giovedí, 16 agosto 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

pesca    rs feva    420    fiv    attualità    les sables-les açores-les sables    mini 650    turismo    circoli velici    luna rossa    farr 40    vela olimpica    nacra 17    optimist    windsurf   

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: le insidie dell’Atlantico meridionale

volvo ocean race le insidie dell 8217 atlantico meridionale
redazione

Il passaggio dell’equatore di lunedì, e le tradizionali cerimonie con protagonista il dio Nettuno, sono ormai archiviate nella memoria dei velisti della Volvo Ocean Race, che sono tornati a pensare a come far camminare la barca il più possibile, in un’azione senza sosta che ha caratterizzato finora la seconda tappa.

Dopo aver passato pressoché indenni la zona delle calme equatoriali, dove diversi team hanno navigato a ottimo ritmo grazie alla presenza dei tipici alisei di sud-est, i team si sono ributtati a studiare la situazione meteo, strategica e tattica. Così importante quando si ha una flotta composta di barche monotipo, assolutamente identiche, e da cui dunque far uscire anche solo un decimo di nodo in più diventa fondamentale.

“E’ bello essere davanti ma non è facile.” Ha detto Charles Caudrelier, skipper di Dongfeng Race Team, che ha raggiunto un vantaggio di circa sette miglia sui più vicini avversari, gli spagnoli di MAPFRE, al rilevamento delle ore 1300 UTC. “Praticamente è come correre una regata inshore. La barca rossa è molto veloce. E’ molto dura stare davanti.”

La barca rossa è MAPFRE, che è sceso in terza posizione nella cartografia elettronica a causa della posizione più a ovest, ossia più lontano dal prossimo waypoint rispetto a Vestas 11th Hour Racing, ma lo skipper Xabi Fernandez ritiene che questa opzione pagherà buoni frutti. “Navighiamo a vista con Dongfeng, ma la buona notizia è che ci stiamo staccando entrambi dal resto della flotta.” Ha detto lo spagnolo. 

Cinque miglia dietro a Vestas, Team Brunel. I due equipaggi sono riusciti a mettere una ventina di miglia fra loro e i quinti di team Akzonobel. “E’ un bel duello con Team Brunel,” ha twittato il navigatore di Vestas Simon Fisher. “Non riusciamo a toglierceli di dosso, ma continueremo a provarci. A lottare per ogni metro.”

Sessantacinque miglia alle spalle dei leader,  si sta svolgendo un altro interessante battaglia fra Turn the Tide on Plastic e Sun Hung Kai/Scallywag: i due team sono vicinissimi, dall’ultimo rilevamento. “Vediamo Scallywag all’orizzonte. Ce la batteremo probabilmente per le prossime 3.200 miglia.” Ha detto Liz Wardley, il boat captain di Turn the Tide on Plastic nel suo ultimo messaggio a terra.

Sebbene la navigazione sia piuttosto semplice al momento, ci sono complicazioni in vista. L’Anticiclone di Sant’Elena, il vasto sistema di alta pressione che normalmente si trova al largo della costa occidentale africana, ora è praticamente assente a causa di un’estesa bassa pressione che sta dominando la maggior parte dell’Atlantico meridionale. Ma nei prossimi giorni la depressione andrà dissolvendosi, e l’Anticiclone di Sant’Elena tornerà a far sentire i suoi effetti.

Tradizionalmente, la rotta più veloce porta la flotta molto a sud, sotto la latitudine di Città del Capo, per evitare proprio l’alta pressione. Tuttavia, alcuni team potrebbero giocare la carta tattica di prendere una scorciatoia in un piccolo corridoio di vento per scappare via prima che l’anticiclone si ristabilisca. Una mossa  che potrebbe tagliare 650 mgilia, e molte ore di navigazione, ma che potrebbe anche non pagare.

Resta da vedere se ci sarà qualcuno abbastanza coraggioso da provarci. 

 


14/11/2017 19:08:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mini 650, SAS: Ambrogio Beccaria domina tra i Serie

Ecco la sua prima intervista una volta a terra. Il milanese, ha vinto entrambe le tappe e ha conquistato il titolo di Campione di Francia di Course au Large

Caorle, "Festa del Pesce": una sfida a colpi di sarde

La Festa del Pesce - A settembre l’evento culinario più tradizionale di Caorle (VE)

Mondiali Aarhus: Carolina Albano qualifica l'Italia nel Laser Radial a Tokyo 2020

L’Italia conquista oggi ad Aarhus la terza qualifica per le Olimpiadi di Tokyo 2020! Si tratta del Laser Radial e a compiere l’impresa è stata la giovane Laserista triestina Carolina Albano (CV Muggia) non ancora ventenne

Nacra 17: oro per l'Italia ai Mondiali di Aarhus

La coppia formata da Ruggero Tita e Caterina Banti ha vinto il titolo della classe Nacra 17 al termine della 'medal race' di oggi

Mondiali Aarhus: sei le classi qualificate per Tokio 2020

Triplete per Tita-Banti che aggiungono il titolo mondiale all'europeo e all'italiano già conquistati nel 2018

Tokio 2020: altre 3 qualifiche per l'Italia ai mondiali di Aarhus

L’Italia è qualificata alle Olimpiadi di Tokyo 2020 anche nelle classi RS:X maschile, RS:X femminile con Marta Maggetti e il Nacra 17 con Ruggero Tita e Caterina Banti

Techno 293: 3 volte Campioni del mondo con Speciale, Graciotti e Renna

Mondiale da incorniciare per gli azzurri quello appena conclusosi a Liepāja in Lettonia.

Iniziati a Newport i mondiali classe 420

In rappresentanza dell’Italia nella classifica Open con 73 iscritti provenienti da 15 nazioni abbiamo 7 equipaggi:

Benetti vara lo "Spectre", nuovo omaggio a James Bond

Lo scafo, concepito dallo studio olandese Mulder Design, punta a ottenere prestazioni straordinarie per yacht di queste dimensioni e dispone della nuova tecnologia Ride Control di Naiad Dynamics

Gargnano festeggia l'argento di Waink e Gambarin

Ferragosto di festa al Circolo Vela Gargnano-lago di Garda grazie a Michelle Waink e Claudia Gambarin, vice campionesse d'Europa 29Er alle regate disputate sul mare finlandese di Helsinki

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci