mercoledí, 24 gennaio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

guardia costiera    j24    formazione    suzuki    club nautico versilia    nautica    centri velici    lega italiana vela    luna rossa    riva    classi olimpiche    matteo miceli    pesca    azimut yacht    regate    giovanni soldini    press   

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: prima della tempesta

volvo ocean race prima della tempesta
redazione

Quando la linea del traguardo di Melbourne è ancora a oltre 5.000 miglia di distanza dalle prue delle sette barche, è quello che si sta formando alle loro spalle che sembra essere il pericolo numero uno al momento.

Una vasta e profonda depressione, infatti, si sta formando a ovest della flotta e potrebbe generare condizioni al limite, con venti fino a 60 nodi  e onde mostruose di 13 metri di altezza. Il sistema si sta muovendo così velocemente che i sette Volvo Ocean 65 non riusciranno a sfuggirgli. Gli equipaggi saranno chiamati a decidere dove posizionarsi, compito affatto facile, rispetto alla tempesta che dovrebbe colpirli nella giornata di giovedì. Dovranno scegliere fra rischio e guadagno. Una rotta più meridionale sembra più veloce, per le prossime ore, ma comporta l’avvicinarsi di più al centro della depressione.

Inoltre, la zona di esclusione dei ghiacci, creata per evitare che le barche navighino troppo vicino all’Antartide e agli iceberg, non permette ai team di evitare le condizioni più dure della bassa da sotto. D’altro canto l’opzione nord sembra essere più conservativa e dovrebbe mantenere i team più lontani dall’occhio del ciclone, ma è anche quella più lenta. 

Sembra dunque che la separazione, che già si era evidenziata al primo rilevamento delle posizioni questa mattina, possa continuare con l’attuale leader, Dongfeng Race Team, MAPFRE, team Akzonobel e Team Brunel che hanno scelto di portarsi a sud, mentre  Team Sun Hung Kai/Scallywag, Vestas 11th Hour Racing e Turn the Tide on Plastic hanno optato per una rotta più settentrionale.

“C’è una certa dose di rischio a rimanere a sud e proprio davanti alla depressione.” Ha spiegato il navigatore di Vestas 11th Hour Racing Simon Fisher. “Se riusciremo a portarci a nord e a camminare bene, sarebbe certamente il modo migliore di affrontarla.”

Sapere quando togliere il piede dall’acceleratore e fare scelte più conservative è sempre stata la chiave di volta per il successo nella Volvo Ocean Race, e Fisher è un esperto di questo tipo di compromessi, avendo guidato Abu Dhabi Ocean Racing alla vittoria nell’edizione 2014-15 del giro del mondo. “Saranno un paio di giornate interessanti.” Ha aggiunto il britannico. “La linea di confine fra essere veloci con una buona prua e trovarsi in una zona più sicura, sarà sottile. Si dovrà anche cercare di non rompere e di non trovarsi sul passaggio del fronte. Vogliamo essere veloci ma non dobbiamo trovarci dove l’aria aumenta e dà buono, perché lo stato del mare sarà terribile e potremmo essere spinti verso il cancello dei ghiacci.”

Forse l’unico velista che ha altri pensieri, oltre a quello della tempesta imminente, è lo skipper di Brunel Bouwe Bekking. Il velista olandese ha perso il padre la scorsa settimana, e il funerale si tiene oggi. Bekking che è uno dei velisti più esperti dell’intera flotta, essendo alla sua ottava partecipazione alla Volvo Ocean Race, ha ammesso che la sua mente e il suo cuore erano altrove e ha mandato un messaggio molto emozionante da bordo. “Sapevamo che sarebbe stata solo una questione di tempo, e ci eravamo accordati perché io partissi comunque, ma non sono felice lo stesso. L’unico condotto è che mio padre ha raggiunto una bella età, la vita più lunga nella storia della nostra famiglia,  e ha vissuto bene. Mi ha sempre sostenuto nella scelta di essere un velista professionista e mi ha sempre detto: vivi la tua vita e goditela al 100%. Quindi anche se siamo in mare, con queste condizioni dure, oggipenso a mio padre, che mi mancherà moltissimo.”

Occhi puntati sulla cartografia elettronica, quindi, per seguire l’evoluzione della meteo e quali decisioni prenderanno i sette team in regata. Questo il link al tracker.

 


12/12/2017 19:17:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

100 Vele per Telethon

Organizzata dal Centro Velico Siciliano, con la collaborazione dei Circoli Velici Riuniti. Anche quest’anno sono stati raccolti dei fondi, già donati alla Fondazione Telethon e alla Uildm

Riprendono i campionati all'Argentario

Le condizioni meteo ideali hanno consentito al CNVArgentario di approfittarne per disputare anche la Coppa Fabrizio Serena, rimandata il 6 gennaio a causa delle averse condimeteo

Rete FVG Marinas Network: salgono a 20 i Marina aderenti

La Rete parteciperà alle principali Fiere nautiche europee “Esportiamo la passione per la nautica”

Matteo Miceli e Paolo Nespoli: gli opposti alla prova del giro del mondo

Antonino Zichichi: "Riflettendo sugli esperimenti importanti per il pianeta, ci sono due modi di fare il giro del mondo: quello tecnologico di Paolo Nespoli in 90 minuti e quello primordiale di Matteo Miceli in 5 mesi"

1° Trofeo Nazionale Giangiacomo Ciaccio Montalto

Regata velica commemorativa in occasione del XXXV anniversario dall’omicidio del magistrato Giangiacomo Ciaccio Montalto

Ferretti Yachts compie 50 anni e si regala Dovizioso

L’accordo di sponsorizzazione, annunciato durante la conferenza stampa al BOOT di Düsseldorf, prevede la presenza del marchio del cantiere sulla tuta del campione forlivese in tutte le 19 tappe del MotoGP 2018

Azimut Yachts: a Dusseldorf con due nuovi modelli e numeri in crescita

Primo bilancio dall’inizio dell’anno nautico (settembre 2017), per Azimut Yachts è decisamente positivo: il brand, infatti, ha registrato un trend di crescita del portafoglio ordini pari a +30% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente

Fincantieri con Regione e Sindacati per lo sviluppo del lavoro in Friuli Venezia Giulia

Firmato un protocollo di politica attiva per l’occupazione

La flotta di Ferretti Group conquista il Boot di Düsseldorf

Il Gruppo comincia bene il 2018 esponendo un’ampia e variegata flotta che comprende la world première Ferretti Yachts 920 e due première per il mercato tedesco: Riva 56’ Rivale e Riva 76’ Perseo

Maserati Multi 70: partiti alla conquista del record sulla rotta Hong Kong-Londra

Per battere il primato dovranno tagliare il traguardo sotto il ponte Queen Elizabeth II sul Tamigi prima del prossimo 1 marzo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci