venerdí, 23 febbraio 2018

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: rotta su Auckland

volvo ocean race rotta su auckland
Roberto Imbastaro

La sesta frazione ha preso il via con vento leggero da est, intorno agli 8/10 nodi, con AkzoNobel, SHK/Scallywag e Team Brunel che hanno tagliato per primi, dando il via a un bordo di bolina, seguiti da numerose barche spettatori. Ma, poco dopo essersi lasciati alle spalle l’isola, il vento ha cominciato a salire raggiungendo i 15/20 nodi, e i team hanno arrotolato i grandi Code 0 per issare vele di prua più piccole e adatte alle condizioni, condizioni che si prevede andranno peggiorando nelle prossime 24 ore.

“E’ quasi tutta bolina, quindi i primi giorni saranno duri.” Ha detto la skipper di Turn the Tide on Plastic Dee Caffari. “Potrebbe essere tosto uscire da Hong Kong.” La triestina Francesca Clapcich, che naviga anche per la Leg 6 con Caffari, in un’intervista pre-partenza ha detto: “Sarà un tappa difficile, sono comunque 20 giorni da passare in mare. Avremo tanta bolina e dovremo attraversare ancora l’equatore. Speriamo di essere un po’ più fortunati con le nuvole nel passaggio dei Doldrum. Vogliamo cercare di spingere al massimo per avere una buona posizione, e mantenerla fino all’arrivo.”

Secondo Simeon Tienpont skipper di AkzoNobel. “Sarà tosta uscire dalle acque di Hong Kong. Non sarei sorpreso di vedere vento molto forte.”

Le previsioni, in effetti, parlano di un ciclone tropicale in sviluppo, che potrebbe creare mare molto mosso, tanto che gli organizzatori hanno inserito nel percorso una Tropical Storm Exclusion Zone (Zona di Esclusione di Tempesta Tropicale) che si estende dai 20 gradi di longitudine alla parte orientale delle Filippine. La maggior parte dei software di navigazione suggeriscono che la rotta più veloce sia quella a nord-est della zona di esclusione, che terrà la flotta lontana dall’area dove le condizioni saranno peggiori. La tappa condurrà le sei barche della Volvo Ocean Race su una rotta a est prima che possano spingersi a sud verso le calme equatoriali e dopo ancora verso la punta settentrionale della Nuova Zelanda.

“E’ una tappa lunga, oltre 6.000 miglia, e praticamente all’opposto della Leg 4 che ci ha condotto qui.” Ha spiegato Xabi Fernández, skipper del team leader della classifica generale MAPFRE. “E, come sempre, la partenza sarà determinante.”

“Se guardiamo ai modelli di previsione sembra che sarà intenso fin dalle prime 36 o 48 ore.” Ha invece dichiarato il veterano olandese Bouwe Bekking, skipper di Team Brunel. “Ci sono opzioni di rotta differenti. Se si sceglie quella sbagliata si corre il rischio di restare indietro centinaia di miglia.” Alberto Bolzan, che è ritornato a far parte dell’equipaggio di Bekking, dopo una pausa nella Leg 4: “Mi sono riposato e rigenerato, adesso è ora di ripartire verso la Nuova Zelanda, una delle mie mete favorite. Sarà una tappa molto interessante per le condizioni che andremo a incontrare, ci sarà vento abbastanza forte, che poi andrà a calare e dovremo attraversare i Doldrum. Sarà come l roulette russa, bisognerà avere un po’ di fortuna per riagganciare un po’ di vento e ottenere un buon risultato. E’ una tappa importante per noi, ci serve fare un buon piazzamento per la classifica. Sono rientrato io, ci sono Peter Burling e Louis Sinclair per cui il team è al completo e cercheremo di spingere al massimo.”

Ph: Pedro Martinez/Volvo Ocean Race

 


07/02/2018 10:55:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

La X-Yachts Med Cup 2018

L'evento che coniugherà un week end di regate a momenti di socializzazione tra armatori, si svolgerà nel golfo del Tigullio, a Chiavari nei giorni 18-20 Maggio

Wine: Prosecco e Chianti star sul web

Kristina Isso a Londra con la sua Prosecco House e Sting in Toscana hanno catalizzato l'attenzione sul web in questa settimana. Cordoglio per la morte di Bruno Giacosa, storico produttore di Barolo e Barbaresco. Due vini foggiani premiati in Giappone

Nasce Seatec Academy, un centro di formazione per ingegneri e architetti nautici

In programma dal 5 al 7 aprile, IMM CarraraFiere lancia Seatec Academy un’offerta formativa rivolta ai professionisti della nautica da diporto che necessitino di CFP, Crediti Formativi Professionali

De Magistris: “Nauticsud, bilancio positivo per l’economia del mare”

63mila presenze e trend positivo di vendite, il resoconto del 45° salone nautico di Napoli. Nauticsud Award 2018 per le aziende: Nautica Salpa, Coastal boat e Rivellini design

Gommoni a gas e con tecnologia Foil il progetto di Coastal Boat e Newtak

Le due importanti innovazioni emerse, che potrebbero rivoluzionare il settore della nautica, sono HEB (Hybrid Ecological Boat) e FRB (Foil Rubber Boat).

Invernale West Liguria: vittoria per MC SEAWONDER

Seguito al 2° posto da ANGE TRASPARENT II di Valter Pizzoli (Yacht Club Monaco) e Terzo Classificato CRISTIANA TI. di Emilio Milanino (Yacht Club Aregai)

Rinviata causa allerta meteo la ripresa del Memorial Pirini

È al comando il vincitore delle ultime due edizioni, Kismet, armato da Francesca Focardi e timonato da Dario Luciani, battente bandiera del circolo ospitante

Record per il Nauticsud: in crescita del 13% i visitatori

Trend positivo di vendite per la 45.ma edizione. Award 2018 a Nautica Salpa, Coastal boat e Rivellini design ed ai giornalisti Antonino Pane (Il Mattin) e Sandro Donato Grosso (Sky)

Giovanni Soldini e Maserati Multi 70: arrivati nella Manica

L’arrivo a Londra è previsto domani verso le 11 UTC

Soldini e Maserati a 1.000 miglia dall'arrivo

Ultime 1000 miglia per Giovanni Soldini e il team di Maserati Multi 70. L’arrivo a Londra è previsto nella mattinata di venerdì 23 febbraio

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci