sabato, 24 febbraio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

ucina    perini    press    volvo ocean race    soldini    saetec    altura    nautica    crn    radar    mascalzone latino    giovanni soldini    reale yacht club canottieri savoia    pesca    marevivo    cala de medici    ferreti group   

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race, Alberto Bolzan: "Perché ho scelto Team Brunel"

volvo ocean race alberto bolzan quot perch 233 ho scelto team brunel quot
redazione

Lisbona - A meno di tre mesi dal via della prima tappa della Volvo Ocean Race, fissato per il 22 ottobre prossimo da Alicante, e subito prima dell'inizio della Leg Zero, Alberto Bolzan ha accettato di unirsi a Team Brunel, equipaggio guidato dall'esperto skipper olandese Bouwe Bekking, alla sua ottava partecipazione.

Bolzan, reduce dalla partecipazione alla precedente edizione con Team Alvimedica e fresco campione europeo Melges 32 con Torpyone, è già da alcune settimane impegnato a bordo del VOR 65 battente bandiera dei Paesi Bassi con il quale ha completato la Leg Zero, evento di avvicinamento alla Volvo Ocean Race 2017-2018, in terza posizione dietro agli spagnoli di MAPFRE e ai franco/cinesi di Dongfeng Race Team. 

Da cosa nasce la decisione di fare per la seconda volta la Volvo Ocean Race?
Forse, perché sono matto!? Scherzi a parte, ho deciso perché è una regata che mi ha lasciato tanto. È una competizione che ho amato e odiato allo stesso tempo perché comunque ti porta al limite: non ero assolutamente convinto di voler ripetere l’esperienza ma poi, quando è arrivata la telefonata di Team Brunel, non ci ho pensato due volte. È una regata incredibile dal punto di vista delle emozioni e ora, con un po’ più d’esperienza accumulata e con un team come quello messo insieme da Bouwe Bekking, posso ambire ad un risultato importante anche sul piano sportivo. 
 
Se dovessi sceglierne solo un aspetto, cosa ti entusiasma di più della Volvo Ocean Race?
Sceglierne solo uno non è facile, perché è una regata che ti tocca a 360 gradi. E' un periodo lungo della vita speso su una barca. E' una competizione che dura nove mesi. Le emozioni sono fortissime, a volte positive, a volte negative, credo però che l’aspetto che mi piace di più sia proprio relativo alla lunga competizione: almeno per me, in quanto sportivo, è qualcosa che mi esalta.
 
Come sei arrivato a Team Brunel e alla sua sfida?
Già nella prima telefonata Bouwe Bekking mi ha spiegato il suo progetto nel dettaglio. L’idea di unire giovani talenti e persone più d’esperienza come Bouwe stesso mi è sembrata allettante ed ho subito visto una grande potenzialità. A bordo di Team Brunel c’è talento a tutto tondo, abbiamo esperienze diverse e componenti giovani molto talentuose che vengono, e che hanno vinto come Peter Burling, la Coppa America da protagonisti. La voglia di vincere a bordo si sente fortissima, è il clima ideale per iniziare un’esperienza così. 
 
Com’è stato tornare sul VOR 65?
La barca è bella, si naviga molto bene anche in condizioni in cui normalmente una barca non uscirebbe dal porto: si plana come diversamente si riuscirebbe a fare nella vita. Poi ci sono tutti gli aspetti tecnici della condizione della barca e le scelte tattiche, che sono una parte altrettanto affascinante. Tornare è stata una sensazione meravigliosa.
 
Con l’edizione 2017-2018 si ritorna al vecchio concetto, e si navigherà nei mari del Sud. Come ti senti all’idea di navigare così “in basso”?
Sono condizioni difficili, oserei dire estreme, ma sono le stesse che rendono unica questa regata e che attirano un velista verso la Volvo Ocean Race. Puoi fare oltre trenta nodi di velocità con onde gigantesche, vedere l’Oceano nella sua bellezza, perché l’Oceano del Sud è un ambiente meraviglioso dal punto di vista paesaggistico, che sa come essere estremo e non perdona errori.
 
Pensi che la tua seconda partecipazione possa essere di stimolo al movimento italiano per avvicinarsi a questo genere di competizioni?
Siamo una delle Nazioni in cui la vela è più sviluppata, eppure l’interesse verso regate come la Volvo Ocean Race, considerata da tutti tra gli eventi da non perdere della vela internazionale, in Italia è poco considerata. Forse non è mai stata promossa nella maniera giusta: spero che un domani l’Italia riesca a fare un suo team per esprimere tutto il suo potenziale: ci sono tanti velisti italiani che, formato un team, riuscirebbero a tener testa agli equipaggi di punta anglosassoni e francesi. E' un peccato che un potenziale del genere venga sprecato o sfruttato solo parzialmente.
 
Come si sviluppa ora l’avvicinamento alla partenza della VOR, prevista per il 22 ottobre da Alicante?
Siamo in una fase di allenamento intenso, stiamo provando tante persone, cambiando almeno il 30% dell’equipaggio tra un appuntamento e l’altro, cercando la formazione ideale. Stiamo imparando e migliorando molto, i risultati nelle prove preliminari sono stati ottimi e tutti entro le top-three. Ora bisogna mantenere la testa bassa e continuare a lavorare, perché il grosso deve ancora venire.


16/08/2017 21:39:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

La X-Yachts Med Cup 2018

L'evento che coniugherà un week end di regate a momenti di socializzazione tra armatori, si svolgerà nel golfo del Tigullio, a Chiavari nei giorni 18-20 Maggio

Wine: Prosecco e Chianti star sul web

Kristina Isso a Londra con la sua Prosecco House e Sting in Toscana hanno catalizzato l'attenzione sul web in questa settimana. Cordoglio per la morte di Bruno Giacosa, storico produttore di Barolo e Barbaresco. Due vini foggiani premiati in Giappone

Giovanni Soldini e Maserati Multi 70: arrivati nella Manica

L’arrivo a Londra è previsto domani verso le 11 UTC

De Magistris: “Nauticsud, bilancio positivo per l’economia del mare”

63mila presenze e trend positivo di vendite, il resoconto del 45° salone nautico di Napoli. Nauticsud Award 2018 per le aziende: Nautica Salpa, Coastal boat e Rivellini design

Gommoni a gas e con tecnologia Foil il progetto di Coastal Boat e Newtak

Le due importanti innovazioni emerse, che potrebbero rivoluzionare il settore della nautica, sono HEB (Hybrid Ecological Boat) e FRB (Foil Rubber Boat).

Invernale West Liguria: vittoria per MC SEAWONDER

Seguito al 2° posto da ANGE TRASPARENT II di Valter Pizzoli (Yacht Club Monaco) e Terzo Classificato CRISTIANA TI. di Emilio Milanino (Yacht Club Aregai)

VOR: Turn the Tide on Plastic prende il comando

Il giovane equipaggio di Turn the Tide on Plastic, con la triestina Francesca Clapcich, ha preso il comando della Leg 6 della Volvo Ocean Race, quando mancano meno di 1.500 miglia ad Auckland

Soldini e Maserati a 1.000 miglia dall'arrivo

Ultime 1000 miglia per Giovanni Soldini e il team di Maserati Multi 70. L’arrivo a Londra è previsto nella mattinata di venerdì 23 febbraio

Rinviata causa allerta meteo la ripresa del Memorial Pirini

È al comando il vincitore delle ultime due edizioni, Kismet, armato da Francesca Focardi e timonato da Dario Luciani, battente bandiera del circolo ospitante

Record per il Nauticsud: in crescita del 13% i visitatori

Trend positivo di vendite per la 45.ma edizione. Award 2018 a Nautica Salpa, Coastal boat e Rivellini design ed ai giornalisti Antonino Pane (Il Mattin) e Sandro Donato Grosso (Sky)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci