lunedí, 16 luglio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    j/70    windsurf    j70    coppa italia    ufo22    rs feva    regate    nacra 17    libri    fincantieri   

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: Alberto Bolzan verso Melbourne con Team Brunel

volvo ocean race alberto bolzan verso melbourne con team brunel
redazione

Ha avuto inizio nel primo pomeriggio di ieri la terza frazione della Volvo Ocean Race, destinata a portare la flotta da Cape Town a Melbourne. Una  cavalcata di 6.500 miglia attraverso l'Oceano Indiano, che spingerà  gli equipaggi verso sud, attraverso i Quaranta Ruggenti e verso i Cinquanta Urlanti, dove i forti venti provenienti da ovest aumentano in intensità  a causa dalle depressioni causate dall'incontro tra l'aria fredda antartica e l'aria calda proveniente dal centro degli oceani stessi.
Al via tutti e sette i team protagonisti della regata, a partire dagli spagnoli di Mapfre, leader di entrambe le classifiche (offshore e In Port Race), e dagli olandesi di Team Brunel, che impegna a bordo Alberto Bolzan.
"Prima di imbarcarmi ho riguardato il tracciato del percorso assieme ad Andrew Cape, il nostro navigatore, e già  ad un primo sguardo ti rendi conto di essere davanti a una frazione iconica - ha spiegato Bolzan pochi minuti prima del via - andare incontro all'Oceano Indiano, lasciarsi le Isole Kerguelen a poppa, trasmette emozioni forti. E' la prima sfida nella sfida nell'ambito di questa incredibile regata".
I team sono attesi da un ritorno all'azione particolarmente duro: "Ci aspetta un inizio molto impegnativo, con il vento che dovrebbe aumentare per poi stabilizzarsi nel corso della notte. Navigheremo verso sud. Ci sarà  freddo, molto freddo, ma del resto in questa tappa sono previsti gli ice gate: inizia la regata vera, quella che non ammette nessun passo falso. Fare delle previsioni sul tempo che trascorreremo in mare non è facile: ovviamente, date le condizioni tipiche dell'Indiano, contiamo di navigare veloci, ma potremmo impiegare quindici giorni come diciassette. Molto dipenderà  dalla situazione che troveremo nell'avvicinamento a Melbourne e da quanto ogni equipaggio uscirà  provato dall'incontro con le basse latitudini".
"Dopo una settimana di recupero, spesa visitando questa terra strepitosa che è il Sudafrica insieme alla mia fidanzata, ci siamo radunati per preparare la barca in vista di questa tappa che, per i motivi illustrati prima, spingerà  i VOR 65 al limite. A livello personale, di questa tappa, temo il freddo: ho nitido il ricordo della precedente edizione, quando a queste latitudini c'era ben poco da fare per riscaldarsi e riposare in modo decoroso".
"Nonostante l'avvio non sia stato dei migliori, il gruppo è molto coeso e confidente nelle sue capacità. Personalmente mi aspettavo Desafio MAPFRE come barca da battere, ma è anche vero che, rispetto al passato, ho notato come il livello di tutti è cresciuto in modo esponenziale. E' una frase sovente utilizzata per spiegare un momento di difficoltà, ma la realtà  è che ognuno dei team in gara può emergere da un momento all'altro. In una situazione del genere, va da sé, molto viene deciso dagli episodi, ma alla lunga a pagare sarà  la regolarità dei piazzamenti e in questo dobbiamo migliorare".
A bordo di Team Brunel navigano Bouwe Bekking (NED, skipper), Andrew Cape (AUS, navigatore), Carlo Huisman (NED), Alberto Bolzan (ITA), Kyle Langford (AUS), Peter Burling (NZL), Annie Lush (GBR), Abby Ehler (GBR), Ugo Fonolla (OBR, ESP).


11/12/2017 10:22:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Marco & Muttley: ma che bel giro d'Italia a vela!!!

Marco Rossato, principale protagonista e promotore del progetto TRI sail4all promosso dall’ASD“I Timonieri sbandati”, è il primo velista disabile agli arti inferiori a circumnavigare in barca a vela da solo(con cane Muttley al seguito) i mari italiani

Garda: al mondiale Yngling si parla solo olandese

Mondiali classe Yngling a Riva del Garda: tra i tre olandesi la spunta NED 255 con Moorman Kaj al timone

Libri: Andrea Stella, Sfida sull'Oceano

Esce domani (11 luglio) in tutte le librerie per le Edizioni San Paolo "Sfida sull'oceano. Un'eccezionale impresa di mare in sedia a rotelle" di Andrea Stella

Duende (CNRT) vince la Coppa Italia, Tevere Remo la 1^ Coppa Italia per Club

Duende – Aeronautica Militare, Vismara 46 di Raffaele Giannetti, C. N. Riva di Traiano, vince la Coppa Italia 2018. Al Reale Circolo Canottieri Tevere Remo la prima Coppa Italia per Club - Trofeo Enway

Coppa Italia: una sola prova e la vince Duende (CNRT)

Riva di Traiano. Coppa Italia - Trofeo Enway 2018 - Tanto l’entusiasmo … ma il vento tradisce la prima della Coppa

14 luglio: parte dal CNRT la "presa" della Coppa Italia 

Parte il 14 luglio, giorno della presa della Bastiglia, da Riva di Traiano la nuova Coppa Italia Altura per Club, una vera rivoluzione che mette a confronto i circoli velici nel contendersi il Trofeo Enway 

Guardia Costiera: sequestrati 11.000 metri di reti illegali

Il sequestro operato da Nave Bruno Gregoretti (CP920) della Guardia Costiera

Prime regate all'Europeo Ufo 22

Al termine della prima giornata, in cima alla classifica troviamo Frisbee, ITA 049, di Michele Magagna, seguito al secondo posto da Wendl, AUT 114, di Günther Wendl e al terzo posto da GMT-Econova di Giorgio Zorzi, ex presidente della classe

Parte domani a Domaso il Campionato Italiano H22

L’H22 One Design è un’imbarcazione monotipo di 22 piedi (6,70mt), disegnata dal progettista inglese di Coppa America Rob Humphreys, prodotta da H22 One Design s.r.l.

49er, 49erFX, and Nacra 17 European Championship a Gdynia, in Polonia

Con 92 partecipanti nella classe 49er, 44 per le ragazze del 49er FX e 51 nei Nacra 17, ed il livello presente in acqua, il Campionato parte come uno degli appuntamenti più caldi dell’anno

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci