martedí, 17 luglio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vela internazionale    cnrt    vela    windsurf    azzurra    press    optimist    j/70    j70    coppa italia    ufo22    rs feva   

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: lotta senza quartiere nell'Oceano Indiano

volvo ocean race lotta senza quartiere nell oceano indiano
Roberto Imbastaro

Sono poco più di 2.000 le miglia che separano i leader dalla linea del traguardo della terza tappa a Melbourne, in Australia e sono solo otto le miglia che separano i primi due, in una lotta senza quartiere per la testa della flotta e una posizione di controllo.

Al rilevamento delle ore 14 italiane, i franco/cinesi di Dongfeng Race Team erano ancora al comando, una posizione che hanno mantenuto per la gran parte della navigazione da Città del Capo, ma gli onnipresenti avversari di MAPFRE erano alle loro calcagna, rendendo loro la vita dura. Ancora una volta durante la notte gli spagnoli erano riusciti a prendere la testa, salvo poi vedere Dongfeng rientrare al rilevamento successivo, La lotta fra il team guidato da Xabi Fernández e quello di Charles Caudrelier sembra non finire mai, e i due equipaggi stanno tirando fuori tutte le energie residue per rispondere a ogni singola mossa dell’avversario.

“Dopo nove giorni di regata e oltre 3.000 miglia comincio a odiare la barca rossa dei miei amici spagnoli.” Ha detto lo skipper francese. “Mi dicono che Xabi è un ex campione di ciclismo e come si dice in Francia, MAPFRE ci succhia la ruota, seguendo ogni nostra mossa e aspettando l’opportunità giusta per attaccare.”

Fernàndez da parte sua è altrettanto cauto e guardingo nei confronti di Dongfeng. “Stanno guadagnando un po’ lentamente ma il distacco aumenta e noi facciamo di tutto per tenerli vicini e aspettiamo il nostro momento.” Dei venti favorevoli di direzione nord-ovest hanno permesso alle due barche di testa di strambare proprio al limite della Antarctic Ice Exclusion Zone (AIEZ) e di puntare la prua verso il traguardo di Melbourne. Dopo giorni di manovre continue, spesso più di una ogni ora, navigare in linea retta deve aver costituito un piacevole cambiamento per i due equipaggi. Ed è anche una chance per il navigatori di godersi un break dal costante match-race oceanico che ha caratterizzato la maggior parte della terza tappa della Volvo Ocean Race.

Malgrado le barche stiano seguendo una rotta più diritta, non si può certo dire che sia una navigazione facile. “Il vento non è molto costante e lo stato del mare cambia in continuazione con il variare della temperatura dell’acqua, quindi bisogna regolare di continuo.” Ha spiegato lo skipper di Vestas 11th Hour Racing Charlie Enright, attualmente in terza posizione a circa 77 miglia dai due battistrada.

E, mentre la lotta è sempre più accesa per tutte le posizioni di classifica, tutti e sette i team stanno anche lottando per cercare di rimanere fuori da un anticiclone gigante che si sta formando a est e che minaccia di inghiottirli. Team Sun Hung Kai/Scallywag e Turn the Tide on Plastic, a circa 200 miglia a nord-ovest dei leader, probabilmente seguiranno l’esempio di Akzonobel dirigendo a sud in un estremo tentativo di agganciare la parte occidentale del fronte freddo. Se non dovessero riuscirci, potrebbero restare in mare più giorni del previsto e sarebbero quindi sotto una forte pressione di arrivare in fretta a Melbourne, dove la Volvo Ocean Race si fermerà solo per pochi giorni. “Vogliamo camminare ma lottiamo contro il vento che cala.” Ha detto il portoghese Frederico Pinheiro de Melo da bordo di Turn the Tide on Plastic. “Adesso dobbiamo gestire la prossima alta pressione, dobbiamo starci davanti oppure ci fermeremo e Scallywag scapperà via. L’obiettivo principale ora è di evitare l’alta pressione.”

 


19/12/2017 17:21:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Marco & Muttley: ma che bel giro d'Italia a vela!!!

Marco Rossato, principale protagonista e promotore del progetto TRI sail4all promosso dall’ASD“I Timonieri sbandati”, è il primo velista disabile agli arti inferiori a circumnavigare in barca a vela da solo(con cane Muttley al seguito) i mari italiani

Duende (CNRT) vince la Coppa Italia, Tevere Remo la 1^ Coppa Italia per Club

Duende – Aeronautica Militare, Vismara 46 di Raffaele Giannetti, C. N. Riva di Traiano, vince la Coppa Italia 2018. Al Reale Circolo Canottieri Tevere Remo la prima Coppa Italia per Club - Trofeo Enway

Garda: al mondiale Yngling si parla solo olandese

Mondiali classe Yngling a Riva del Garda: tra i tre olandesi la spunta NED 255 con Moorman Kaj al timone

Libri: Andrea Stella, Sfida sull'Oceano

Esce domani (11 luglio) in tutte le librerie per le Edizioni San Paolo "Sfida sull'oceano. Un'eccezionale impresa di mare in sedia a rotelle" di Andrea Stella

Coppa Italia: una sola prova e la vince Duende (CNRT)

Riva di Traiano. Coppa Italia - Trofeo Enway 2018 - Tanto l’entusiasmo … ma il vento tradisce la prima della Coppa

14 luglio: parte dal CNRT la "presa" della Coppa Italia 

Parte il 14 luglio, giorno della presa della Bastiglia, da Riva di Traiano la nuova Coppa Italia Altura per Club, una vera rivoluzione che mette a confronto i circoli velici nel contendersi il Trofeo Enway 

Guardia Costiera: sequestrati 11.000 metri di reti illegali

Il sequestro operato da Nave Bruno Gregoretti (CP920) della Guardia Costiera

Prime regate all'Europeo Ufo 22

Al termine della prima giornata, in cima alla classifica troviamo Frisbee, ITA 049, di Michele Magagna, seguito al secondo posto da Wendl, AUT 114, di Günther Wendl e al terzo posto da GMT-Econova di Giorgio Zorzi, ex presidente della classe

Parte domani a Domaso il Campionato Italiano H22

L’H22 One Design è un’imbarcazione monotipo di 22 piedi (6,70mt), disegnata dal progettista inglese di Coppa America Rob Humphreys, prodotta da H22 One Design s.r.l.

Conclusa la quarta tappa del Trofeo Dinghy Classico 2018

Per la prima volta i legni si sfidano sul Lago d’Orta

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci