sabato, 19 gennaio 2019

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: Scallywag batte al fotofinish Turn the Tide on Plastic

volvo ocean race scallywag batte al fotofinish turn the tide on plastic
redazione

Team AkzoNobel si è assicurato il quinto posto nella seconda tappa della Volvo Ocean Race giungendo sulla linea sabato notte. L’equipaggio guidato dall’olandese Simeon Tienpont è riuscito a mantenere la calma, mentre il vento andava quasi completamente svanendo e le due barche che inseguivano erano a meno di 4 miglia. Non capita spesso che un quinto posto abbia il sapore di una vittoria, ma visto quanto serrata era la lotta con SHK/Scallywag e Turn the Tide on Plastic, questo è un risultato che team AkzoNobel accoglie felicemente.
“Abbiamo dovuto sempre lottare.” Ha dichiarato Tienpont. “Naturalmente è deludente non essere riusciti ad entrare nel vento buono. Ma tutti a bordo hanno mantenuto un approccio positivo. Non c’era negatività e abbiamo regatato in armonia fino alla fine. Sono molto felice di questo quando posto ottenuto con una battaglia così dura.” 
Alle spalle di team AkzoNobel, la regata ha vissuto un finale ancora più intenso ed emozionante. Nel bordo di avvicinamento a Città del Capo Sun Hung Kai/Scallywag aveva un vantaggio di circa due miglia su Turn the Tide on Plastic. Ma l’aria disturbata e leggera creata dal sottovento della Table Mountain, ha ridotto il vantaggio del team di Hong Kong ai minimi termini. A poca distanza dalla linea Dee Caffari e il suo team di giovani sono arrivati a 0,1 miglio (poco meno di duecento metri) dalla barca dello skipper David Witt, dopo oltre 7.500 miglia di navigazione in oceano. Purtroppo però non sono riusciti ad effettuare il sorpasso e si sono dovuti accontentare del settimo posto.
“Abbiamo avuto Scallywag nel mirino fin dal passaggio dell’equatore e il risultato non era affatto scontato. Ci meritavamo di meglio, sono dispiaciutissima per i miei ragazzi.” Ha detto Dee Caffari. “Oggi abbiamo perso un paio di miglia, poi le abbiamo recuperate e siamo arrivati a un paio di lunghezze di distacco. Il mio equipaggio è stato molto bravo e per questo motivo avrei voluto che le cose andassero diversamente sul traguardo.”
“Siamo finalmente arrivati dopo 21 giorni di navigazione, siamo un po’ stanchi.” Ha detto Francesca Clapcich al suo arrivo a Città del Capo. “Purtroppo il risultato non è quello che speravamo e forse nemmeno quello che ci meritavamo dopo tanti giorni di match-race in mezzo all’oceano. Siamo arrivati una lunghezza dietro Scallywag dopo 6.000 miglia… Fa un po’ arrabbiare però abbiamo visto che possiamo giocarcela fino alla fine, abbiamo lottato fino alla fine e anche quando le cose sembravano mettersi male abbiamo sempre lottato per cercare di ritornare in gioco. Penso che ogni volta impariamo cose nuove.” La triestina ha poi dichiarato: “Per me è stata un’esperienza incredibile. E’ un sogno partecipare alla Volvo Ocean Race e lottare per cercare di fare un buon risultato è ancora più incredibile. C’è un po’ d amarezza ma sono contenta di essere arrivata fino qui. Cercheremo di guardare al futuro e vedere un po’ come va.” Ha concluso Francesca Clapcich, con il suo consueto sorriso. 
La video intervista integrale a Francesca Clapcich si trova a questo link 
David Witt e il suo team hanno resistito all’attacco di Turn the Tide on Plastic per la gran parte della tappa, e solo sulla linea hanno potuto tirare un sospiro di sollievo. Hanno ottenuto la sesta piazza per poco più di un minuto. “Sono stati tutti molto bravi, non hanno mollato.” Ha detto Witt a proposito della tenacia del suo equipaggio. “Siamo un gruppo solido, abbiamo un bella personalità. Dobbiamo restare uniti, continuare a lottare e migliorare.”
Con l’arrivo di tutti e sette i team si è definita la classifica generale che vede i vincitori della seconda tappa, gli spagnoli di MAPFRE in testa con un punto di margine su Vestas 11th Hour Racing, mentre Dongfeng Race Team è un punto dietro.
Ora i velisti si concederanno un meritato riposo, prima del prossimo appuntamento, la In-Port Racein programma per l’8 dicembre. La Leg 3 della Volvo Ocean Race, da Città del Capo a Melbourne in Australia, partirà invece il 10 dicembre.


26/11/2017 11:46:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Exxpedition: un giro del mondo a vela per sole donne contro la plastica

Partirà dall’Inghilterra l’eXXpedition Round the World 2019-2021, spedizione oceanica in barca a vela tutta al femminile che circumnavigherà il globo per sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale sull’enorme impatto delle sostanze plastiche sugli oceani

Windsurf: il titolo italiano overall a Dario Mocchi

Dario Mocchi ITA-8080 conquista il titolo OVERALL bissando il successo del 2017. Prima delle donne Bruna Ferracane ITA 712

America's Cup: Panerai sponsor di Luna Rossa

Lasciate le vele d'epoca, cui aveva lungamente legato il proprio nome, Panerai approda alla teconologica America's Cup a bordo di Luna Rossa

Varato l'Audace, l'Explorer Yacht di Andrea Merloni

Due discoteche, una Land Rover, una moto e una Penthouse a 15 m sul livello del mare. Ecco lo yacht dell’ex presidente Indesit progettato da Floating Life insieme allo Studio Sculli e costruito dal Cantiere delle Marche

Le "Nozze d'Argento" del Velista dell'Anno FIV

XXV edizione e Nozze d'Argento per "Il Velista dell’Anno FIV", ideato, promosso e organizzato da Acciari Consulting e dalla FIV

Dinghy: a Torre del Lago il Trofeo Valentin Mankin

Tutto pronto per il Trofeo Valentin Mankin. Attesi oltre 50 Dinghy a Torre del Lago Puccini il 19 e 20 gennaio per la quinta edizione della "Nazionale Spontanea"

Spindrift 2 partito per il Jules Verne Trophy

Per conquistare il Jules Verne Trophy devono tagliare il traguardo entro il 26 febbraio alle 11h 16h 16m 57sec UTC per battere il record, detenuto dal 2017 da Francis Joyon e dal suo equipaggio, di 40 giorni 23h 30m 30s.

Cavallo Pazzo II guida l'Invernale del Circeo

Dopo sei prove in testa c'è Cavallo Pazzo II, l’X 35 di Enrico Danielli, seguito da Vahinè 7 il First 45 di Francesco Raponi, terzo Le Cage Aux Folles l’XP 33 di Mario Bellotti

Un mistero dietro il naufragio agli scogli della Meloria?

La Guardia Costiera indaga perché non convinta delle spiegazioni dello skipper francese. Imperizia o traffici illeciti?

Sanremo: ripreso l'Invernale West Liguria

E’ iniziata sabato 12 gennaio la terza tappa del trentacinquesimo Campionato Invernale West Liguria, ovvero l’ “Inverno in regata”, organizzato dallo Yacht Club Sanremo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci