lunedí, 16 luglio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    j/70    windsurf    j70    coppa italia    ufo22    rs feva    regate    nacra 17    libri    fincantieri   

VOLVO OCEAN RACE

VOR: arrivato anche AkzoNobel, ora riposo e lavori a bordo

vor arrivato anche akzonobel ora riposo lavori bordo
redazione

E’ stato un finale difficile di una tappa difficile che ha visto il team guidato da Simeon Tinepont perdere contatto con il resto della flotta a causa di un incidente tecnico, che ha danneggiato la rotaia della randa sull’albero durante una strambata con vento forte nell’Oceano meridionale. Non potendo navigare con la randa e dovendo rallentare per poter effettuare i lavori, il team ha perso diverse centinaia di miglia dagli avversati ed è rimasto anche intrappolato in un sistema meteo meno favorevole che lo ha ulteriormente rallentato.

“E’ stata una di quelle tappe che ti rendono più forte caratterialmente.” Ha detto il watch captain Chris Nicolson. “Ti insegnano che anche un piccolo errore può trasformarsi in un problema grande, e in un momento cruciale per la regata. Devi solo fare del tuo meglio e vedere come va. E’ stato bello vedere che tutti hanno tenuto e si sono dati una mano l’un con l’altro. Abbiamo avuto un bel mix di scherzi e cose serie fino al traguardo di oggi. Credo che sia positivo per il futuro. Ma non potremo più permetterci una tappa così.”

Ora il team dovrà mettere a terra l’albero per effettuare delle riparazioni più accurate durante la tappa di Melbourne, che è molto corta. La Leg 4 infatti partita il prossimo martedì 2 gennaio. E anche i velisti dovranno rimettersi in forma.

“Fortunatamente il resto della barca è a posto.” Ha detto lo skipper Simeon Tienpont. “La riparazione dell’albero sarà fatta dallo staff del Boatyard e dal costruttore Southern Spars. Abbiamo dei lavoretti da fare a bordo ma riusciremo anche a riposarci. A un certo punto qualche giorno fa, ci siamo resi conto che non avremmo potuto recuperare sugli altri quindi abbiamo deciso di cambiare il sistema delle guardie per fare in modo he nessuno si stancasse troppo e che si potessero fare gli altri lavori. Tutti sono in buona salute e abbastanza riposati. Andrà tutto bene.”

La Leg 3 ha portato la flotta da Città del Capo, in Sudafrica, a Melbourne, in Australia per oltre 6.500 miglia nel temibile e durissimo Southern Ocean ed è stata vinta da MAPFRE, che è primo anche nella generale; Dongfeng Race Team ha chiuso in seconda posizione e Vestas 11th Hour Racing in terza.

Team Brunel, con l’italiano Alberto Bolzan, che ha terminato in quarta piazza, ha stabilito il record di percorrenza sulle 24 ore sponsorizzato da Omega, con 538,1 miglia alla media di 22,4 nodi proprio il giorno prima dell’arrivo. In quinta posizione Sun Hung Kai Scalliwag e in sesta Turn the Tide on Plastic, con la triestina Francesca Clapcich.

Volvo Ocean Race –Classifica generale provvisoria 

 

1. MAPFRE -- ARRIVATO -- 29 punti (dopo la Leg 3)
2. Dongfeng Race Team -- ARRIVATO -- punti (dopo la Leg 3) 
3. Vestas 11th Hour Racing -- ARRIVATO -- punti (dopo la Leg 3)
4. Team Brunel -- ARRIVATO -- 14 punti (dopo la Leg 3)
5. Sun Hung Kai/Scallywag -- ARRIVATO -- 11 punti (dopo la Leg 3)
6. team AkzoNobel -- ARRIVATO -- 9 points punti (dopo la Leg 3) 
7. Turn the Tide on Plastic -- ARRIVATO -- 6 punti (dopo la Leg 3)

 


28/12/2017 10:52:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Marco & Muttley: ma che bel giro d'Italia a vela!!!

Marco Rossato, principale protagonista e promotore del progetto TRI sail4all promosso dall’ASD“I Timonieri sbandati”, è il primo velista disabile agli arti inferiori a circumnavigare in barca a vela da solo(con cane Muttley al seguito) i mari italiani

Garda: al mondiale Yngling si parla solo olandese

Mondiali classe Yngling a Riva del Garda: tra i tre olandesi la spunta NED 255 con Moorman Kaj al timone

Libri: Andrea Stella, Sfida sull'Oceano

Esce domani (11 luglio) in tutte le librerie per le Edizioni San Paolo "Sfida sull'oceano. Un'eccezionale impresa di mare in sedia a rotelle" di Andrea Stella

Duende (CNRT) vince la Coppa Italia, Tevere Remo la 1^ Coppa Italia per Club

Duende – Aeronautica Militare, Vismara 46 di Raffaele Giannetti, C. N. Riva di Traiano, vince la Coppa Italia 2018. Al Reale Circolo Canottieri Tevere Remo la prima Coppa Italia per Club - Trofeo Enway

Coppa Italia: una sola prova e la vince Duende (CNRT)

Riva di Traiano. Coppa Italia - Trofeo Enway 2018 - Tanto l’entusiasmo … ma il vento tradisce la prima della Coppa

14 luglio: parte dal CNRT la "presa" della Coppa Italia 

Parte il 14 luglio, giorno della presa della Bastiglia, da Riva di Traiano la nuova Coppa Italia Altura per Club, una vera rivoluzione che mette a confronto i circoli velici nel contendersi il Trofeo Enway 

Guardia Costiera: sequestrati 11.000 metri di reti illegali

Il sequestro operato da Nave Bruno Gregoretti (CP920) della Guardia Costiera

Prime regate all'Europeo Ufo 22

Al termine della prima giornata, in cima alla classifica troviamo Frisbee, ITA 049, di Michele Magagna, seguito al secondo posto da Wendl, AUT 114, di Günther Wendl e al terzo posto da GMT-Econova di Giorgio Zorzi, ex presidente della classe

Parte domani a Domaso il Campionato Italiano H22

L’H22 One Design è un’imbarcazione monotipo di 22 piedi (6,70mt), disegnata dal progettista inglese di Coppa America Rob Humphreys, prodotta da H22 One Design s.r.l.

49er, 49erFX, and Nacra 17 European Championship a Gdynia, in Polonia

Con 92 partecipanti nella classe 49er, 44 per le ragazze del 49er FX e 51 nei Nacra 17, ed il livello presente in acqua, il Campionato parte come uno degli appuntamenti più caldi dell’anno

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci