delle situazioni locali, e dunque siamo in una posizione di vulnerabilità.”
L’obiettivo è, come sempre, essere la prima barca a entrare nei Doldrum e la prima a uscirne e a navigare nell’emisfero meridionale con il venti di aliseo che potrebbero condurre fino in Nuova Zelanda.
Ci sono opinioni differenti circa le condizioni delle ultime 24 ore. Secondo la skipper di Turn the Tide on Plastic Dee Caffari, si tratta di essere veloci: “Abbiamo condizioni ottime al momento, stiamo spingendo al massimo, c’è acqua dappertutto. E’ come fare il bagno ogni due minuti, però è acqua di mare e non bagnoschiuma!” In effetti la barca guidata dalla britannica, su cui naviga anche la triestina Francesca Clapcich, è stata quella che ha guadagnato maggiormente, con un recupero di ben 32 miglia sui primi. 
Su Team Brunel, dove c’è l’altro italiano Alberto Bolzan, Kyle Langford dice invece che la velocità si paga, le condizioni a bordo sono molto dure: “E’ abbastanza orrendo stare sottocoperta. Si balla e si fa fatica a dormire. La temperatura dell’acqua è di circa 30 gradi, per cui sotto fa caldo.” Spiega Langford. “Si fa fatica a restare freschi e in più la barca salta con 30 nodi di vento. Molto scomodo. Fuori si sta meglio, ma non molto. La cosa peggiore è l’acqua salata, che brucia gli occhi. Indossiamo tutti delle maschere da sci. La cosa positiva è che facciamo tanta strada, malgrado le condizioni dure. Non vedo l’ora che arrivino i Doldrum. Sono tutto bagnato, ho voglia di far asciugare i vestiti, farmi qualche ora di buon sonno quando sarà calmo, e di ricaricare le batterie.”
Con la poca distanza che separa le sei barche dall’equatore e dalle calme, il suo desiderio sarà presto esaudito.
Le posizioni delle barche, aggiornate ogni sei ore, sono disponibili alla pagina della cartografia elettronica. 


15/02/2018 17:22:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Barcolana: nella lotta tra ex la spunta Morning Glory (Spirit of Portopiccolo)

Vince Spirit of Portopiccolo, ovvero l'ex Morning Glory costruita nel 2006, davanti a CQS Tempus Fugit, ex Nicorette un 29,76 metri del 2004 e all'ex Maxi Iena Way of Live

FLASH - Oro per Giorgia Speciale alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Giorgia Speciale ha dominato nella classe dei Techno 293 Plus femminile ed ha conquistato l'Oro alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Barcolana, se non sono 2000 non ci si diverte

Superata la soglia dei 2000 iscritti. Spirit of Portopiccolo riconsegna la Coppa, ma è pronto a riprendersela.

Barcolana 50: prima regata per il Team MSC

Con MSC Team parte da Trieste l’esperienza velica della compagnia di navigazione con la barca classe Psaros33. In partnership con Marevivo, l’organizzazione dedicata alla conservazione marina, MSC promuoverà la passione e il rispetto per il mare

Olimpiadi Giovanili: arriva un altro oro con Sofia Tomasoni

Sofia Tomasoni (CV Windsurfing Club Cagliari) è la prima Campionessa Olimpica Giovanile della classe Kiteboard Twin Tip Racing femminile

Muore Ian Kiernan, l'uomo della "Mission Impossible" di pulire il Mondo

E’ morto a 78 anni portato via da un cancro un grande uomo, Ian Kiernan, velista ed ecologista, che si era dato il compito di “pulire il mondo”

Olimpiadi Giovanili: Speciale e Renna oggi in acqua per una medaglia

Appuntamento in acqua con primo segnale di avviso alle ore 12:00 locali (17:00 italiane) con le finali delle tavole a vela previste alle 12:05 (17:05 italiane) quella maschile e alle 12:45 (17:45 italiane) quella femminile

Una "Mare e Monti" per Giovanni Soldini

Giovanni Soldini e l'alpinista Hervé Barmasse faranno insieme una serie di traversate e di scalate con lo scopo di confrontare due mondi così diversi.

Olimpiadi Giovanili: buone notizie dalla vela azzurra

Sofia Tomasoni sale al 2° posto nei Kiteboard femminili, Nicolò Renna sempre 2° nei T293 maschili e Giorgia Speciale consolida il 1° posto nei T293 femminili

Olimpiadi Giovanili: Argento per Nicolò Renna

L'atleta del Circolo Surf Torbole ha conquistato l'argento nella classe techno 293 plus maschile

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci