martedí, 16 ottobre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

porti    vele d'epoca    melges 32    circoli velici    invernali    soldini    regate    vela olimpica    barcolana    melges 20    melges20    nautica   

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: Città del Capo nel mirino

volvo ocean race citt 224 del capo nel mirino
redazione

Quando mancano meno di 500 miglia alla linea del traguardo di Città del Capo, due team hanno deciso di nascondere le loro mosse e le loro posizioni per 24 ore, in un’ultima opzione tattica volta a scombussolare la classifica. Al rilevamento di giovedì alle 14 gli spagnoli di MAPFRE continuano a guidare la flotta con un buon margine, di oltre 33 miglia, sui secondi di Dongfeng Race Team. Con circa altre 24 ore di navigazione rimaste, i battistrada stanno combattendo una battaglia metro su metro, dato che sono solo 37 le miglia che separano i primi tre. Tuttavia, benché gli inseguitori stanno consumando il tempo a loro disposizione per riprendere e passare gli spagnoli, la frazione non può certo dirsi conclusa e definita. E l’avvicinamento a Città del Capo è un passaggio molto delicato.

Lo skipper statunitense di Vestas 11th Hour Racing, Charlie Enright, ha scelto di festeggiare il giorno del Ringraziamento entrando in stealth mode, poco dopo le 12.30 di giovedì, una mossa che lascia presupporre un assalto a  MAPFRE e Dongfeng, per ottenere una storica doppia vittoria consecutiva. “Stiamo usando tutto ciò che è in nostro potere.” Ha detto la velista di Vestas Jena Mai Hansen. “Dongfeng non è lontano e MAPFRE è a 30 miglia davanti. Ci stiamo tutti controllando per vedere chi fa qualcosa di diverso.”

Dopo essere uscito dal fronte freddo Team Brunel è sceso a 80 miglia di distacco. Di certo non la posizione che lo skipper Bouwe Bekking desiderava, ma l’equipaggio della barca olandese non sembra aver gettato la spugna e tenta comunque di salire sul podio di tappa. “Forse l’ordine di arrivo è stato già definito, ma noi cercheremo di fare del nostro meglio per cambiarlo,” ha spiegato il navigatore australiano Andrew Cape. “Il problema è che quelli davanti hanno condizioni migliori. Però le ultime miglia possono essere complicate, soprattutto in prossimità della Table Mountain, e noi non lasceremo nulla di intentato.” In effetti, in passato si è assistito ad arrivi nella capitale sudafricana con totali capovolgimenti di fronte ed estese aree di aria leggera.

A circa 250 miglia alle spalle di Brunel si sta combattendo una diversa battaglia da parte di team AkzoNobel, Turn the Tide on Plastic e Scallywag, che si stanno contendendo la quinta posizione. Tutti è tre sono stati fagocitati dal vento leggero dopo che il fronte freddo è passato e ora si trovano davanti a un’importante scelta, ossia se puntare direttamente verso Città del Capo oppure verso sud alla ricerca di più vento. Akzonobel e Turn the Tide on Plastic hanno optato per la seconda, mentre la scelta di Scallywag si conoscerà solo domani quando ritornerà ad essere tracciato dalla cartografia elettronica.

Prima di entrare in modalità nascosta, lo skipper Dave Witt ha spiegato le ragioni della strategia. “Siamo in una situazione molto difficile, che sembra comunque perdente.” Ha detto l’australiano. “E’ un po’ sconfortante dato che abbiamo lavorato davvero duro per recuperare terreno e adesso siamo bloccati. Mi sembra di sbattere la testa contro un muro.” Gli ha fatto eco il navigatore di Scallywag Steve Hayles: “Sinceramente è la situazione più complessa che abbia mai visto.”

Dopo oltre 6.500 miglia di lotta, la seconda tappa potrebbe dunque decidersi nelle ultime 500 miglia. La previsione più recente dice che le barche potrebbero giungere venerdì nel tardo pomeriggio o in prima serata.


23/11/2017 17:47:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Barcolana: nella lotta tra ex la spunta Morning Glory (Spirit of Portopiccolo)

Vince Spirit of Portopiccolo, ovvero l'ex Morning Glory costruita nel 2006, davanti a CQS Tempus Fugit, ex Nicorette un 29,76 metri del 2004 e all'ex Maxi Iena Way of Live

FLASH - Oro per Giorgia Speciale alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Giorgia Speciale ha dominato nella classe dei Techno 293 Plus femminile ed ha conquistato l'Oro alle Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires

Barcolana, se non sono 2000 non ci si diverte

Superata la soglia dei 2000 iscritti. Spirit of Portopiccolo riconsegna la Coppa, ma è pronto a riprendersela.

Barcolana 50: prima regata per il Team MSC

Con MSC Team parte da Trieste l’esperienza velica della compagnia di navigazione con la barca classe Psaros33. In partnership con Marevivo, l’organizzazione dedicata alla conservazione marina, MSC promuoverà la passione e il rispetto per il mare

Olimpiadi Giovanili: arriva un altro oro con Sofia Tomasoni

Sofia Tomasoni (CV Windsurfing Club Cagliari) è la prima Campionessa Olimpica Giovanile della classe Kiteboard Twin Tip Racing femminile

Olimpiadi Giovanili: la Speciale sempre in testa, Nicolò Renna sale al 2° posto

Nel Techno 293 Plus Giorgia Speciale scarta il terzo posto quale peggior risultato. Nicolò Renna vince una prova e sale al 2° posto in classifica

Olimpiadi Giovanili: Speciale e Renna oggi in acqua per una medaglia

Appuntamento in acqua con primo segnale di avviso alle ore 12:00 locali (17:00 italiane) con le finali delle tavole a vela previste alle 12:05 (17:05 italiane) quella maschile e alle 12:45 (17:45 italiane) quella femminile

Olimpiadi Giovanili: buone notizie dalla vela azzurra

Sofia Tomasoni sale al 2° posto nei Kiteboard femminili, Nicolò Renna sempre 2° nei T293 maschili e Giorgia Speciale consolida il 1° posto nei T293 femminili

Una "Mare e Monti" per Giovanni Soldini

Giovanni Soldini e l'alpinista Hervé Barmasse faranno insieme una serie di traversate e di scalate con lo scopo di confrontare due mondi così diversi.

Olimpiadi Giovanili: Argento per Nicolò Renna

L'atleta del Circolo Surf Torbole ha conquistato l'argento nella classe techno 293 plus maschile

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci