mercoledí, 15 agosto 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

420    fiv    attualità    les sables-les açores-les sables    mini 650    turismo    circoli velici    luna rossa    farr 40    rs feva    vela olimpica    nacra 17    optimist    windsurf    press    melges 24   

VOLVO OCEAN RACE

VOR: la durezza del Southern Ocean

vor la durezza del southern ocean
redazione

Il vento soffia costantemente sopra i 30 nodi, con raffiche vicine ai 40 e onde che raggiungono i 5 metri di altezza. Gli spagnoli di MAPFRE, che erano i battistrada al rilevamento delle ore 8 questa mattina, hanno informato il race control di Alicante di aver subito un danno alla rotaia della randa sull’albero, un problema che ha rallentato il loro progresso. Il team si mantiene tuttavia saldamente in seconda piazza. “Abbiamo un piccolo problema alla rotaia dell’albero.” Ha scritto in una email da bordo lo skipper Xabi Fernández questa mattina. “Abbiamo fatto una riparazione temporanea e restiamo in regata.” L’esperto navigatore Juan Vila ha aggiunto: “Restiamo concentrati per salvaguardare gli uomini e la barca. Abbiamo avuto una rottura sulla rotaia e ora dobbiamo cercare di restare in equilibrio fra spingere a fondo e sapere quando è il momento di togliere il piede dall’acceleratore.”

Sun Hung Kai/Scallywag, che si trova in coda alla flotta con un distacco di un centinaio di miglia, ha pure informato di avere subito un danno a una puleggia delle sartie volanti. Il danno è stato riparato velocemente e il problema è stato risolto, ma il team ha perso alcune miglia. “Stavamo strambando al limite della zona di esclusione dei ghiacci e la puleggia si è messa al contrario, quindi quando abbiamo tirato la volante si è rotta e ha tranciato la coda della cima.” Ha spiegato lo skipper David Witt.  “Siamo stati fortunati, avremmo potuto rompere la volante e perdere l’albero. Abbiamo dovuto fare una riparazione di fortuna, rimontare il tutto e ripartire. Siamo 110 miglia dietro, ma sono cose che succedono.”

Le sette barche stano progredendo velocemente verso Capo Horn, spinte da un vento da ovest di tempesta. Strambare al limite sud della zona di esclusione è un lavoro duro, faticoso. “Ci sono 35/4 nodi di vento e onde enormi.” Ha spiegato in un collegamento video lo skipper olandese di team Brunel Bouwe Bekking, che ha preso parte alla regata non meno di otto volte. “Da un lato è una navigazione molto divertente, ma dall’altro è abbastanza stressante perché si sa che se qualcosa va storto, va terribilmente storto. Bisogna riuscire a trovare il giusto equilibrio.”

Il team che sembra essere riuscito a trovare questo equilibrio è Turn the Tide on Plastic su cui corre anche l’italiana Francesca Clapcich, che grazie all’esperienza di due veterani di queste acque come la skipper Dee Caffari e il navigatore Brian Thompson che hanno entrambi navigato anche in solitario intorno al mondo, ha preso la testa della flotta al rilevamento delle ore 14 e procede a velocità oltre i 23 nodi.  “Siamo quasi sempre sommersi dalle onde! Strambata! Una e un’altra ancora. E’ una giornata impegnativa e c’è un sacco di vento quaggiù.” Ha twittato Dee Caffari. 

Meglio per tutti abituarsi alla situazione, perché le previsioni dicono che ci saranno altre giornate così.


24/03/2018 16:24:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Marina Cala de’ Medici si conferma per il terzo anno consecutivo Porto d’eccellenza

Ratificata l’attestazione di MaRINA Excellence, nonché i riconoscimenti 24 Plus e 50 Gold

Caorle, "Festa del Pesce": una sfida a colpi di sarde

La Festa del Pesce - A settembre l’evento culinario più tradizionale di Caorle (VE)

Mondiali Aarhus: Carolina Albano qualifica l'Italia nel Laser Radial a Tokyo 2020

L’Italia conquista oggi ad Aarhus la terza qualifica per le Olimpiadi di Tokyo 2020! Si tratta del Laser Radial e a compiere l’impresa è stata la giovane Laserista triestina Carolina Albano (CV Muggia) non ancora ventenne

Mini 650, SAS: Ambrogio Beccaria domina tra i Serie

Ecco la sua prima intervista una volta a terra. Il milanese, ha vinto entrambe le tappe e ha conquistato il titolo di Campione di Francia di Course au Large

Mondiali Aarhus: anche il 470 maschile si qualifica per Tokio

Anche oggi arriva una preziosa qualifica per l’Italia ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) con il quinto posto odierno entrano in Medal Race e qualificano l'Italia per Tokio 2020

Nacra 17: oro per l'Italia ai Mondiali di Aarhus

La coppia formata da Ruggero Tita e Caterina Banti ha vinto il titolo della classe Nacra 17 al termine della 'medal race' di oggi

Europeo Melges 24: Maidollis allunga il passo

I Campioni del Mondo 2017 a bordo di Maidollis (7-1-1 oggi), dopo l'ottimo esordio della prima giornata in cui avevano messo a segno una magnifica doppietta, tornano ad essere protagonisti e consolidano la leadership della classifica provvisoria

Mondiali Aarhus: sei le classi qualificate per Tokio 2020

Triplete per Tita-Banti che aggiungono il titolo mondiale all'europeo e all'italiano già conquistati nel 2018

Gargnano, Garda: Itaca è tornata a casa

Tredici anni dopo la sua ideazione il progetto Itaca ha fatto nuovamente tappa al Circolo Vela della Centomiglia

Tokio 2020: altre 3 qualifiche per l'Italia ai mondiali di Aarhus

L’Italia è qualificata alle Olimpiadi di Tokyo 2020 anche nelle classi RS:X maschile, RS:X femminile con Marta Maggetti e il Nacra 17 con Ruggero Tita e Caterina Banti

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci