lunedí, 16 luglio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vela internazionale    press    optimist    j/70    windsurf    j70    coppa italia    ufo22    rs feva    regate    nacra 17   

VOLVO OCEAN RACE

VOR: Brunel guida la carica

vor brunel guida la carica
redazione

Le sei barche sono raggruppate in poco meno di 9 miglia e, dopo aver passato la punta meridionale dell’isola di Taiwan, si preparano per “svoltare” a sinistra verso nord. Al rilevamento delle posizioni delle ore 14, team Brunel, su cui naviga anche il friulano Alberto Bolzan, aveva un margine di 4.9 miglia ma la flotta è molto compatta.

La battaglia è intensa, si lotta per ogni miglio e anche il più piccolo intoppo può costare caro. Per Brunel e Turn the Tide on Plastic, si è trattato di pezzi di plastica nelle appendici, che hanno rallentato le due barche. Dalla cartografia elettronica però, il team guidato dalla unica skipper donna della regata, Dee Caffari, sembra aver recuperato un buon passo e fa registrare velocità simili a quelle degli avversari. “Ci siamo rifatti sotto e siamo vicini agli altri, il che va bene. Ma ci sono ancora più di 5.000 miglia, un sacco di opportunità da cogliere, il passaggio dei Doldrum e isole e atolli da evitare.” Ha detto la britannica in un collegamento con il race control di Alicante.

Team Brunel, che evidentemente non voleva compromettere la velocità vista la posizione di leader, ha fatto una doppia virata per togliere un pezzo di plastica da uno dei timoni. “Stavamo andando molto bene e all’improvviso ci siamo quasi fermati.” Ha raccontato lo skipper Bouwe Bekking. “In un attimo abbiamo perso mezzo miglio e la causa era un grosso pezzo di plastica nel timone. Abbiamo dovuto fare due virate per liberarcene. Poi siamo riusciti a riprendere un po’ di vantaggio. La barca è veloce, abbiamo optato per la giusta combinazione di vele e credo che la nuova randa che stiamo usando aiuti molto.” Team Brunel è infatti riuscito a tenere un margine di circa tre miglia per tutta la mattinata e all’ultimo report ne aveva 4.9 su MAPFRE e Dongfeng, appaiati e faceva registrare la migliore velocità e VMG (Velocity Made Good) ossia la migliore velocità in rapporto alla destinazione con 14.7 nodi.

In quarta piazza, a meno di 6 miglia, si trova Sun Hung Kai Scallywag il cui skipper David Witt durante la trasmissione video quotidiana ha detto: “Siamo in buona posizione, siamo tutti vicini, a parte Brunel che ha preso un po’ di strada.” Lo skipper ha spiegato che il suo team ha deciso di tenersi più a nord per avere meno onda, usufruendo più a lungo del ridosso di Taiwan. “Speriamo di poter essere più veloci, navigando in acqua più piatta e evitare 35 nodi di vento.” 

Nelle prossime ore la flotta dovrebbe iniziare a puntare a nord, quindi lontano dalla rotta diretta per la Nuova Zelanda, incontrando vento piuttosto intenso prima di affrontare una zona di transizione con aria leggerai. Per i sei team si prospettano ancora lunghe ore di bolina, con vento rafficato che già ora è superiore ai 30 nodi, e con onde oltre i 3 metri di altezza che, come ogni velista sa bene sono le condizioni meno agevoli in cui navigare.

“Si picchia parecchio, navighiamo di bolina. Siamo tutti vicini e il primo che riesce a poggiare un po’ è più veloce degli altri. Ma stiamo tutti spingendo al massimo.” Ha spiegato lo skipper di team AkzoNobel Simeon Tienpont, attualmente quinto.


Ph: Richard Edwards/Volvo Ocean Race


08/02/2018 16:42:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Marco & Muttley: ma che bel giro d'Italia a vela!!!

Marco Rossato, principale protagonista e promotore del progetto TRI sail4all promosso dall’ASD“I Timonieri sbandati”, è il primo velista disabile agli arti inferiori a circumnavigare in barca a vela da solo(con cane Muttley al seguito) i mari italiani

Garda: al mondiale Yngling si parla solo olandese

Mondiali classe Yngling a Riva del Garda: tra i tre olandesi la spunta NED 255 con Moorman Kaj al timone

Libri: Andrea Stella, Sfida sull'Oceano

Esce domani (11 luglio) in tutte le librerie per le Edizioni San Paolo "Sfida sull'oceano. Un'eccezionale impresa di mare in sedia a rotelle" di Andrea Stella

Duende (CNRT) vince la Coppa Italia, Tevere Remo la 1^ Coppa Italia per Club

Duende – Aeronautica Militare, Vismara 46 di Raffaele Giannetti, C. N. Riva di Traiano, vince la Coppa Italia 2018. Al Reale Circolo Canottieri Tevere Remo la prima Coppa Italia per Club - Trofeo Enway

Coppa Italia: una sola prova e la vince Duende (CNRT)

Riva di Traiano. Coppa Italia - Trofeo Enway 2018 - Tanto l’entusiasmo … ma il vento tradisce la prima della Coppa

14 luglio: parte dal CNRT la "presa" della Coppa Italia 

Parte il 14 luglio, giorno della presa della Bastiglia, da Riva di Traiano la nuova Coppa Italia Altura per Club, una vera rivoluzione che mette a confronto i circoli velici nel contendersi il Trofeo Enway 

Guardia Costiera: sequestrati 11.000 metri di reti illegali

Il sequestro operato da Nave Bruno Gregoretti (CP920) della Guardia Costiera

Prime regate all'Europeo Ufo 22

Al termine della prima giornata, in cima alla classifica troviamo Frisbee, ITA 049, di Michele Magagna, seguito al secondo posto da Wendl, AUT 114, di Günther Wendl e al terzo posto da GMT-Econova di Giorgio Zorzi, ex presidente della classe

Parte domani a Domaso il Campionato Italiano H22

L’H22 One Design è un’imbarcazione monotipo di 22 piedi (6,70mt), disegnata dal progettista inglese di Coppa America Rob Humphreys, prodotta da H22 One Design s.r.l.

Conclusa la quarta tappa del Trofeo Dinghy Classico 2018

Per la prima volta i legni si sfidano sul Lago d’Orta

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci