lunedí, 25 marzo 2019

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: Nord e Sud

volvo ocean race nord sud
redazione

Scallywag e AkzoNobel hanno virato immediatamente dopo aver passato la punta meridionale di Taiwan, prendendo una netta opzione nord, ma finora la loro scelta non ha pagato, anche perché nelle ultime ore hanno incontrato vento leggero, a tratti di intensità a una cifra. “Sembra che ci sia qualcosa che non va.” Ha detto l’olimpionica brasiliana Martine Grael da AkzoNobel. “Andiamo a nord, nord-ovest mentre dovremmo puntare a sud-sud-est!” Mentre il navigatore Jules Salter ha spiegato: “Col senno di poi direi che abbiamo virato troppo presto. Siamo delusi. Abbiamo preso la decisione in fretta, sembrava che fosse la cosa da fare. Scallywag ha virato per primo e il primo report era ok, il secondo non tanto. Gli altri quattro adesso se ne sono andati, siamo rimasti in due.”

A bordo di Scallywag però il morale resta alto e la navigatrice Libby Greenhalgh afferma che la barca portacolori di the Hong Kong sta seguendo una strategia a lungo termine: “Sul lungo termine stiamo cercano di entrare nell’aria da nord. In teoria, dovremmo essere i primi a farlo e allora ci troveremo in una posizione di rientrare sugli altri con un angolo più largo.”

Il gruppo dei quattro che si sono tenuti più a sud è separato oramai da più di 120 miglia di distanza, e sembra al momento in una posizione più solida. Del gruppetto di testa, che naviga a stretto contatto, fanno parteTeam Brunel, Dongfeng, il leader della classifica generale MAPFRE, e a poca distanza anche Turn the Tide on Plastic.  Al rilevamento delle ore 14 gli olandesi guidati da Bouwe Bekking si trovano a poco più di 4.800 miglia dalla meta di Auckland, e hanno un margine di meno di un miglio su Dongfeng e di poco più di uno su MAPFRE, mentre il giovane equipaggio guidato da Dee Caffari segue a 8.1 miglia.

In un blog da bordo Bouwe Bekking, skipper of Team Brunel ha raccontato: ”La scorsa notte abbiamo virato a nord ma poi abbiamo rivirato. Non pensiamo che una rotta tanto a nord possa pagare, ed è più lunga. Abbiamo virato praticamente in simultanea con MAPFRE e Dongfeng, ma loro camminavano un po’ di più. Forse dipende dal fatto che noi usiamo ancora i fiocchi vecchi, mentre loro ne hanno di nuovi.”

Il navigatore della barca spagnola, l’esperto Juan Vila ha spiegato che si procede a vista, controllando gli avversari, e anticipando le prossime mosse sulla base delle previsioni meteo. “Abbiamo virato sulle mura a destra e vediamo Dongfeng, Team Brunel e Turn the Tide on Plastic a occhio nudo o sull’AIS (Auromatic Identification Sytem, il sistema di identificazione automatico di cui sono dotate le barche). Il vento ha cominciato a girare da sud-est e attualmente navighiamo al lasco stretto con 20 nodi, con il log che indica 14/15 nodi di velocità. Entreremo in un fronte del nord Pacifico e il vento dovrebbe girare ulteriormente al suo passaggio, prima che si stabilisca la prossima alta.”

Turn the Tide on Plastic, sui cui naviga la triestina Francesca Clapcich, è riuscita a rientrare bene sui primi tre, dopo un inizio un po’ difficile, come ha spiegato la skipper Dee Caffari: “Il ridosso di Taiwan era più esteso di quel che ci aspettassimo e abbiamo dovuto fare molti cambi di vela per tenere il passo, fortunatamente siamo rientrati. Siamo vicini a MAPFRE e Dongfeng, stiamo andando bene se siamo con le barche rosse!”

Da parte loro Scallywag e Akzonobel devono sperare che l’aria rinforzi nelle prossime ore, ma per ora il gruppo meridionale ha vento intorno ai 16/18 nodi mentre nella loro zona non supera gli 11.



Photo Credit:Jeremie Lecaudey/Volvo Ocean Race


09/02/2018 20:11:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Torre del Greco pronta per il Campionato Nazionale Meteor

Si lavora con lena perché tutto sia pronto per la 46esima edizione del Campionato Nazionale Meteor, quest’anno ospitato del Circolo Nautico di Torre del Greco, in collaborazione con il Club Nautico della Vela e con la Lega Navale Italiana sez. di Napoli

Ambrogio Beccaria al via della Defì Atlantique

Una nuova sfida per Ambrogio Beccaria che, a bordo di Eärendil, è sulla linea di partenza della “Défì Atlantique”, una transatlantica di soli Class 40, dalla Guadalupa a La Rochelle, in Francia

Invernale Otranto: in testa c'è "Il Gabbiere"

La nona regata del campionato invernale ‘Più Vela Per Tutti’ che si è svolta domenica nelle acque di Otranto è stata la più impegnativa del campionato

Roma per 1: il "veterano" Oscar Campagnola teme la bonaccia più del vento

Oscar Campagnola è alla sua quinta partecipazione in solitario. Sabato e domenica prossima i corsi di sopravvivenza ad Anzio. La Garmin premierà con apparati inReach i vincitori di tutte e cinque le regate

Marina di Loano: numeri da record nel 2018

Citata tra le dieci marine più belle a livello internazionale da “Yachting Pages”, nel 2018, Marina di Loano ha ottenuto dal RINA la certificazione MaRINA Excellence 24 Plus, i ‘5 Timoni’ e “50 Gold”

A La Maddalena il progetto di formazione marinaresca "L'Aula sul Mare"

Il progetto "L'Aula sul Mare" vede la partecipazione di molti giovani studenti provenienti da tutta Italia che vivranno per sei giorni a bordo di imbarcazioni a vela d’altura

Torna a Pozzallo il premio internazionale "Trofeo del Mare"

Al Mediterraneo e al suo essere elemento di unione, legame indissolubile e centro propulsivo da cui si irradiano flussi e riflussi inarrestabili, è dedicato il “Trofeo del Mare

Sul Garda di Gargnano il 41° Trofeo Bianchi

Domenica il Circolo Vela Gargnano aprirà la sua stagione 2019 con il "41° Trofeo Roberto Bianchi" per le classi monotipo (Asso, Protagonist 7.5, Dolphin Mr) e stazza Orc (Offshore Vari)

Genova: Slow Fish al Porto Antico dal 9 al 12 maggio

Petrini: «Giovani di tutto il mondo, venite a Slow Fish e fatelo vostro»

Isola delle Femmine: il 19 marzo “Pane in Piazza”

Ci sarà anche la degustazione del tipico minestrone di San Giuseppe preparato dalle donne di Isola

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci