martedí, 26 marzo 2019

VOLVO OCEAN RACE

VOR: aumenta la tensione, i Doldrum sono vicini

vor aumenta la tensione doldrum sono vicini
redazione

L’ultimo rilevamento delle posizioni indica che sono meno di dieci le miglia che separano il primo dal sesto team, e che le barche più a ovest sono più vicine al prossimo waypoint, ma la distanza nord/sud si è anche ridotta, e mancano 500 miglia prima che la flotta possa agganciare il flusso dei alisei di nord-est. Le prossime 48 ore saranno importantissime.

Dopo sei giorni in mare, la competizione è molto serrata fra le prime sei barche in una situazione in cui un piccolo guadagno o perdere qualche centinaio di metri può significare salire o scendere nella graduatoria provvisoria. E’ quello ce è successo oggi, quando i danesi/americani di Vestas 11th Hour Racing hanno preso la testa della Leg 4 mentre Dongfeng Race Team, che aveva occupato la prima piazza per i primi cinque giorni, si è ritrovato al quarto posto. E, nelle ore precedenti, gli spagnoli di MAPFRE avevano al loro volta occupato la leadership, salvo poi cadere in quinto posto mentre Turn the Tide on Plastic è secondo.

In realtà le barche navigano fianco a fianco, e lo scombussolamento è dovuto al posizionamento laterale, Vestas 11th Hour Racing è più vicino al prossimo waypoint che tutti gli altri team, ma resta da vedere se sia questa la carta giusta dal punto di vista tattico. Dongfeng è la barca più a est della flotta, con MAPFRE, Turn the Tide on Plastic e team AkzoNobel all’interno.

Date le attuali previsioni, la flotta dovrà affrontare diverse centinaia di miglia di vento leggero per attraversare le calme equatoriali, tipicamente caratterizzate da nuvole e temporali che possono colpire senza preavviso. La rotta più diretta per Hong Kong dovrebbe vedere la flotta navigare prua verso nord, ma per tutti la chiave del successo sarà scappar via il più velocemente possibile dai Doldrum. Ciò significa andare a nord per agganciare gli alisei di nord-est, ossia un flusso di vento più stabile e intenso.

Le prossime 36/48 ore saranno quindi quelle più importanti per la quarta tappa e potrebbero determinare il nome dei vincitori, anche se mancano oltre 3.000 miglia al traguardo. Di certo una situazione che mette tensione sulle spalle dei velisti.

“La situazione è appena cambiata totalmente.” Ha detto Luke Molloy da bordo di team AkzoNobel. “Vestas, MAPFRE, Dongfeng e Azko sono tutti vicinissimi, e TTOP non è tanto indietro. Sono momenti forti, nelle prossime ore si potrebbe vincere o perdere la tappa.”  Tom Johnson di Vestas 11th Hour Racing ha aggiunto: “Tutti hanno avuto la possibilità di portarsi in testa, in questo gruppetto. Dobbiamo fare la chiamata tattica giusta, prendere la nuvola giusta, prendere il salto giusto, è tutta da giocare.”

E mentre davanti si combatteva per la prima posizione, Team Brunel  a circa 20 miglia a sud dei leader ha avuto altro a cui pensare quando è stato colpito da un temporale particolarmente intenso e da un fulmine. “Il vento è cambiato improvvisamente e ci siamo resi conto di essere fermi.” Ha raccontato lo skipper Bouwe Bekking. “Poi siamo stati colpiti da un fulmine enorme, così vicino che c’erano scintille che volavano dall’albero e dalle sartie. Rome (Kirby) che era la timone si è ritrovato steso in coperta, solo per lo shock enorme e per il suono assordante.” Nessuno è fortunatamente rimasto ferito, e miracolosamente ne è uscito indenne anche il sistema elettronico.

Secondo le ultime proiezioni, la flotta potrebbe giungere a Hong Kong fra meno di dieci giorni.


08/01/2018 16:55:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Torre del Greco pronta per il Campionato Nazionale Meteor

Si lavora con lena perché tutto sia pronto per la 46esima edizione del Campionato Nazionale Meteor, quest’anno ospitato del Circolo Nautico di Torre del Greco, in collaborazione con il Club Nautico della Vela e con la Lega Navale Italiana sez. di Napoli

Ambrogio Beccaria al via della Defì Atlantique

Una nuova sfida per Ambrogio Beccaria che, a bordo di Eärendil, è sulla linea di partenza della “Défì Atlantique”, una transatlantica di soli Class 40, dalla Guadalupa a La Rochelle, in Francia

Roma per 1: il "veterano" Oscar Campagnola teme la bonaccia più del vento

Oscar Campagnola è alla sua quinta partecipazione in solitario. Sabato e domenica prossima i corsi di sopravvivenza ad Anzio. La Garmin premierà con apparati inReach i vincitori di tutte e cinque le regate

Invernale Otranto: in testa c'è "Il Gabbiere"

La nona regata del campionato invernale ‘Più Vela Per Tutti’ che si è svolta domenica nelle acque di Otranto è stata la più impegnativa del campionato

A La Maddalena il progetto di formazione marinaresca "L'Aula sul Mare"

Il progetto "L'Aula sul Mare" vede la partecipazione di molti giovani studenti provenienti da tutta Italia che vivranno per sei giorni a bordo di imbarcazioni a vela d’altura

Marina di Loano: numeri da record nel 2018

Citata tra le dieci marine più belle a livello internazionale da “Yachting Pages”, nel 2018, Marina di Loano ha ottenuto dal RINA la certificazione MaRINA Excellence 24 Plus, i ‘5 Timoni’ e “50 Gold”

Torna a Pozzallo il premio internazionale "Trofeo del Mare"

Al Mediterraneo e al suo essere elemento di unione, legame indissolubile e centro propulsivo da cui si irradiano flussi e riflussi inarrestabili, è dedicato il “Trofeo del Mare

Sul Garda di Gargnano il 41° Trofeo Bianchi

Domenica il Circolo Vela Gargnano aprirà la sua stagione 2019 con il "41° Trofeo Roberto Bianchi" per le classi monotipo (Asso, Protagonist 7.5, Dolphin Mr) e stazza Orc (Offshore Vari)

Genova: Slow Fish al Porto Antico dal 9 al 12 maggio

Petrini: «Giovani di tutto il mondo, venite a Slow Fish e fatelo vostro»

Domenica 24 marzo è la Giornata Europea del Gelato Artigianale

Il gelato artigianale, delizia per i palati di ogni età e nazione, si prepara ad essere il protagonista indiscusso del primo weekend di primavera

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci