venerdí, 21 settembre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

attualità    salone nautico di genova    tp52    perini cup    manifestazioni    press    rs feva    mini 6.50    vela paralimpica    roma giraglia    vele d'epoca    regate    marevivo   

VOLVO OCEAN RACE

VOR: incredibile finale, AkzoNobel conquista Auckland

vor incredibile finale akzonobel conquista auckland
redazione

Team AkzoNobel ha vinto la sesta tappa del giro del mondo a vela in equipaggio, partita il 7 febbraio da Hong Kong. Lo scafo, con Simeon Tienpont alla guida di un equipaggio internazionale è giunto sul traguardo posizionato nel celeberrimo Waitemata Harbour nel pieno della notte di Auckland, alle 13.17 e 26 secondi (ora italiana) dopo 20 giorni, 9 ore, 17 minuti e 26 secondi di navigazione. Con questa vittoria l’equipaggio di AkzoNobel ottiene 8 punti (7+1 punto bonus per la tappa) e si porta in quarta posizione, a 23 punti. Una vittoria che ha un sapore ancora più dolce visto che, come si ricorderà, nella terza tappa team AkzoNobel era stato vittima di una grave avaria che ne aveva compromesso il risultato.

E' stata una vittoria incredibile, giunta dopo 24 ore di battaglia finale, con l'attraversamento di una zona di alta pressione a nord est della costa neozelandese, che ha dato modo agli inseguitori di rifarsi sotto ai leader. Per team AkzoNobel e Sun Hung Kai Scallywag, il margine consolidato nell'ultima settimana è stato appena sufficiente e i due hanno continuato il loro duello fino a poche centinaia di metri dal traguardo.

"Sono state 7.000 miglia di match race, incredibile." Ha detto un felicissimo Simeon Tienpont appena giunto in banchina. “Non ho mai fatto una regata così in vita mia. Abbiamo sempre navigato a vista. Erano sempre lì, non hanno mai smesso di lottare e noi non abbiamo mai rinuciato a difenderci. Sono così orgoglioso del mio equipaggio. Non hanno mai mollato."

Seconda, meritata posizione per Sun Hung Kai Scallywag. Per l’equipaggio guidato dall’australiano David Witt è il secondo posto sul podio dopo il primo di Hong Kong, ottenuto grazie anche all’ottima condotta nella zona dei Doldrum sulla strategia della navigatrice Libby Greenhalgh. “Il nostro gruppo non molla mai." Ha dichiarato Witt. “Questa volta non siamo riusciti a vincere, abbiamo avuto delle chance di farlo ma AkzoNobel questa volta è stato un po' migliore di noi. Ma dalla prima tappa abbiamo fatto così tanta strada."

Per team AkzoNobel si tratta del primo successo in questa edizione della Volvo Ocean Race e oltre allo skipper Simeon Tienpont a bordo festeggiano il primo successo anche il danese Nicolai Sehested, la francese Cècile Baguette mentre la brasiliana Martine Grael non solo ottiene la vittoria, dopo i successi olimpici, ma diventa anche la prima figlia a farlo dopo suo padre Torben. A bordo ci sono anche due neozelandesi, Brad Farrand e Justin Ferris che hanno raggiunto la loro nazione battendo l’altra famosa coppia di kiwi Blair Tuke su MAPFRE e Peter Burling che corre su team Brunel.

Turn the Tide on Plastic, con la triestina Francesca Clapcich, si è difeso con le unghie e con i denti fino alle ultimissime miglia prima di dover cedere un posto sul podio e finire quinto alle spalle degli spagnoli di MAPFRE e dei franco/cinesi di Dogfeng Racing Tram che fino a ieri sembravano avere un distacco quasi incolmabile. Sesto è atteso sul traguardo l'altro team con bandiera olandese, Brunel.

Con il risultato di Auckland la classifica generale rimane invariata solo per le prime due posizioni di MAPFRE e Dongfeng, mentre Scallywag passa in terza piazza a 26 punti, con AkzoNobel e Vestas 11th Hour Racing in quarta a pari punti con 23.


Photo Credit:Ainhoa Sanchez/Volvo Ocean Race


27/02/2018 18:31:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Roma/Giraglia, ecco le sfide in acqua

Sedici gli iscritti ad una settimana dal via, con tre solitari e l'atteso ritorno alle corse di Mario Girelli

Riparte con più regate l'Invernale di Riva di Traiano

Saranno disputate ove possibile anche due prove nello stesso giorno, fino ad un massimo di dodici regate. Nove le date in calendario più due eventuali recuperi. Si parte il 4 novembre 2018

Enoshima: un bel Bronzo per Di Salle/Dubbini

Niente vento ad Enoshima, campo di regata prescelto per Tokio 2020 e per il nostro equipaggio del 470F resta il bronzo

Enoshima: domani 4 equipaggi italiani in Medal Race

Oggi vento quasi assente e solo i Laser Standard sono riusciti a disputare una prova

Italiano Hansa 303, vincono Cocconi/Ghio

Ennesima dimostrazione che il mare può essere accessibile a tutti in questo splendido campionato nazionale Hansa 303

Enoshima: l'Italia argento e bronzo nei Nacra 17

Nella prima delle due ultime giornate di Medal Race della Japan World Cup Series 2019 di Enoshima, arrivano due medaglie per la squadra italiana, un argento ed un bronzo nella classe Nacra 17

Nuotare a Capo Horn

Primo italiano a partecipare e competere nell’ICE Swimming, Chiarino ha all’attivo diversi altri primati come atleta italiano, tra cui la traversata a staffetta dello Stretto di Bering dalla Russia agli Stati Uniti nel 2013

Giorgio Zorzi con Ale Gaoso e Mara Trimeloni Campioni Italiani UFETTO 22

Il Campionato Italiano Ufetto 22 va a "Gmt-Econova" di Giorgio Zorzi, Club Diavoli Rossi Desenzano. A bordo con lui c'erano Alessandra Gaoso e Mara Trimeloni.

Compagnia della Vela: regata Lui e Lei 2018

Prenderà il via domani domenica 16 settembre alle ore 13.00 la 26a edizione della Lui e Lei. La regata di coppia, dal format originale che vede un uomo e una donna regatare in doppio in barca

Este 24: Marco Flemma leader con il suo Ricca d'Este

Classifica molto compressa, vede Ricca D’Este dominare con un impressionante 3,1,1,1,3 davanti a La Poderosa 2.0 di Ugolini con due punti di ritardo e Esterina di Maurizio Galanti a dieci punti

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci