lunedí, 25 giugno 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

tp52    vele d'epoca    solidarietà    melges 20    regate    volvo ocean race    altura    mini 6.50    press    circoli velici   

VOLVO OCEAN RACE

VOR: benvenuti al Casinò Doldrum

vor benvenuti al casin 242 doldrum
redazione

Basta un’occhiata alla cartografia elettronica della Volvo Ocean Race per rendersi conto della situazione che sta vivendo la flotta mentre si prepara per un weekend difficile. Le traiettorie incostanti sembrano disegni casuali sulla tavolozza dell’oceano Pacifico.

Il team guidato dall’olandese Simeon Tienpont è quello posizionato più a sud e sta entrando nel flusso di vento da ovest, il che potrebbe indicare che la barca è ormai oltre la parte peggiore della zona di aria leggera e variabile, tipica del passaggio dell’Equatore. Ma quale sarà l’equipaggio che meglio saprà districarsi nelle condizioni difficili, dove le grandi formazioni nuvolose danno vita a fenomeni molto localizzati, non è ancora chiaro.

A guardare gli ultimi rilevamenti delle posizioni sono AkzoNobel, insieme a Team Brunel e a Turn the Tide on Plastic ad aver meglio gestito la non facile situazione. I secondi si sono portati più a ovest mentre il primo è quello più a sud, e al report delle ore 14 viene dato in testa con un vantaggio di poco più di 24 miglia, quando gliene mancano una sessantina agli zero gradi nord. “Ogni report delle posizioni adesso è molto importante.” Ha spiegato il francese Nico Lunven da bordo di Turn the Tide on Plastic. “Siamo in questa zona insidiosa, quindi è importante capire dove sono le altre barche e che vento hanno, per capire come evolve la situazione. Non stiamo andando male… terzi dietro a Akzo e Brunel.”

“Che nottata! Pioggia, pioggia e ancora pioggia. E’ incredibile quanti milioni di litri di pioggia devono essere caduti.” Ha raccontato in un blog lo skipper di team Brunel Bouwe Bekking. “E poi, il vento impazzisce, un momento ci sono 2 nodi, quello successivo ce ne sono 30 e l’aria salta. Abbiamo fatto così tanti cambi di vele… Il problema è che con la pioggia così fitta non si vede nulla all’orizzonte ed è impossibile dire se il vento salga o scenda. A volte è come una roulette russa, hai la vela grande a riva e il vento sale da 3 a 11 nodi in pochi secondi e ti ritrovi a chiederti se aumenterà ancora e se è il caso di preparare un altro cambio.”

Facile immaginare che uno dei team più scontenti sia quello di MAPFRE, che sembra essere inseguito dalla “nuvola di Fantozzi”, con vento leggero e variabile, mentre gli avversari continuano a camminare più veloci. A un certo punto MAPFRE sotto una nuvola ha perso quasi 10 miglia in una sola ora mentre gli arci-rivali di Dongfeng, solo un paio di miglia distanti, non ne hanno sentito quasi per nulla gli effetti.

“Siamo entrati nella transizione e abbiamo fatto un sacco di cambi di vele, è andata avanti così tutta la notte.” Ha dichiarato Louis Sinclair dalla barca spagnola. “Siamo rimasti impantanati in una zona di bonaccia e molte delle altre barche ci hanno passato, avendo vento migliore, quindi credo che adesso siamo alle spalle di tutti. Stiamo dando il massimo per rientrare… Ci sono ancora così tante transizioni e tanta strada prima di Auckland… Il segreto è non essere troppo contenti quando si è davanti o troppo tristi quando si è dietro, bisogna continuare.” In effetti al rilevamento delle ore 14 lo scafo rosso guidato d Xabi Fernandez è dato sesto a oltre 64 miglia dai battistrada, circa 5 miglia dietro a Scallywag.

E proprio dalla barca di Hong Kong la navigatrice Libby Greenhalgh ha spiegato che ci si devono aspettare ancora diversi giorni di meteo instabile prima che la flotta possa finalmente mettersi in rotta per la Nuova Zelanda. “La prossima settimana sarà tosta, avremo della bella aria da ovest a momenti, ma ci vorrà anche una buona dose di fortuna.” Ha scritto la britannica in un blog. “Stiamo lottando per oltrepassare questa zona di vento leggero e per entrare per primi nell’ovest. Ma, come sempre, ci sono elementi sui quali non si ha controllo e non si può sempre andare dove si vuole. Quando si è nella bonaccia bisogna cercare di tirarsi fuori il meglio possibile.”

Un’auspicio che probabilmente sarà il mantra per tutte e sei le barche, in questo prossimo fine settimana: ovunque si sia, bisogna fare il possibile per sfruttare le condizioni al meglio.


Photo Credit: James Blake/Volvo Ocean Race


16/02/2018 15:51:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Assegnati a Forio i titoli di Campione Italiano ORC 2018

Altair 3 di Sandro Paniccia conferma il suo titolo. Nel Gruppo B successo diExtrema, X35 di Andrea Bazzini

Joshua e Suhaili, ecco la Storia della Vela

Eccole, affiancate dopo 50 anni a Les Sables d'Olone, JOSHUA, la barca di Bernard Moitessier, e SUHAILI di Sir Robin Knox-Johnston

Italiano Altura: due prove con vento leggero nella seconda giornata ischitana

Nelle acque dell’isola verde si sono svolte due prove di giornata nonostante un vento debole e instabile che ha costretto il Comitato di Regata di rinviare la prima partenza di quasi due ore

MASBEDO a Manifesta 12 Palermo | altri due weekend per visitare l'installazione all'Archivio di Stato di Palermo

Sabato 23 e domenica 24, e sabato 30 giugno e domenica 1 luglio, dalle ore 10 alle ore 20 l'installazione site-specific Protocollo no. 90/6 (2018) del duo MASBEDO per Manifesta 12 sarà nuovamente fruibile all’interno dell’Archivio di Stato di Palermo

Kiel: Cesare Barabino oro nel Laser 4.7

Cesare Barabino dello Yacht Club di Olbia si aggiudica la medaglia d’oro nella classe Laser 4.7 distaccando il secondo classificato, l’olandese Paul Hameeteman di ben 41 punti ...

Forio d'Ischia: parte il Campionato Italiano Altura

Le acque dell’isola di Ischia faranno da palcoscenico alle sessantatré imbarcazioni, per un totale di oltre ottocento atleti che si daranno battaglia per quattro giorni sui due campi di regata al largo di Forio d’Ischia

La Serenissima celebra la tradizione con il VI Trofeo Principato di Monaco - Vele d'Epoca in Laguna

Per il quarto anno il Trofeo, seconda tappa della “Coppa A.I.V.E. dell’Adriatico” 2018, si rivolge alle imbarcazioni classiche ed è organizzato dallo Yacht Club Venezia

Volvo Ocean Race: tappa decisiva

E’ quella in cui veramente ci si gioca il titolo. La leg 11 partirà giovedì 21 giugno da Göteborg, in Svezia, diretta all’Aja nei Paesi Bassi e sarà una sfida totale per i primi tre team della classifica generale, MAPFRE, Team Brunel e Dongfeng Race Team

Grande successo per la 30+Trenta

Il percorso costiero prevede la partenza davanti al porto di Fiumicino con arrivo al molo della marina di Riva con attenzione alle secche di Capolinaro. Il ritorno percorso inverso con arrivo al traverso del molo verde di Fiumicino

Italiano Altura: dopo la prima giornata al comando Mela ed Extrema

Le imbarcazioni hanno portato a termine una prova nel corso di una giornata caratterizzata da bel tempo e vento debole intorno ai 7-8 nodi fino al pomeriggio

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci