martedí, 16 ottobre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

invernali    soldini    regate    circoli velici    vela olimpica    barcolana    melges 20    melges20    nautica    marevivo    j24   

VOLVO OCEAN RACE

VOR: alle porte del Southern Ocean

vor alle porte del southern ocean
redazione

Le sette barche si sono ormai lasciate alle spalle la punta meridionale della Nuova Zelanda e hanno percorso già oltre 1.000 miglia dalla partenza da Auckland di domenica, facendo registrare velocità molto elevate.

A bordo di tutti i team i velisti raccontano di un brusco abbassamento della temperatura dell’aria e dell’acqua, un chiaro segnale che la flotta si sta addentrando nell’Oceano Meridionale, la grande massa d’acqua che circonda il continente antartico. “Abbiamo notato che comincia a fare freddo, soprattutto l’acqua è più fredda.” Ha spiegato l’olandese Carolijn Brouwer, una delle veliste di Dongfeng Race Team. “Stiamo andando a sud velocemente, a circa 20 nodi. Ma c’è ancora tanto davanti a noi, questo è solo un warm-up, anzi un cool down, a seconda di come lo si voglia vedere.” 

Quella che attende la flotta, infatti, è la tappa più lunga e dura dell’intera Volvo Ocean Race: 7.600 miglia teoriche nelle acque più inospitali del pianeta e oltre il famigerato Capo Horn.

Quelli che partecipano alla Volvo Ocean Race sono fra i velisti più forti del mondo, e tuttavia la grandezza della sfida che li attende non viene presa alla leggera. “Siamo già a mille!” Ha detto lo skipper australiano di Sun Hung Kai/Scallywag, Dave Witt. “Questa tappa è probabilmente la cosa più bella e stressante che farò mai, penso. Navigare è la parte più facile, mi piace, ma è la pressione su tutti, sugli sponsor, su di me, sulle relazioni umane, è quella la cosa più difficile.”

A bordo di Team AkzoNobel, attualmente in terza piazza, la medaglia d’oro olimpica dei 49er FX a Rio 2016 Martine Grael si sta preparando mentalmente per la sua seconda volta nel Southern Ocean. “Ci si bagna già parecchio,” ha detto la brasiliana. “E presto farà anche un bel freddo. Vediamo come sarà dopo una settimana sempre bagnati. Non sarà facile ma non vedo l’ora di imboccare l’autostrada che ci porterà fino al Sud America."

In testa alla flotta ci sono sempre i danesi/americani di Vestas 11th Hour Racing che è la barca posizionata più a est, mentre i battistrada della prima fase di Turn the Tide on Plastic, su cui naviga la triestina Francesca Clapcich, sono scesi in sesta posizione, data la loro rotta più a ovest. Sebbene la frazione sia ancora alle prime battute lo skipper di Vestas 11th Hour Racing Charlie Enright si è detto felice che il suo equipaggio non abbia perso il passo, dopo aver dovuto rinunciare alla Leg 6. “E’ rassicurante vedere che siamo davanti. E’ proprio bello ed è una spinta al morale per tutti, ma allo stesso tempo non volgiamo sederci sugli allori perché c’è ancora molta strada da fare.”

Il vento continua a spirare da est e dunque la strategia rimane quella di portarsi il più possibile a sud, prima di poter finalmente mettere la prua a est. Con la zona di esclusione dei ghiacci posizionata sotto i 50° sud, i team stanno in realtà accorciando la distanza, puntandoci direttamente. Poi dovranno affrontare una settimana di condizioni dure con venti dai 30 ai 40 nodi, strambando al limite della zona verso Capo Horn.

Uno dei pochi velisti che non sembra preoccupato delle condizioni meteo è il capitano di AkzoNobel Nicolai Sehested. “A me non importa se fa freddo.” Ha detto, evidentemente abituato alle temperature della sua Danimarca. “Anzi sono abbastanza contento che non ci siano tappe calde per un po’!”


20/03/2018 18:14:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Barcolana: nella lotta tra ex la spunta Morning Glory (Spirit of Portopiccolo)

Vince Spirit of Portopiccolo, ovvero l'ex Morning Glory costruita nel 2006, davanti a CQS Tempus Fugit, ex Nicorette un 29,76 metri del 2004 e all'ex Maxi Iena Way of Live

FLASH - Oro per Giorgia Speciale alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Giorgia Speciale ha dominato nella classe dei Techno 293 Plus femminile ed ha conquistato l'Oro alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Barcolana, se non sono 2000 non ci si diverte

Superata la soglia dei 2000 iscritti. Spirit of Portopiccolo riconsegna la Coppa, ma è pronto a riprendersela.

Barcolana 50: prima regata per il Team MSC

Con MSC Team parte da Trieste l’esperienza velica della compagnia di navigazione con la barca classe Psaros33. In partnership con Marevivo, l’organizzazione dedicata alla conservazione marina, MSC promuoverà la passione e il rispetto per il mare

Olimpiadi Giovanili: la Speciale sempre in testa, Nicolò Renna sale al 2° posto

Nel Techno 293 Plus Giorgia Speciale scarta il terzo posto quale peggior risultato. Nicolò Renna vince una prova e sale al 2° posto in classifica

Olimpiadi Giovanili: Speciale e Renna oggi in acqua per una medaglia

Appuntamento in acqua con primo segnale di avviso alle ore 12:00 locali (17:00 italiane) con le finali delle tavole a vela previste alle 12:05 (17:05 italiane) quella maschile e alle 12:45 (17:45 italiane) quella femminile

Olimpiadi Giovanili: arriva un altro oro con Sofia Tomasoni

Sofia Tomasoni (CV Windsurfing Club Cagliari) è la prima Campionessa Olimpica Giovanile della classe Kiteboard Twin Tip Racing femminile

Olimpiadi Giovanili: buone notizie dalla vela azzurra

Sofia Tomasoni sale al 2° posto nei Kiteboard femminili, Nicolò Renna sempre 2° nei T293 maschili e Giorgia Speciale consolida il 1° posto nei T293 femminili

New Sardiniasail alla Barcolana

Ci sarà anche la Sardegna alla Barcolana, la regata più grande del mondo con Lima Fotodinamico dell'associazione New Sardiniasail che attraverso la vela punta al reintegro sociale di minori e giovani adulti con problematiche penali

Olimpiadi Giovanili: Argento per Nicolò Renna

L'atleta del Circolo Surf Torbole ha conquistato l'argento nella classe techno 293 plus maschile

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci