giovedí, 26 aprile 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

tp52    regate    accademia navale    este 24    j24    porti    yacht club italiano    formazione    inquinamento marino    accademia navale livorno    mini6.50    confitarma    vele d'epoca    mini 6.50    melges 20    platu25    fincantieri   

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: per il Presidente Brisius non ci sono speranze di ritrovare Fisher

volvo ocean race per il presidente brisius non ci sono speranze di ritrovare fisher
Roberto Imbastaro

Il Presidente della Volvo Ocean Race, Richard Brisius, ha rilasciato ora questa dichiarazione.

“Questa mattina sono estremamente triste di informarvi che uno dei nostri marinai, John Fisher, del Team Sun Hung Kai / Scallywag, si presume ora perduto in mare. Questo è straziante per tutti noi, dato che il fatto che i marinai e gli organizzatori di regate possano perdere un membro dell'equipaggio in mare è una tragedia che non vogliamo mai contemplare. Siamo devastati e i nostri pensieri sono rivolti alla famiglia, agli amici e ai compagni di squadra di John. Ieri, poco dopo le 1300 UTC, il Team Sun Hung Kai/Scallywag ha informato Race Control della situazione di un uomo in mare per la Volvo Ocean Race.

Ci siamo immediatamente coordinati con il team e con il Centro di Coordinamento del Soccorso Marittimo, che hanno localizzato una nave e l'hanno deviata verso la zona interessata. Ma alla velocità attuale rimane ancora più di un giorno di distanza. Con il resto della flotta della Volvo Ocean Race circa 200 miglia sottovento, non era possibile mandarli controvento per aiutarli, contro il vento forte e il mare in tempesta.  Il team Sun Hung Kai / Scallywag ha condotto una ricerca esaustiva per diverse ore in condizioni meteorologiche estremamente difficili, ma non sono stati in grado di recuperare il loro compagno di squadra. Data la temperatura dell'acqua fredda e l'estremo stato del mare, insieme al tempo trascorso da quando è andato in mare, ora dobbiamo presumere che John sia stato perso in mare. Tutti noi della Volvo Ocean Race inviamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia di John, ai suoi amici e ai suoi compagni di squadra e faremo tutto il possibile per sostenerli in questo momento così difficile. Il Team Sun Hung Kai / Scallywag ha ora ripreso la direzione nord-est.

In realtà, la squadra è attualmente in una posizione difficile - il tempo si sta deteriorando e si prevede che sarà molto pesante nel corso della giornata. L'equipaggio è, naturalmente, emotivamente e fisicamente prosciugato dopo quello che ha appena vissuto. Il nostro unico obiettivo ora è quello di fornire tutto il supporto e l'assistenza che possiamo alla squadra.

Siamo sicuri che ci saranno molte domande su come uno dei nostri marinai sia caduto ieri in mare. Potremo parlare con loro dopo che il team sarà stato accuratamente ascoltato. Oggi, i nostri pensieri e le nostre preghiere vanno alla famiglia di John e a tutta l'équipe di Scallywag”.


Sono particolarmente addolorato oggi di informare che uno dei nostri velisti, John Fisher del Team Sun Hung Kai / Scallywag, si ritiene sia disperso in mare.

E’ una notizia che riempie tutti i nostri cuori di dolore. Come organizzatori perdere un velista in mare è una tragedia che non vorremmo mai prendere in considerazione. Siamo devastati e i nostri pensieri vanno alla famiglia di John, ai suoi amici e compagni.

Ieri, poco dopo le 13 UTC (le 15 in Italia) il Race Control della Volvo Ocean Race è stato informato di una situazione di uomo a mare da Team Sun Hung Kai/Scallywag.

Ci siamo immediatamente messi in contatto con il team e con il Centro di Coordinamento del Soccorso Marittimo (Maritime Rescue Coordination Centre) che ha dirottato una nave verso la zona dell’incidente. Ma che, con la velocità espressa, potrà raggiungerla solo fra un giorno.

Il resto della flotta della Volvo Ocean Race si trovava a circa 200 miglia sottovento e dirottarla per assistenza, con un’andatura di bolina e venti di tempesta, non era un’opzione praticabile.

Il team di Sun Hung Kai/Scallywag ha condotto una ricerca approfondita per diverse ore in condizioni al limite, ma non è stato in grado di ritrovare il velista disperso.

Data la temperatura molto rigida dell’acqua e lo stato del mare, oltre al tempo ormai trascorso da quando John Fisher è caduto fuoribordo, dobbiamo presumere che sia da dichiarare disperso.

Tutti noi dell’organizzazione della Volvo Ocean Race vogliamo rappresentare le nostre più sentite condoglianze alla famiglia di John, ai suoi amici e ai suoi compagni e ci impegniamo a fare tutto ciò che è in nostro potere per assisterli in questo momento così difficile.

Team Sun Hung Kai/Scallywag ha ripreso la navigazione, su una rotta nord-est. La barca si trova attualmente in una posizione non facile, poiché le condizioni meteo si stanno deteriorando e le previsioni per la giornata non sono positive.

L’equipaggio è, naturalmente, fisicamente ed emotivamente esausto per aver vissuto questa esperienza.

Ora, il nostro solo obiettivo è di dare loro tutto l’aiuto e l’assistenza possibile.

Siamo certi che ci saranno molte domande su quanto accaduto ieri e come uno dei nostri velisti possa essere scomparso in mare. Domande a cui si potrà dare una risposta una volta fatto un debrief con l’equipaggio.


27/03/2018 11:02:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Francesca e Giovanna, facce da Mini

La Marina Militare e l'Aeronautica militare hanno affidato i loro colori a due ottime veliste come Giovanna Valsecchi e Francesca Komatar

Luise Group: nuovi uffici a Portofino, Viareggio, Capri e Castellammare di Stabia

Il viaggio partito da Napoli nel 1847 della famiglia Luise continua dunque nei porti più importanti al mondo, con l'apertura di nuovi uffici e creando addirittura a Napoli nuovi dipartimenti tecnici

“Una Vela Senza Esclusi” diventa una tappa del progetto Sailing For Health

Tante le novità di questa edizione, a partire dalla flotta che accanto alle Azzurre 600 vedrà sfidarsi anche le nuove Hansa 303, imbarcazioni affidate dal Panathlon Club Palermo alla L.N.I. e finalizzate alla formazione atletica dei ragazzi diversabili

A Brenzone i monotipi d'acqua dolce

Nella flotta dei Dolphin vince proprio il detentore del titolo tricolore, "Fantastica" della sorelle Navoni della Fraglia Desenzano, scafo condotto da Davide Bianchini (Canottieri Garda) con ben 4 primi posti su 6 manche

VOR: Scallywag è arrivato, oggi la Itajaì In-Port Race

Scallywag è arrivato nel porto di Itajaì dopo un lungo viaggio dal Cile, e affronta una corsa contro il tempo per poter prendere parte alla ottava tappa. Gli altri sei team invece si preparano per la Itajaí In-Port Race di oggi

La Settimana Velica Internazionale Accademia Navale e Città di Livorno 2018”

600 imbarcazioni, 1000 regatanti e 9 circoli velici impegnati in 15 classi di regate

Ieri Norwegian Cruise Line ha preso in consegna la Norwegian Bliss

La nuova nave di Norwegian Cruise Line debutta in Europa prima di iniziare il suo tour inaugurale intorno agli Stati Uniti. La cerimonia ufficiale di battesimo si terrà a Seattle, nello Stato di Washington

La Regata dell'Accademia Navale

Alla gara, che sarà valida anche come tappa di qualificazione per la regata “Madeira Race 950”, possono partecipare le imbarcazioni d’altura Maxi, IRC/ORC e 9.50

Lab Boat: navigare con la scienza

Lunedì a Cagliari laboratori didattici per le scuole e seminari per il pubblico

Wista Italy incontra il mondo della nautica a Genova presso lo Yacht Club

Convegno sul tema “Nautica da diporto: aggiornamenti giuridici, tecnici e fiscali. Novità e prospettive”

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci