giovedí, 26 aprile 2018

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: meno di mille, MAPFRE resiste in testa

volvo ocean race meno di mille mapfre resiste in testa
redazione

Gli spagnoli si guardano attentamente alle spalle, per rispondere agli attacchi continui degli avversari, quando mancano poco più di 800 miglia alla linea del traguardo di Città del Capo.
Due giorni fa l’equipaggio guidato da Xabi Fernández aveva un margine di oltre 35 miglia sul più immediato inseguitore grazie al posizionamento molto a sud, che gli aveva permesso di entrare prima in un flusso di vento più sostenuto creato da un fronte freddo. A distanza di 48 ore quel vantaggio si è notevolmente ridotto con il secondo, Dongfeng Race Team che si è riavvicinato e ora dista 23 miglia. Anche i terzi e i quarti, rispettivamente Vestas 11th Hour Racing e Team Brunel hanno guadagnato.
Incredibilmente, al diciottesimo giorno di regata e quando tutti sono scesi sotto la barriera delle 1.000 miglia al traguardo le prime quattro barche sono separate solo da 37 miglia.
Tuttavia, al rilevamento delle posizioni delle 13 UTC, MAPFRE appariva più veloce e aveva recuperato miglia preziose nelle ultime sei ore. Malgrado il vantaggio il navigatore spagnolo Joan Vila ha dichiarato che il team è cosciente degli attacchi che potrebbero arrivare da dietro.
“E’ una posizione difficile da difendere, stiamo cercando di fare quello che sembra meglio per noi. La transizione che incontreremo più avanti sembra buona ma siamo un po’ nervosi perché potrebbe esserci meno vento del previsto. Comunque la regata non è affatto finita. Gli altri hanno navigato bene. Dongfeng, Vestas e Brunel hanno avuto tutti dei buoni momenti, ecco da dove potrebbe venire una minaccia per noi.”
Alla domanda se MAPFRE possa mantenere la posizione dei leader, Vila ha risposto in modo cautamente ottimista.“Se tutto va come abbiamo previsto probabilmente sì, ma la meteo non è una scienza esatta.” Ha dichiarato l’esperto navigatore iberico. “Vedremo come andrà a finire, non si può mai dire."
Mentre il morale a bordo di MAPFRE resta alto, lo stesso non si può dire per l’equipaggio di  team AkzoNobel. Lo skipper Simeon Tienpont e i suoi avevano superato che la loro posizione rispetto ai primi e agli inseguitori di Turn the Tide on Plastic e Team Sun Hung Kai/Scallywag potesse pagare. Invece è stata la barca che è uscita peggio dalla coda del fronte freddo, con un vento molto più leggero degli altri.
Al rilevamento di metà giornata, AkzoNobel si trovava 155 miglia alle spalle di MAPFRE, e aveva pero 85 miglia nelle ultime 24 ore. In più, sia Sun Hung Kai/Scallywag che Turn the Tide on Plastic hanno avuto una buona nottata, contribuendo alla perdita di AkzoNobel. Entrambi i team sono infatti riusciti a rimanere nel fronte freddo, passando la barca di Tienpont, che ora occupa la settima e ultima piazza.
La novità nella classifica è stata molto ben accolta, come ovvio, a bordo di Scallywag. “I ragazzi hanno fatto proprio un buon lavoro tenendo a riva la vela grande, la scorsa notte. Abbiamo camminato bene.” Ha spiegato un sorridente Steve Hayles. “Abbiamo guadagnato sette miglia su Turn the Tide on Plastic, e siamo riusciti a stare davanti al fronte. AkzoNobel, che è più a sud di noi, è scivolato indietro. Ciò significa che sono in un’aria peggiore di noi e dunque abbiamo ripreso loro 18  miglia. Sono rimasti intrappolati fra il gruppo a nord e quello a sud, hanno cercato di restare davanti alla bassa, ma hanno perso molto.”
Secondo le ultime previsioni basate sulla meteo di oggi, l’ETA (Expected Time of Arrival) a Città del Capo per il gruppo di testa è fissata per venerdì sera. Giovedì sarà possibile stilare un orario di arrivo più accurato.


22/11/2017 19:38:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Francesca e Giovanna, facce da Mini

La Marina Militare e l'Aeronautica militare hanno affidato i loro colori a due ottime veliste come Giovanna Valsecchi e Francesca Komatar

Luise Group: nuovi uffici a Portofino, Viareggio, Capri e Castellammare di Stabia

Il viaggio partito da Napoli nel 1847 della famiglia Luise continua dunque nei porti più importanti al mondo, con l'apertura di nuovi uffici e creando addirittura a Napoli nuovi dipartimenti tecnici

“Una Vela Senza Esclusi” diventa una tappa del progetto Sailing For Health

Tante le novità di questa edizione, a partire dalla flotta che accanto alle Azzurre 600 vedrà sfidarsi anche le nuove Hansa 303, imbarcazioni affidate dal Panathlon Club Palermo alla L.N.I. e finalizzate alla formazione atletica dei ragazzi diversabili

A Brenzone i monotipi d'acqua dolce

Nella flotta dei Dolphin vince proprio il detentore del titolo tricolore, "Fantastica" della sorelle Navoni della Fraglia Desenzano, scafo condotto da Davide Bianchini (Canottieri Garda) con ben 4 primi posti su 6 manche

VOR: Scallywag è arrivato, oggi la Itajaì In-Port Race

Scallywag è arrivato nel porto di Itajaì dopo un lungo viaggio dal Cile, e affronta una corsa contro il tempo per poter prendere parte alla ottava tappa. Gli altri sei team invece si preparano per la Itajaí In-Port Race di oggi

La Settimana Velica Internazionale Accademia Navale e Città di Livorno 2018”

600 imbarcazioni, 1000 regatanti e 9 circoli velici impegnati in 15 classi di regate

Ieri Norwegian Cruise Line ha preso in consegna la Norwegian Bliss

La nuova nave di Norwegian Cruise Line debutta in Europa prima di iniziare il suo tour inaugurale intorno agli Stati Uniti. La cerimonia ufficiale di battesimo si terrà a Seattle, nello Stato di Washington

La Regata dell'Accademia Navale

Alla gara, che sarà valida anche come tappa di qualificazione per la regata “Madeira Race 950”, possono partecipare le imbarcazioni d’altura Maxi, IRC/ORC e 9.50

Lab Boat: navigare con la scienza

Lunedì a Cagliari laboratori didattici per le scuole e seminari per il pubblico

Senza vento la Bolina è più Lunga

Difficoltà in partenza per la Lunga Bolina, che ha sofferto per un vento latitante per quasi tutto il percorso

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci