mercoledí, 19 dicembre 2018

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: una battaglia senza soste

volvo ocean race una battaglia senza soste
Roberto Imbastaro

Manovre e ancora manovre, i due leader Dongfeng Race Team e MAPFRE stanno infilando una serie incredibile di strambate, con una traiettoria a zig-zag verso sud-est, tenendosi al limite della zona interdetta, imposta dalla Antarctica Ice Exclusion Zone (AIEZ), uno strumento virtuale attivato per tenere gli equipaggi lontani da pericolosi iceberg presenti nelle basse latitudini dell’Oceano meridionale.

Secondo l’onboard reporter di Dongfeng, Martin Keruzore, l’odine “strambata” incomincia a suonare come una punizione, qualcosa che spaventa i velisti. E indubbiamente la sensazione sarà la stessa su tutte le barche. La ragione è semplice: strambare su queste barche richiede molte braccia, l’equipaggio fuori turno viene richiamato in coperta per aiutare oppure rimane sotto per spostare tutto il materiale da un lato all’altro della barca. Un processo che può durare mezz’ora e che richiede uno sforzo fisico notevole. E, attualmente i leader stanno strambando più di una volta all’ora.

“Stiamo navigando a vista con Dongfeng dalla scorsa notte, entrambi abbiamo continuato a strambare sulla linea della zona di esclusione dai ghiacci.” Ha raccontato il navigatore di MAPFRE Juan Vila in un report alla sede della regata ad Alicante. “Abbiamo fatto 17 strambate in meno di 11 ore. Tutto bene a bordo, il morale è altro, specialmente perché siamo riusciti a rientrare in contatto con il leader.” In effetti c’è molto di cui essere soddisfatti a bordo della barca spagnola visto che ieri avevano un distacco da Dongfeng di 14 miglia e oggi, a 24 ore di distanza si è ridotto a sole 5 miglia.

Alle spalle dei due battistrada anche gli altri team nella pancia della flotta si sono rifatti sotto con Vestas 11th Hour racing a poco più di 52 miglia, team Brunel a meno di 74, Sun Hung Kai Scalliwag a 83,3 e Turn the Tide on Plastic a 133,4 miglia.

Proprio da bordo di Turn the Tide on Plastic, arriva un video con Francesca Clapcich, che dà il senso di quanto difficile sia rimanere sempre in controllo della barca nelle condizioni di vento ma soprattutto di mare del Southern Ocean, il video è scaricabile da questo  link

In coda alla flotta team AkzoNobel ha ripreso a navigare al 100% delle forse, essendo riuscito ad effettuare un’efficace riparazione della rotaia della randa sull’albero. “Abbiamo issato la randa senza problemi, abbiamo fatto un buon lavoro.”  Ha raccontato Nicolai Sehested. “Sapevamo che al secondo tentativo la riparazione avrebbe tenuto.” In effetti AkzoNobel sta camminando bene e recuperando miglia, ben 125 nelle ultime 24 ore, anche grazie alla compressione della flotta davanti. Oggi infatti le barche sono tutte più vicine, ma resta comunque un buon segno per il team di Simeon Tienpont che sta cercando di rientrare in gara.

 


17/12/2017 16:17:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Riva di Traiano: Milù III, Ulika e Tevere Remo Mon Ile scaldano l'invernale 

Dopo tre giri tra le boe vince in reale il Mylius 14E55 di Andrea Pietrolucci davanti allo Swan 45 di Stefano Masi e al First 40 di Gianrocco Catalano  

Varese: aperte le iscrizioni al 6° Convegno di Barche d’Epoca

Sabato 26 gennaio 2019, presso il prestigioso Palace Grand Hotel di Varese, a soli 40 minuti da Milano e a poca distanza dalla Svizzera e dai Laghi Maggiore e di Como, si terrà la sesta edizione di “Tra Legno e Acqua”

Ferretti Group sempre al Top della nautica mondiale

Con 91 progetti (+ 4,6% vs 2018) e 2.952 metri di barche sopra i 24 metri (+ 6,9 vs 2018), il Gruppo si conferma al secondo posto sul mercato della nautica d’eccellenza a livello mondiale nel Global Order Book 2019

Un 2018 positivo per il Circolo Nautico Santa Margherita di Caorle

Con l’ultima regata a calendario, La Cinquanta disputata in novembre, si è chiusa l’intensa stagione agonistica 2018 del Circolo Nautico Santa Margherita di Caorle, che traccia un bilancio dell’anno appena trascorso, guardando ai prossimi appuntamenti.

Star Sailors League: le esperienze di Tita e Gallinaro

Si è da poco conclusa la sesta finale della Star Sailors League e Ruggero Tita e Guido Gallinaro raccontano la loro esperienza

Optimist: presentato al Savoia il Trofeo Campobasso

Il Reale Yacht Club Canottieri Savoia organizza, dal 3 al 5 gennaio 2019, la 26esima edizione del Trofeo Marcello Campobasso, regata velica internazionale voluta dalla Federazione Italiana Vela

Cannes: confermate le Régates Royales nonostante il ritiro di Panerai

La città di Cannes e lo Yacht Club di Cannes (organizzatore dell’evento) saranno felici di dare il benvenuto ancora una volta l’élite della vela classica mondiale nella bellissima baia

J/70 Cup, verso un 2019 ricco di appuntamenti importanti

Dopo la pausa invernale la stagione del monotipo più gettonato del momento ripartirà dalle acque toscane di Scarlino per iniziare un tour dell'Italia

Napoli: domenica in acqua per l'Invernale

Quarto appuntamento con il Campionato Invernale per l’assegnazione della Coppa Ralph Camardella

Star Sailors League: la soddisfazione di Diego Negri

Dei 4 equipaggi italiani presenti alla regata bahamiana, i giovani Ruggero Tita e Guido Gallinaro e il timoniere di Luna Rossa ed ex olimpionico Francesco Bruni, Negri è stato l’unico a passare il taglio dei top ten e conquistare il podio

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci