venerdí, 21 settembre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

attualità    salone nautico di genova    tp52    perini cup    manifestazioni    press    rs feva    mini 6.50    vela paralimpica    roma giraglia    vele d'epoca    regate    marevivo   

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: donne al comando

volvo ocean race donne al comando
Roberto Imbastaro

Dee Caffari, unica donna a coprire il ruolo di skipper in questa edizione del giro del mondo a vela,  ha detto in un collegamento con Alicante che l’equipaggio di Turn the Tide on Plastic ha deciso di attraversare il Grand Passage, un stretto passaggio nella barriera corallina che circonda la Nuova Caledonia, alla ricerca di ogni piccolo vantaggio disponibile. La barca portacolori delle Nazioni Unite, su cui è imbarcata anche la triestina Francesca Clapcich, ha preso la testa della flotta mercoledì quando all’arrivo mancavano circa 1.500 miglia. 

Col fiato sul collo degli avversari di Team Sun Hung Kai/Scallyway e di team AkzoNobel, posizionati una quarantina di miglia a ovest, Dee Caffari e il suo espertissimo navigatore Brian Thompson hanno preso questa coraggiosa opzione sperando di guadagnare circa 90 minuti. Oltre a percorrere minore distanza, il team spera di essere posizionato meglio quando entrerà il nuovo vento da est. “Fra circa 120 miglia c’è un reef a settentrione della Nuova Caledonia,” ha spiegato la Caffari, che è stata anche la prima donna della storia a fare il giro del mondo in solitario in entrambe le direzioni. “Ci sono due opzioni, passare da fuori oppure entrare nel Grand Passage, nel mezzo. Abbiamo scelto quest’ultima perché pensiamo che ci possa far guadagnare circa un’ora e mezza. Ogni singolo minuto è importante fra qui e Auckland. I nostri avversari dietro stanno facendo lo stesso ma quelli a ovest passeranno fuori. Vedremo chi avrà fatto la scelta migliore, vedremo domani.”

Secondo il rilevamento delle posizioni delle ore 14, calcolate sulla distanza al traguardo, Turn the Tide on Plastic aveva un vantaggio di 18 miglia su AkzoNobel e di 23 su Scallywag. In realtà però, i tre team sono quasi appaiati. “Turn the Tide on Plastic e davanti nel report, ma lo sarà ancora quando raggiungeremo il prossimo waypoint a nord della Nuova Caledonia?” si chiede Cecil Laguette di Akzonobel. “Siamo più vicini, una cosa è certa: hanno recuperato molto, quindi la lotta è aperta.”

Malgrado risulti secondo Team Brunel si trova a circa 20 miglia a nord di Turn the Tide on Plastic, mentre 90 miglia alle spalle dei leader MAPFRE e Dongfeng Race Team si sono ritrovati dopo essersi separati nel corso della nottata. Sebbene siano a diverse decine di miglia dai battistrada, nessuno dei due può essere contato fuori per il finale di tappa, che potrebbe offrire ancora delle opportunità di rientrare. “Siamo di buon umore, stiamo bene e cerchiamo una chance per recuperare miglia sul medio periodo.” Ha spiegato il navigatore iberico Juan Vila. “Il fronte orientale australiano potrebbe mettere sulla nostra strada delle opportunità e l’attraversamento verso la Nuova Zelanda potrebbe non essere così diretto come si pensa.”

Si prospetta un altro fine settimana ad alta tensione…

 


22/02/2018 16:21:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Roma/Giraglia, ecco le sfide in acqua

Sedici gli iscritti ad una settimana dal via, con tre solitari e l'atteso ritorno alle corse di Mario Girelli

Riparte con più regate l'Invernale di Riva di Traiano

Saranno disputate ove possibile anche due prove nello stesso giorno, fino ad un massimo di dodici regate. Nove le date in calendario più due eventuali recuperi. Si parte il 4 novembre 2018

Enoshima: un bel Bronzo per Di Salle/Dubbini

Niente vento ad Enoshima, campo di regata prescelto per Tokio 2020 e per il nostro equipaggio del 470F resta il bronzo

Enoshima: domani 4 equipaggi italiani in Medal Race

Oggi vento quasi assente e solo i Laser Standard sono riusciti a disputare una prova

Italiano Hansa 303, vincono Cocconi/Ghio

Ennesima dimostrazione che il mare può essere accessibile a tutti in questo splendido campionato nazionale Hansa 303

Enoshima: l'Italia argento e bronzo nei Nacra 17

Nella prima delle due ultime giornate di Medal Race della Japan World Cup Series 2019 di Enoshima, arrivano due medaglie per la squadra italiana, un argento ed un bronzo nella classe Nacra 17

Nuotare a Capo Horn

Primo italiano a partecipare e competere nell’ICE Swimming, Chiarino ha all’attivo diversi altri primati come atleta italiano, tra cui la traversata a staffetta dello Stretto di Bering dalla Russia agli Stati Uniti nel 2013

Giorgio Zorzi con Ale Gaoso e Mara Trimeloni Campioni Italiani UFETTO 22

Il Campionato Italiano Ufetto 22 va a "Gmt-Econova" di Giorgio Zorzi, Club Diavoli Rossi Desenzano. A bordo con lui c'erano Alessandra Gaoso e Mara Trimeloni.

Compagnia della Vela: regata Lui e Lei 2018

Prenderà il via domani domenica 16 settembre alle ore 13.00 la 26a edizione della Lui e Lei. La regata di coppia, dal format originale che vede un uomo e una donna regatare in doppio in barca

Este 24: Marco Flemma leader con il suo Ricca d'Este

Classifica molto compressa, vede Ricca D’Este dominare con un impressionante 3,1,1,1,3 davanti a La Poderosa 2.0 di Ugolini con due punti di ritardo e Esterina di Maurizio Galanti a dieci punti

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci