mercoledí, 15 agosto 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

circoli velici    luna rossa    farr 40    rs feva    vela olimpica    nacra 17    420    optimist    windsurf    press    melges 24   

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: per il Presidente Brisius non ci sono speranze di ritrovare Fisher

volvo ocean race per il presidente brisius non ci sono speranze di ritrovare fisher
Roberto Imbastaro

Il Presidente della Volvo Ocean Race, Richard Brisius, ha rilasciato ora questa dichiarazione.

“Questa mattina sono estremamente triste di informarvi che uno dei nostri marinai, John Fisher, del Team Sun Hung Kai / Scallywag, si presume ora perduto in mare. Questo è straziante per tutti noi, dato che il fatto che i marinai e gli organizzatori di regate possano perdere un membro dell'equipaggio in mare è una tragedia che non vogliamo mai contemplare. Siamo devastati e i nostri pensieri sono rivolti alla famiglia, agli amici e ai compagni di squadra di John. Ieri, poco dopo le 1300 UTC, il Team Sun Hung Kai/Scallywag ha informato Race Control della situazione di un uomo in mare per la Volvo Ocean Race.

Ci siamo immediatamente coordinati con il team e con il Centro di Coordinamento del Soccorso Marittimo, che hanno localizzato una nave e l'hanno deviata verso la zona interessata. Ma alla velocità attuale rimane ancora più di un giorno di distanza. Con il resto della flotta della Volvo Ocean Race circa 200 miglia sottovento, non era possibile mandarli controvento per aiutarli, contro il vento forte e il mare in tempesta.  Il team Sun Hung Kai / Scallywag ha condotto una ricerca esaustiva per diverse ore in condizioni meteorologiche estremamente difficili, ma non sono stati in grado di recuperare il loro compagno di squadra. Data la temperatura dell'acqua fredda e l'estremo stato del mare, insieme al tempo trascorso da quando è andato in mare, ora dobbiamo presumere che John sia stato perso in mare. Tutti noi della Volvo Ocean Race inviamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia di John, ai suoi amici e ai suoi compagni di squadra e faremo tutto il possibile per sostenerli in questo momento così difficile. Il Team Sun Hung Kai / Scallywag ha ora ripreso la direzione nord-est.

In realtà, la squadra è attualmente in una posizione difficile - il tempo si sta deteriorando e si prevede che sarà molto pesante nel corso della giornata. L'equipaggio è, naturalmente, emotivamente e fisicamente prosciugato dopo quello che ha appena vissuto. Il nostro unico obiettivo ora è quello di fornire tutto il supporto e l'assistenza che possiamo alla squadra.

Siamo sicuri che ci saranno molte domande su come uno dei nostri marinai sia caduto ieri in mare. Potremo parlare con loro dopo che il team sarà stato accuratamente ascoltato. Oggi, i nostri pensieri e le nostre preghiere vanno alla famiglia di John e a tutta l'équipe di Scallywag”.


Sono particolarmente addolorato oggi di informare che uno dei nostri velisti, John Fisher del Team Sun Hung Kai / Scallywag, si ritiene sia disperso in mare.

E’ una notizia che riempie tutti i nostri cuori di dolore. Come organizzatori perdere un velista in mare è una tragedia che non vorremmo mai prendere in considerazione. Siamo devastati e i nostri pensieri vanno alla famiglia di John, ai suoi amici e compagni.

Ieri, poco dopo le 13 UTC (le 15 in Italia) il Race Control della Volvo Ocean Race è stato informato di una situazione di uomo a mare da Team Sun Hung Kai/Scallywag.

Ci siamo immediatamente messi in contatto con il team e con il Centro di Coordinamento del Soccorso Marittimo (Maritime Rescue Coordination Centre) che ha dirottato una nave verso la zona dell’incidente. Ma che, con la velocità espressa, potrà raggiungerla solo fra un giorno.

Il resto della flotta della Volvo Ocean Race si trovava a circa 200 miglia sottovento e dirottarla per assistenza, con un’andatura di bolina e venti di tempesta, non era un’opzione praticabile.

Il team di Sun Hung Kai/Scallywag ha condotto una ricerca approfondita per diverse ore in condizioni al limite, ma non è stato in grado di ritrovare il velista disperso.

Data la temperatura molto rigida dell’acqua e lo stato del mare, oltre al tempo ormai trascorso da quando John Fisher è caduto fuoribordo, dobbiamo presumere che sia da dichiarare disperso.

Tutti noi dell’organizzazione della Volvo Ocean Race vogliamo rappresentare le nostre più sentite condoglianze alla famiglia di John, ai suoi amici e ai suoi compagni e ci impegniamo a fare tutto ciò che è in nostro potere per assisterli in questo momento così difficile.

Team Sun Hung Kai/Scallywag ha ripreso la navigazione, su una rotta nord-est. La barca si trova attualmente in una posizione non facile, poiché le condizioni meteo si stanno deteriorando e le previsioni per la giornata non sono positive.

L’equipaggio è, naturalmente, fisicamente ed emotivamente esausto per aver vissuto questa esperienza.

Ora, il nostro solo obiettivo è di dare loro tutto l’aiuto e l’assistenza possibile.

Siamo certi che ci saranno molte domande su quanto accaduto ieri e come uno dei nostri velisti possa essere scomparso in mare. Domande a cui si potrà dare una risposta una volta fatto un debrief con l’equipaggio.


27/03/2018 11:02:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Marina Cala de’ Medici si conferma per il terzo anno consecutivo Porto d’eccellenza

Ratificata l’attestazione di MaRINA Excellence, nonché i riconoscimenti 24 Plus e 50 Gold

Caorle, "Festa del Pesce": una sfida a colpi di sarde

La Festa del Pesce - A settembre l’evento culinario più tradizionale di Caorle (VE)

Mondiali Aarhus: Carolina Albano qualifica l'Italia nel Laser Radial a Tokyo 2020

L’Italia conquista oggi ad Aarhus la terza qualifica per le Olimpiadi di Tokyo 2020! Si tratta del Laser Radial e a compiere l’impresa è stata la giovane Laserista triestina Carolina Albano (CV Muggia) non ancora ventenne

Mondiali Aarhus: anche il 470 maschile si qualifica per Tokio

Anche oggi arriva una preziosa qualifica per l’Italia ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) con il quinto posto odierno entrano in Medal Race e qualificano l'Italia per Tokio 2020

Nacra 17: oro per l'Italia ai Mondiali di Aarhus

La coppia formata da Ruggero Tita e Caterina Banti ha vinto il titolo della classe Nacra 17 al termine della 'medal race' di oggi

Europeo Melges 24: Maidollis allunga il passo

I Campioni del Mondo 2017 a bordo di Maidollis (7-1-1 oggi), dopo l'ottimo esordio della prima giornata in cui avevano messo a segno una magnifica doppietta, tornano ad essere protagonisti e consolidano la leadership della classifica provvisoria

Gargnano, Garda: Itaca è tornata a casa

Tredici anni dopo la sua ideazione il progetto Itaca ha fatto nuovamente tappa al Circolo Vela della Centomiglia

Mondiali Aarhus: sei le classi qualificate per Tokio 2020

Triplete per Tita-Banti che aggiungono il titolo mondiale all'europeo e all'italiano già conquistati nel 2018

Mini 6.50: con 12 h di vantaggio, Boggi riparte da Horta

Dopo aver vinto la prima tappa de Les Sables D’Olonne-Azzorre-Les Sables D’Olonne (SAS), con un vantaggio di 12 ore sul secondo, Ambrogio Beccaria a bordo di Geomag parte oggi alle 19 ora italiana

Tokio 2020: altre 3 qualifiche per l'Italia ai mondiali di Aarhus

L’Italia è qualificata alle Olimpiadi di Tokyo 2020 anche nelle classi RS:X maschile, RS:X femminile con Marta Maggetti e il Nacra 17 con Ruggero Tita e Caterina Banti

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci