sabato, 23 giugno 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

mini 6.50    press    regate    melges 20    altura    tp52    circoli velici    volvo ocean race    ucina    gc32    cnrt    vela    j24   

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: una partita a scacchi

volvo ocean race una partita scacchi
Roberto Imbastaro

Per un bizzarro gioco del destino le sette barche si sono trovare a puntare verso ovest, allontanandosi dalla rotta per il traguardo svedese, per riuscire a passare oltre una ampia striscia di aria leggera che staziona a un centinaio di miglia dalla costa irlandese.

Dopo due giorni in mare e meno di 1.000 miglia ancora da percorrere, sono solo otto le miglia che separano le sette barche. Oggi è stato il turno degli spagnoli di MAPFRE di prendere il ruolo di battistrada, con team AkzoNobel in seconda posizione ma vicinissimo. I leader della classifica generale, i franco/cinesi di Dongfeng Race Team che avevano condotto belle prime fasi, si trovano invece in quarta piazza con Team Sun Hung Kai/Scallywag al terzo posto. La classifica, tuttavia, non è quella che sembra, in realtà Scallywag accusa un ritardo di oltre 15 miglia ma tecnicamente è più vicino alla linea del traguardo, che si trova a circa 970 miglia a est.

Mentre le velocità rimangono nell’ordine dei 10 nodi, tutti gli equipaggi sanno che dall’altra parte della dorsale sono presenti venti da sud-ovest piuttosto forti che permetteranno loro di puntare a nord e di dirigersi velocemente verso la Scozia. Il primo team che riuscirà ad entrare nel vento più sostenuto avrà la chance di scappare via dagli avversari, e con soli tre punti a separare i primi tre team nella generale, la mossa potrebbe rivelarsi cruciale per la vittoria dell’intero giro del mondo.

“Come avrete notato abbiamo avuto condizioni complicate fin dall’inizio.”Ha detto lo skipper di MAPFRE, Xabi Fernández. “Siamo un po’ tesi all’idea di passare la dorsale, perché i primi a farlo si troveranno in una posizione molto favorevole, quindi stiamo cercando di portarci il più possibile a ovest… Siamo contenti della nostra posizione più settentrionale, ma a dire la verità siamo nervosi.” 

“Ancora tre o quattro giorni, e potrebbe succedere di tutto.” Ha spiegato il prodiere spagnolo Willy Altadill. “Magari la vittoria della Volvo Ocean Race si deciderà nelle prossime 10 ore, poi arriverà il vento e sarà più difficile passare le altre barche.”

Rientrato sul gruppo di testa, il pensiero di team AkzoNobel ora va a quello che attende la flotta nel proseguo della tappa. Le previsioni parlano di condizioni dure, con 40 nodi di vento e visibilità ridotta al largo della costa scozzese, un attraversamento con vento del Mare del Nord e condizioni ancora più dure al largo della costa norvegese.

“Quasi tutte le barche navigano in linea, da sud-est a nord-ovest, per attraversare la zona.” Ha detto il watch captain di team AkzoNobel, Chris Nicholson. “La cosa strana è che si tratta della stessa dorsale che abbiamo attraversato due settimane fa nella Leg 9. Speriamo che le cose andranno un po’ meglio per noi, stando più a nord. Non credo che nessuno sappia dove è meglio essere, ma noi abbiamo seguito il nostro piano e quindi siamo abbastanza contenti. Ora stiamo già pensando a come cambieranno le cose e come regolare le vele in maniera efficiente dopo aver passato il bridge. Credo sia quella la cosa importante.”

L’arrivo a Goteborg, in Svezia, è previsto per la notte di giovedì.

 


12/06/2018 19:47:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Tutti i vincitori della Giraglia 2018

La regata si č dunque chiusa questa mattina con il tempo limite delle 11 del mattino e la premiazione nel villaggio allestito per i regatanti nei piazzali della sede dello Yacht Club Italiano

Joshua e Suhaili, ecco la Storia della Vela

Eccole, affiancate dopo 50 anni a Les Sables d'Olone, JOSHUA, la barca di Bernard Moitessier, e SUHAILI di Sir Robin Knox-Johnston

Panerai Classic Yacht Challenge: vincono Bertelli su Linnet e Ferruzzi con Il Moro di Venezia I

Vittoria per Patrizio Bertelli su ‘Linnet' nella categoria Vintage e di Massimiliano Ferruzzi con 'Il Moro di Venezia I' nei Classic

Mini 6.50, Boggi Beccaria vince il MAP

Ambrogio Beccaria vince il Trofeo Marie-AgnčsPéron” (MAP) nella categoria Serie a bordo di “Sponsor wanted”.

Italiano Altura: due prove con vento leggero nella seconda giornata ischitana

Nelle acque dell’isola verde si sono svolte due prove di giornata nonostante un vento debole e instabile che ha costretto il Comitato di Regata di rinviare la prima partenza di quasi due ore

Prosecco Doc - Cooking Cup: vince Keep Cool

Francesco Dal Bon e Davide Cori vincono per il terzo anno consecutivo con a bordo il cuoco professionista Alessando Ramel

Kiel: Cesare Barabino oro nel Laser 4.7

Cesare Barabino dello Yacht Club di Olbia si aggiudica la medaglia d’oro nella classe Laser 4.7 distaccando il secondo classificato, l’olandese Paul Hameeteman di ben 41 punti ...

Un'estate di grandi eventi per il Circolo Vela Gargnano

Tante regate prima di Gorla & Centomiglia, anticipate dal Circuito Internazionale del Catamarano M 32. Il 22 settembre la Childrenwindcup. Si parte a fine giugno con il trofeo Danesi, a metŕ luglio il Trofeo Alpe del Garda alla base di Campione Univela

Volvo Ocean Race: Vestas vince la Gothenburg In-Port Race, MAPFRE le Series

Spettacolare regata costiera nelle acque di Göteborg, piena di azione e di cambi al vertice. La vittoria va a Vestas 11th Racing ma con il terzo posto di oggi gli spagnoli di MAPFRE si sono matematicamente aggiudicati le In-Port Series

Forio d'Ischia: parte il Campionato Italiano Altura

Le acque dell’isola di Ischia faranno da palcoscenico alle sessantatré imbarcazioni, per un totale di oltre ottocento atleti che si daranno battaglia per quattro giorni sui due campi di regata al largo di Forio d’Ischia

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicitŕ.  Approfondisci