lunedí, 16 luglio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vela internazionale    press    optimist    j/70    windsurf    j70    coppa italia    ufo22    rs feva    regate    nacra 17   

VOLVO OCEAN RACE

VOR: movimento lento nei Doldrum

vor movimento lento nei doldrum
redazione

La temperatura dell’aria e dell’acqua cresce con ogni miglio verso nord nel Pacifico meridionale. I giorni in cui si indossavano strati su strati di abbigliamento per proteggersi dal freddo intenso sono ormai un lontano ricordo. I team devono infatti combattere contro un caldo che tocca i 40 gradi, mentre si avvicinano all’Equatore, a meno di 3.300 miglia dal traguardo di Hong Kong.

Normalmente il vento leggero è per gli equipaggi un’occasione per riposarsi, ma in questo caso succede tutto il contrario, perché i velisti sono impegnati a lottare metro su metro contro gli avversari, avanzando molto lentamente nella bonaccia dei Doldrum. Una lotta di nervi e di attenzione costante per non far fermare la barca e non perdere contatto con gli avversari.

“Bello, sottocoperta ci sono probabilmente 50 gradi e 47.8 in coperta!” Ha detto con ironia  Phil Harmer da Vestas 11th Hour Racing. “La temperatura dell’acqua è di 32 gradi, molto piacevole. Persino chi è fuori turno non vuole scendere di sotto.”

Da Team Sun Hung Kai/Scallywag Ben Piggott, il velista più giovane di tutta la flotta con soli 21 anni, ha aggiunto: “Meglio stare seduto in coperta e non indossare cinque strati di vestiti ma, al tempo stesso, è così frustrante, non si avanza.”

Le alte velocità dei primi giorni sono passate, ma la competizione è sempre più serrata. Al rilevamento delle 14, la prima piazza era sempre occupata da Turn the Tide on Plastic della skipper Dee Caffari, di cui fa parte anche l’italiana Francesca Clapcich, che è la barca che si trova più a ovest con Vestas, team AkzoNobel, Dongfeng Race Team e MAPFRE sulla stessa linea, separate lateralmente da circa 15 miglia. Le distanze sono così risibili che tutte le barche di testa navigano a vista, dopo 3.000 miglia di regata.

Sebbene Hong Kong sia ancora oltre 3.300 miglia a nord-ovest, l’obiettivo a breve termine di tutti è di portarsi a nord il più velocemente possibile, per entrare nel flusso dell’aliseo. Una volta agganciato il vento più fresco, i team potranno puntare la prua verso sinistra e riprendere velocità.

Ma, dovranno prestare ancora almeno 36 ore di grande pazienza e attenzione.


09/01/2018 18:24:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Marco & Muttley: ma che bel giro d'Italia a vela!!!

Marco Rossato, principale protagonista e promotore del progetto TRI sail4all promosso dall’ASD“I Timonieri sbandati”, è il primo velista disabile agli arti inferiori a circumnavigare in barca a vela da solo(con cane Muttley al seguito) i mari italiani

Garda: al mondiale Yngling si parla solo olandese

Mondiali classe Yngling a Riva del Garda: tra i tre olandesi la spunta NED 255 con Moorman Kaj al timone

Libri: Andrea Stella, Sfida sull'Oceano

Esce domani (11 luglio) in tutte le librerie per le Edizioni San Paolo "Sfida sull'oceano. Un'eccezionale impresa di mare in sedia a rotelle" di Andrea Stella

Duende (CNRT) vince la Coppa Italia, Tevere Remo la 1^ Coppa Italia per Club

Duende – Aeronautica Militare, Vismara 46 di Raffaele Giannetti, C. N. Riva di Traiano, vince la Coppa Italia 2018. Al Reale Circolo Canottieri Tevere Remo la prima Coppa Italia per Club - Trofeo Enway

Coppa Italia: una sola prova e la vince Duende (CNRT)

Riva di Traiano. Coppa Italia - Trofeo Enway 2018 - Tanto l’entusiasmo … ma il vento tradisce la prima della Coppa

14 luglio: parte dal CNRT la "presa" della Coppa Italia 

Parte il 14 luglio, giorno della presa della Bastiglia, da Riva di Traiano la nuova Coppa Italia Altura per Club, una vera rivoluzione che mette a confronto i circoli velici nel contendersi il Trofeo Enway 

Guardia Costiera: sequestrati 11.000 metri di reti illegali

Il sequestro operato da Nave Bruno Gregoretti (CP920) della Guardia Costiera

Prime regate all'Europeo Ufo 22

Al termine della prima giornata, in cima alla classifica troviamo Frisbee, ITA 049, di Michele Magagna, seguito al secondo posto da Wendl, AUT 114, di Günther Wendl e al terzo posto da GMT-Econova di Giorgio Zorzi, ex presidente della classe

Parte domani a Domaso il Campionato Italiano H22

L’H22 One Design è un’imbarcazione monotipo di 22 piedi (6,70mt), disegnata dal progettista inglese di Coppa America Rob Humphreys, prodotta da H22 One Design s.r.l.

Dominio dei velisti cagliaritani nel "Windsurfing Club 2018"

Dopo essersi aggiudicato la Techno Slalom Cup, Riccardo Onali Under 17 Plus) ha vinto oggi anche la "long distance"

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci