sabato, 16 febbraio 2019

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: ora si balla

volvo ocean race ora si balla
Roberto Imbastaro

Il vento leggero e instabile degli scorsi giorni è ormai solo un ricordo. Le sette barche hanno attraversato la zona di transizione e ora godono di un potente sud-ovest che li spinge a grande velocità verso nord-est, al largo della costa scozzese. I log di bordo fanno segnare 20 nodi di velocità e oltre 25 nodi di vento, quando la flotta si trova in prossimità delle Isole Ebridi.

L’opzione nord presa durante il delicato passaggio della dorsale, ha pagato per gli spagnoli di MAPFRE, che martedì sera si sono portati in testa e al rilevamento di mercoledì alle ore 1200 UTC potevano contare su un vantaggio di circa 5 miglia sugli inseguitori, e leader della classifica generale per un solo punto, di Dongfeng Race Team mentre Turn the Tide on Plastic, su cui corre l’italiana Francesca Clapcich, si trovava in terza posizione altre tre miglia alle spalle degli iberici.

Benché manchino ancora oltre 600 delle 1.300 miglia della tappa da Cardiff, in Galles, a Göteborg in Svezia, la tensione è e probabilmente rimarrà molto alta. Se MAPFRE dovesse riuscire a vincere la tappa e Dongfeng Race Team concludesse secondo (e i cinesi dovessero prendere il punto bonus per il miglior tempo di percorrenza totale) le due barche si ritroverebbero a pari punti e tutto sarebbe deciso nella frazione conclusiva da Göteborg all’Aja.

“Passare la zona di transizione a ovest dell’Irlanda è stata una mossa importante.” Ha spiegato Rob Greenhalgh, uno dei timonieri di MAPFRE. “Abbiamo passato le 24 ore precedenti cercando di portarci il più a nord possibile per trovare il passaggio migliore. Siamo usciti tutti più o meno insieme ma siamo riusciti a prendere un po’ di margine. Per il momento va tutto bene, gli avversari sono dove volevamo che fossero.”

Con una posta così importante in gioco tutti i team stanno spingendo al massimo, consapevoli che quello che succede ora sarà determinante per la classifica generale.  “Navigheremo di bolina, ci sarà parecchio vento, e dobbiamo essere veloci per recuperare su MAPFRE.” Ha spiegato il francese Kevin Escoffier in un collegamento video da Dongfeng Race Team, mentre era al timone.

In questa Leg 10, per i velisti già stanchi dopo otto mesi di navigazione oceanica, la fatica si sta facendo sentire, malgrado sia una delle frazioni più corte si sta rivelando una delle più dure. “Non abbiamo dormito un granché dalla partenza.” Ha raccontato la velista olimpica australiana Nina Curtis, da bordo di Team Brunel, attualmente quarto. “Anche quando c’era pochissimo vento abbiamo dovuto continuare a spostare i pesi a bordo. Penso che il periodo di sonno più lungo che sono riuscita ad avere sia stato un’ora. Non credo di essere stata mai così stanca. I ragazzi mi avevano detto che sarebbe stato intenso ma non pensavo a questo livello.”

Le barche dovrebbero giungere a Göteborg in meno di 36 ore, ma dal punto di vista della meteo le condizioni dovrebbero peggiorare molto prima di migliorare nuovamente più a ridosso dell’arrivo. I velisti dovranno lottare contro venti previsti fino a 45 nodi, pioggia, freddo e la scarsa visibilità nel Mare del Nord e lungo la costa norvegese. Saranno spinti al limite, e forse oltre il loro limite, prima di poter rimettere piede a terra. L’arrivo a Göteborg è previsto per la tarda serata di giovedì.

 


13/06/2018 18:14:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Picciolini/Sardi: ancora 800 miglia per Guadalupa

Ieri il catamarano ha intercettato l'Aliseo registrando ottime velocità per tutta la giornata che gli hanno consentito di recuperare il tempo perso con la scuffia. L'impresa monitorata a terra H24 dal safety team e dalla Guardia costiera

Dakar/Gaudalupa: un oggetto sommerso danneggia la deriva di Ocean Cat

Incidente durante il quarto giorno navigazione: Ocean Cat urta un oggetto cbe provoca la rottura di una deriva, nessun danno strutturale.

Caribbean 600: si rovescia Argo, il rivale di Soldini. Equipaggio in salvo

Il MOD 70 americano Argo si è capovolto a Sud di Antigua, l’equipaggio è in salvo.

Ocean Cat: si scuffia ma non si molla

Secondo le stime del routier anche dopo la scuffia ci sono ancora possibilità per raggiungere Guadeloupe entro gli 11 giorni 1 ora 9 minuti e 30 secondi.

Mascalzone Latino vince la 35° Edizione della Primo Cup con la Smeralda 888

Alto il livello degli equipaggi: ne è prova una classifica cortissima che si è risolta a favore di Mascalzone Latino solo nell’ultimissima regata

Otranto: Just a perfect day per EL NIÑO, che vince in reale e in compensato

Gran bella giornata quella di ieri nelle acque di Otranto, con un sole estivo a baciare la flotta delle 15 barche di ‘Più Vela Per Tutti’

Nauticsud 2019: le 9 giornata della nautica napoletana

Apre il Nauticsud 2019, tutte le istituzoni a celebrare il primo giorno del salone Nautico

Il CICO 2019 sarà sul Garda

La Federazione Italia Vela ha assegnati il Campionato Italiano Classi Olimpiche al Circolo Vela Gargnano, Società Canottieri Garda Salò, Univela Sailing e Circolo Velico Toscolano Maderno

Nauticsud:+20% le presenze nel weekend di apertura

Il salone nautico di Napoli supera ogni previsione di afflusso con i padiglioni affollati dal pubblico, tornano i buyers esteri che identificano il Nauticsud come mercato di riferimento

Domenica settima prova per l'Invernale di Riva di Traiano

Nel mezzo di quella che oramai viene chiamata “L’estate di San Valentino”, si torna in acqua domenica 17 febbraio per la settima giornata del Campionato Invernale di Riva di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci