giovedí, 19 luglio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vela olimpica    platu25    moth    h22    azzurra    barcolana    nautica    press    melges 20    vela internazionale    ucina    altura    laser 4.7    finn    contender    cnrt    vela    windsurf   

VOLVO OCEAN RACE

VOR: il giorno più importante per Scallywag

vor il giorno pi 249 importante per scallywag
redazione

L’equipaggio guidato da Wit si trova quasi 85 miglia davanti ai più immediati inseguitori di Vestas 11th Hour Racing, quando ne mancano poco più di 830 al traguardo. Malgrado il buon margine di vantaggio, a Hong Kong mancano ancora 36 ore di navigazione e i velisti di Scallywag sanno che è ancora presto per iniziare a festeggiare. Prima di tagliare l’agognata linea del traguardo dovranno prima passare nel canale fra Taiwan e le Filippine, che si trova circa 400 miglia di fronte a loro, evitando alcune bolle di vento leggero.

Secondo David Witt, saranno queste 24 ore a dire se il suo team riuscirà a mantenere la leadership fin sull’arrivo, in patria. “Per me la maggiore preoccupazione è il tratto da qui alle Filippine.” Ha dichiarato l’esperto velista australiano.”Dopo che avremo passato le Filippine, la strada per Hong Kong è abbastanza sgombra e non credo che ci potranno riprendere, a quel punto. Il pericolo più grande è fra la nostra posizione e quel punto, quindi le prossime 24 ore sono cruciali. Se riusciremo a passare indenni, senza perdere, i prossimi tre report avremo abbastanza vantaggio, la cosa peggiore sarebbe fermarsi completamente, e dunque faremmo in modo che non succeda.”

C’è stato qualche momento di panico a bordo di Scallywag quando la baca è entrata in una zona di bonaccia, che ne ha rallentato la corsa. Ma fortunatamente il vento previsto si è presto materializzato e al rilevamento delle ore 14 la barca aveva ripreso una buona velocità. “Non credo che tutti comprendano la portata di quello che succederà, se porteremo a casa la vittoria.” Ha aggiunto Witt. “E’ la prima volta da molti punti di vista: il primo team con bandiera diHong Kong, la prima volta che si arriva aHong Kong… speriamo di avere abbastanza tempo e abbastanza birre per renderci conto di cosa abbiamo fatto. Ma prima dobbiamo finire primi.”

Anche Vestas 11th Hour Racing sembra essere in una buona posizione, in seconda piazza e con un margine di una settantina di miglia sul terzo, team AkzoNobel. Tuttavia, bisogna considerare che Dongfeng Race Team che era in terza posizione ha scelto di entrare in modalità nascosta quando si trovava a una cinquantina di miglia dietro a Vestas, nascondendo le proprie mosse per 24 ore. Il team guidato da Charles Caudrelier ricomparirà nella cartografia elettronica alle 20 e solo a quel punto si scoprirà se la sua strategia ha funzionato.

Sessanta miglia alle spalle di AkzoNobel ci sono i leader della classifica generale, gli spagnoli di MAPFRE, Team Brunel è quinto e Turn the Tide on Plastic sesto. Lo skipper di Brunel Bouwe Bekking, il velista più esperto di tutta la flotta della Volvo Ocean Race, ha ammesso che il suo team ha avuto dei problemi di velocità. “Tutti stanno dando il 100%, non ci sono dubbi, ma al momento sembra non essere sufficiente.” Ha detto l’olandese. “Abbiamo fatto due errori, uno all’inizio della tappa e uno nei Doldrum. quando si cammina meno e abbiamo angoli al vento più stretti non ci sono problemi, ma quando è come ora, con vento più forte e andature larghe, non riusciamo a tenere il passo che il resto della flotta. E’ faticoso ma la sola cosa che possiamo fare è restare positivi e portare la barca il meglio possibile.”

Intanto è stato inaugurato ufficialmente il primo stopover della storia a Hong Kong, con la cerimonia del taglio del nastro da parte delle autorità locali: Tong Yui Shing, Presidente della federazione della vela di Hong Kong; Andrew Kwok, CEO di HGC e Hon Lau Kong-wah, segretario degli interni. A cui si è aggiunto il direttore della Volvo Ocean Race  Karin Backlund, e il direttore del porto di Hong Kong Grant Calder. Il villaggio che si trova nel  Kai Tak Runway Park, segna la prima visita del giro del mondo a vela nella regione e l’eccitazione per la prima posizione provvisoria del team Sun Hung Kai/Scallywag è tangibile, con moltissimi studenti delle scuole locali in visita alle attività interattive e alle attrazioni. Si stima che saranno oltre 12.500 i giovani che visiteranno il Race Village durante le giornate di apertura.

Le ultime previsioni dicono che il leader Scallywag dovrebbe giungere a Hong Kong nel primo pomeriggio di venerdì (nella notte locale). 


17/01/2018 16:14:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Duende (CNRT) vince la Coppa Italia, Tevere Remo la 1^ Coppa Italia per Club

Duende – Aeronautica Militare, Vismara 46 di Raffaele Giannetti, C. N. Riva di Traiano, vince la Coppa Italia 2018. Al Reale Circolo Canottieri Tevere Remo la prima Coppa Italia per Club - Trofeo Enway

Garda: al mondiale Yngling si parla solo olandese

Mondiali classe Yngling a Riva del Garda: tra i tre olandesi la spunta NED 255 con Moorman Kaj al timone

Coppa Italia: una sola prova e la vince Duende (CNRT)

Riva di Traiano. Coppa Italia - Trofeo Enway 2018 - Tanto l’entusiasmo … ma il vento tradisce la prima della Coppa

Guardia Costiera: sequestrati 11.000 metri di reti illegali

Il sequestro operato da Nave Bruno Gregoretti (CP920) della Guardia Costiera

CNRT: soddisfatti per la Coppa Italia, ma è già tempo di Roma-Giraglia

Soddisfazione per la Coppa Italia a Duende ed applausi a Reale Circolo Canottieri Tevere Remo per la Coppa Italia Trofeo Enway per Club. Ora la pausa estiva e poi si ricomincia con la Roma Giraglia

Parte domani a Domaso il Campionato Italiano H22

L’H22 One Design è un’imbarcazione monotipo di 22 piedi (6,70mt), disegnata dal progettista inglese di Coppa America Rob Humphreys, prodotta da H22 One Design s.r.l.

Cagliari: si è conclusa dopo tre giornate di regate la Coppa Italia della classe Techno 293

A premiare i vincitori delle varie categorie sono stati gli ex campioni mondiali Techno 293, Marta Maggetti, Carlo Ciabatti e Michele Cittadini

Prime regate all'Europeo Ufo 22

Al termine della prima giornata, in cima alla classifica troviamo Frisbee, ITA 049, di Michele Magagna, seguito al secondo posto da Wendl, AUT 114, di Günther Wendl e al terzo posto da GMT-Econova di Giorgio Zorzi, ex presidente della classe

Mondiali giovanili Laser 4.7: oro per Chiara Floriani e bronzo per Giorgia Cingolani

Chiara Benini Floriani (FV Riva) è Campionessa del Mondo 2018 per la classe Laser 4.7

Windsurf, Cagliari: cala domani il sipario domani sulla Coppa Italia'

Domani, 15 luglio, ultimo atto della manifestazione, con in programma nel primissimo pomeriggio delle ultime tre prove della Coppa Italia, con partenza della prima prova alle 13.

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci