sabato, 19 gennaio 2019

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: si scende a Sud

volvo ocean race si scende sud
Roberto Imbastaro

Il team guidato dallo skipper olandese Simeon Tienpont ha saputo approfittare di un un vento leggermente più intenso e di un angolo migliore, riuscendo a ripassare Turn the Tide on Plastic e Team Sun Hung Kai/Scallwag.

La fortuna per team AkzoNobel si è materializzata sotto forma di una nuvola tropicale fra sé e gli immediati inseguitori di Scallywag, permettendo al team di filare via a maggiore velocità. Le tre barche avevano navigato molto vicine in avvicinamento alla punta settentrionale della Nuova Caledonia, con Akzonobel e Scallywag posizionati più a ovest di Turn the Tide on Plastic.

La barca della skipper Dee Caffari ieri aveva tentano una mossa coraggiosa: passare in un varco nella estesa barriera corallina. La scommessa non ha però pagato quanto ci si aspettava a bordo. Al rilevamento delle ore 14, quando mancavano poco più di 1.100 miglia alla linea del traguardo di Auckland, AkzoNobel si trovava in prima piazza considerando il waypoint di Cape Brett sulla punta settentrionale della Nuova Zelanda, seguita da Turn the Tide on Plastic e da Scallywag.

“Di tutte le sei barche della flotta quella su cui vorrei essere è quella dove sono.” Ha dichiarato da bordo di AkzoNobel la velista francese Cécile Laguette. “Siamo nel posto buono, a giudicare da dove arriva il vento ora e dove abbiamo bisogno di essere per i prossimi giorni. Ma c’è ancora molta strada da fare e finché non saremo arrivati vicino alla punta della Nuova Zelanda, meglio non fare pronostici.”

I vincitori della Leg 4 di  Scallywag hanno cercato di rifarsi sotto ad AkzoNobel fin da quando hanno perso la leadership qualche giorno fa. Ma proprio quando pensavano di esserci vicini, sono rimasti vittime di una nuvola che ha ridotto la velocità della barca a meno di un nodo, mentre i rivali filavano a 13 nodi, scappando via.

John Fisher, timoniere a bordo di Scallywag ha spiegato: “Era notte fonda e ci stavamo portando oltre la barriera a nord della Nuova Caledonia. Eravamo solo a due o tre miglia da AkzoNobel quando fra di noi si è messa una nuvola. E’ stato uno di quei momenti di rabbia, che ti fanno venir voglia di strapparti i capelli. Cerchiamo di andare a sud il più velocemente possibile, ora.”

Gli olandesi di Team Brunel, su cui corre anche il friulano Alberto Bolzan, erano in quarta posizione quando hanno preso l’opzione Stealth, cioè si sono nascosti alla vista degli avversari e del pubblico per 24 ore. Questa modalità nascosta di solito viene utilizzata quando i team vogliono tenere celata un’importante mossa tattica, dunque per sapere quale sarà stata bisognerà attendere fino al report delle 2 della notte di sabato.

Dopo essersi lasciati alle spalle la punta nord della Nuova Caledonia ed essere usciti dai Doldrum, gli inseguitori di MAPFRE e Dongfeng hanno scelto di navigare con un angolo migliore per cercare maggiore velocità e recuperare sul quartetto di testa. “Cominciamo a uscire dai Doldrum e il vento sta cominciando a venire da sud est, anche se gli alisei non sono stabiliti al 100%.” Ha detto il navigatore di MAPFRE Juan Vila. “Ci sono momenti in cui abbiamo dieci nodi di aria, altri solo sei. Speriamo il vento sia più stabile nelle prossime ore, domani dovremmo avere già 10 o 15 nodi.”

 


23/02/2018 17:57:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Exxpedition: un giro del mondo a vela per sole donne contro la plastica

Partirà dall’Inghilterra l’eXXpedition Round the World 2019-2021, spedizione oceanica in barca a vela tutta al femminile che circumnavigherà il globo per sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale sull’enorme impatto delle sostanze plastiche sugli oceani

Windsurf: il titolo italiano overall a Dario Mocchi

Dario Mocchi ITA-8080 conquista il titolo OVERALL bissando il successo del 2017. Prima delle donne Bruna Ferracane ITA 712

America's Cup: Panerai sponsor di Luna Rossa

Lasciate le vele d'epoca, cui aveva lungamente legato il proprio nome, Panerai approda alla teconologica America's Cup a bordo di Luna Rossa

Varato l'Audace, l'Explorer Yacht di Andrea Merloni

Due discoteche, una Land Rover, una moto e una Penthouse a 15 m sul livello del mare. Ecco lo yacht dell’ex presidente Indesit progettato da Floating Life insieme allo Studio Sculli e costruito dal Cantiere delle Marche

Le "Nozze d'Argento" del Velista dell'Anno FIV

XXV edizione e Nozze d'Argento per "Il Velista dell’Anno FIV", ideato, promosso e organizzato da Acciari Consulting e dalla FIV

Dinghy: a Torre del Lago il Trofeo Valentin Mankin

Tutto pronto per il Trofeo Valentin Mankin. Attesi oltre 50 Dinghy a Torre del Lago Puccini il 19 e 20 gennaio per la quinta edizione della "Nazionale Spontanea"

Spindrift 2 partito per il Jules Verne Trophy

Per conquistare il Jules Verne Trophy devono tagliare il traguardo entro il 26 febbraio alle 11h 16h 16m 57sec UTC per battere il record, detenuto dal 2017 da Francis Joyon e dal suo equipaggio, di 40 giorni 23h 30m 30s.

Cavallo Pazzo II guida l'Invernale del Circeo

Dopo sei prove in testa c'è Cavallo Pazzo II, l’X 35 di Enrico Danielli, seguito da Vahinè 7 il First 45 di Francesco Raponi, terzo Le Cage Aux Folles l’XP 33 di Mario Bellotti

Un mistero dietro il naufragio agli scogli della Meloria?

La Guardia Costiera indaga perché non convinta delle spiegazioni dello skipper francese. Imperizia o traffici illeciti?

Sanremo: ripreso l'Invernale West Liguria

E’ iniziata sabato 12 gennaio la terza tappa del trentacinquesimo Campionato Invernale West Liguria, ovvero l’ “Inverno in regata”, organizzato dallo Yacht Club Sanremo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci