sabato, 20 ottobre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

match race    vele d'epoca    kite    vela    melges 32    cnsm    circoli velici    campionati invernali    veleziana    star    vela paralimpica    ambiente    melges 24    porti    invernali    soldini   

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: per il Presidente Brisius non ci sono speranze di ritrovare Fisher

volvo ocean race per il presidente brisius non ci sono speranze di ritrovare fisher
Roberto Imbastaro

Il Presidente della Volvo Ocean Race, Richard Brisius, ha rilasciato ora questa dichiarazione.

“Questa mattina sono estremamente triste di informarvi che uno dei nostri marinai, John Fisher, del Team Sun Hung Kai / Scallywag, si presume ora perduto in mare. Questo è straziante per tutti noi, dato che il fatto che i marinai e gli organizzatori di regate possano perdere un membro dell'equipaggio in mare è una tragedia che non vogliamo mai contemplare. Siamo devastati e i nostri pensieri sono rivolti alla famiglia, agli amici e ai compagni di squadra di John. Ieri, poco dopo le 1300 UTC, il Team Sun Hung Kai/Scallywag ha informato Race Control della situazione di un uomo in mare per la Volvo Ocean Race.

Ci siamo immediatamente coordinati con il team e con il Centro di Coordinamento del Soccorso Marittimo, che hanno localizzato una nave e l'hanno deviata verso la zona interessata. Ma alla velocità attuale rimane ancora più di un giorno di distanza. Con il resto della flotta della Volvo Ocean Race circa 200 miglia sottovento, non era possibile mandarli controvento per aiutarli, contro il vento forte e il mare in tempesta.  Il team Sun Hung Kai / Scallywag ha condotto una ricerca esaustiva per diverse ore in condizioni meteorologiche estremamente difficili, ma non sono stati in grado di recuperare il loro compagno di squadra. Data la temperatura dell'acqua fredda e l'estremo stato del mare, insieme al tempo trascorso da quando è andato in mare, ora dobbiamo presumere che John sia stato perso in mare. Tutti noi della Volvo Ocean Race inviamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia di John, ai suoi amici e ai suoi compagni di squadra e faremo tutto il possibile per sostenerli in questo momento così difficile. Il Team Sun Hung Kai / Scallywag ha ora ripreso la direzione nord-est.

In realtà, la squadra è attualmente in una posizione difficile - il tempo si sta deteriorando e si prevede che sarà molto pesante nel corso della giornata. L'equipaggio è, naturalmente, emotivamente e fisicamente prosciugato dopo quello che ha appena vissuto. Il nostro unico obiettivo ora è quello di fornire tutto il supporto e l'assistenza che possiamo alla squadra.

Siamo sicuri che ci saranno molte domande su come uno dei nostri marinai sia caduto ieri in mare. Potremo parlare con loro dopo che il team sarà stato accuratamente ascoltato. Oggi, i nostri pensieri e le nostre preghiere vanno alla famiglia di John e a tutta l'équipe di Scallywag”.


Sono particolarmente addolorato oggi di informare che uno dei nostri velisti, John Fisher del Team Sun Hung Kai / Scallywag, si ritiene sia disperso in mare.

E’ una notizia che riempie tutti i nostri cuori di dolore. Come organizzatori perdere un velista in mare è una tragedia che non vorremmo mai prendere in considerazione. Siamo devastati e i nostri pensieri vanno alla famiglia di John, ai suoi amici e compagni.

Ieri, poco dopo le 13 UTC (le 15 in Italia) il Race Control della Volvo Ocean Race è stato informato di una situazione di uomo a mare da Team Sun Hung Kai/Scallywag.

Ci siamo immediatamente messi in contatto con il team e con il Centro di Coordinamento del Soccorso Marittimo (Maritime Rescue Coordination Centre) che ha dirottato una nave verso la zona dell’incidente. Ma che, con la velocità espressa, potrà raggiungerla solo fra un giorno.

Il resto della flotta della Volvo Ocean Race si trovava a circa 200 miglia sottovento e dirottarla per assistenza, con un’andatura di bolina e venti di tempesta, non era un’opzione praticabile.

Il team di Sun Hung Kai/Scallywag ha condotto una ricerca approfondita per diverse ore in condizioni al limite, ma non è stato in grado di ritrovare il velista disperso.

Data la temperatura molto rigida dell’acqua e lo stato del mare, oltre al tempo ormai trascorso da quando John Fisher è caduto fuoribordo, dobbiamo presumere che sia da dichiarare disperso.

Tutti noi dell’organizzazione della Volvo Ocean Race vogliamo rappresentare le nostre più sentite condoglianze alla famiglia di John, ai suoi amici e ai suoi compagni e ci impegniamo a fare tutto ciò che è in nostro potere per assisterli in questo momento così difficile.

Team Sun Hung Kai/Scallywag ha ripreso la navigazione, su una rotta nord-est. La barca si trova attualmente in una posizione non facile, poiché le condizioni meteo si stanno deteriorando e le previsioni per la giornata non sono positive.

L’equipaggio è, naturalmente, fisicamente ed emotivamente esausto per aver vissuto questa esperienza.

Ora, il nostro solo obiettivo è di dare loro tutto l’aiuto e l’assistenza possibile.

Siamo certi che ci saranno molte domande su quanto accaduto ieri e come uno dei nostri velisti possa essere scomparso in mare. Domande a cui si potrà dare una risposta una volta fatto un debrief con l’equipaggio.


27/03/2018 11:02:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Barcolana: nella lotta tra ex la spunta Morning Glory (Spirit of Portopiccolo)

Vince Spirit of Portopiccolo, ovvero l'ex Morning Glory costruita nel 2006, davanti a CQS Tempus Fugit, ex Nicorette un 29,76 metri del 2004 e all'ex Maxi Iena Way of Live

Elements Race: Cagliari ospiterà la 3a edizione

Dopo le prime edizioni organizzate nell'Arcipelago della Maddalena, la manifestazione che unisce Vela e Off Road si sposta nel Sud della Sardegna, a Cagliari, con nuove rotte e a bordo dei GIRO 34

Olimpiadi Giovanili: arriva un altro oro con Sofia Tomasoni

Sofia Tomasoni (CV Windsurfing Club Cagliari) è la prima Campionessa Olimpica Giovanile della classe Kiteboard Twin Tip Racing femminile

Muore Ian Kiernan, l'uomo della "Mission Impossible" di pulire il Mondo

E’ morto a 78 anni portato via da un cancro un grande uomo, Ian Kiernan, velista ed ecologista, che si era dato il compito di “pulire il mondo”

Parte domenica l'Autunnale Peloritano

Prende il via domenica 21 il Campionato Autunnale Peloritano al Marina di Capo d'Orlando che riapre le sue braccia, ovvero le su banchine, ai velisti dopo il successo del Vela Cup del mese scorso

Una "Mare e Monti" per Giovanni Soldini

Giovanni Soldini e l'alpinista Hervé Barmasse faranno insieme una serie di traversate e di scalate con lo scopo di confrontare due mondi così diversi.

Garda: il Trofeo dell'Odio a Diavolasso

“Diavolasso” della scuderia velica “Ac&e-Sicurplanet” con lo skipper veronese Andrea Farina (Cn Brenzone) ha vinto la 66° edizione e del Trofeo dell’Odio, classica autunnale del Circolo Vela Gargnano.

Caorle: la stagione della vela chiude con La Cinquanta

Il 27 e 28 ottobre ultimo appuntamento con l’altura a Caorle

Viareggio, arriva in porto la flotta delle vele d’epoca

Oltre 60 barche a vela d’epoca e circa 500 membri di equipaggio stanno convergendo a Viareggio dove dal 18 al 21 ottobre si svolgerà la XIV edizione del Raduno Vele Storiche Viareggio

Melges 32 a Cagliari per giocarsi il Mondiale

Diciotto i team al via in rappresentanza di 8 Nazioni (Russia, Germania, Giappone, Norvegia, Principato di Monaco, Svizzera, Polonia, Italia) per un Campionato del Mondo assolutamemte aperto

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci