giovedí, 26 aprile 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

tp52    regate    accademia navale    este 24    j24    porti    yacht club italiano    formazione    inquinamento marino    accademia navale livorno    mini6.50    confitarma    vele d'epoca    mini 6.50    melges 20    platu25    fincantieri   

MASCALZONE LATINO

Vincenzo Onorato: "Dedico questo mondiale a Paolo Venanzangeli"

vincenzo onorato quot dedico questo mondiale paolo venanzangeli quot
Roberto Imbastaro

Com'era nell'aria, si è deciso tutto all'ultimo giorno. Due valide regate con soli quattro punti totali sono state sufficienti a sigillare il primo posto assoluto e il titolo mondiale per Vincenzo Onorato ed il suo Mascalzone Latino, che da alcuni anni rappresenta con orgoglio nel mondo i colori dello Yacht Club de Monaco. Solo un punto di distacco per i validi inseguitori e rivali di tutta la settimana: il secondo classificato è il TP52 Freccia Rossa di Vadim Yakimenko e lo Swan 42 Sheraa YCH di Maurizio Poser, in testa sino a venerdì sera. 

Un grandissimo sabato quindi per Vincenzo Onorato, che per la prima volta alza al cielo il trofeo più alto per le classi d'altura attuali, a diciassette anni dal primo campionato mondiale conquistato nell'IMS, a Newport, nel 2000, quando era il sistema di rating più in voga. In mezzo, altri cinque titoli differenti (a squadre e con i monotipi Mumm 30 e Farr 40), per un totale di sette oggi nel portfolio del celebre armatore-timoniere napoletano.

Un grandissimo campionato naturalmente per l'equipaggio tutto italiano a bordo del Cookson 50 blu, che si distingue per un tasso di "triestinità" significativo. A bordo dell'imbarcazione campione del mondo ORC 2017 assoluto nella “classe A” c'erano: Vincenzo Onorato al timone, Lorenzo Bressani alla tattica, Francesco Mongelli navigatore, Leonardo Chiarugi alla randa, Stefano Ciampalini, Andrea Ballico e Lorenzo De Felice alle scotte, Matteo Savelli alle drizze, Filippo La Mantia all’albero, Davide Scarpa e Daniele Fiaschi prodiere ed aiuto prodiere, jolly Pietro Manunta. Dal gommone Marco Savelli, coach e sail design del team di lunga data. All’infaticabile Savelli senior va il merito di aver progettato tutto il set di vele 2017, costruite interamente in Italia presso la veleria Millenium, seguendo i dettami di un suo brevetto unico al mondo per costruire vele monolitiche in fibre aramidiche e di carbonio. 

Una grandissima settimana, da incorniciare visto il risultato finale. Era iniziata molto bene con le prove d’altura, svolte consecutivamente fra lunedì e martedì, con un secondo e un undicesimo parziale: quest’ultimo sembrerebbe un risultato un po’ deludente, ma in realtà Mascalzone Latino aveva tagliato il traguardo per primo in tempo reale, e l’esito non particolarmente positivo (scartato nel computo finale) era giustificato da un evidente rinforzo del vento dopo l’arrivo di molti dei più “grandi” che ha favorito gli immediati inseguitori, più piccoli e con un rating decisamente più redditizio. Nelle sei restanti regate più corte svolte da mercoledì a sabato, poi, il totale dei punteggi e la media aritmetica sono stati migliori di tutti, seppure con un margine minimo, con una distribuzione di risultati dal primo (nella quinta) al quarto (la terza e la quarta), passando per due secondi (la settima e l’ottava) e un terzo (la sesta). Un “filotto” di grandi piazzamenti invidiabile, insomma, tant’è che il computo finale è quello di un risultato vincente e più costante anche di chi, come Sheraa YCM, aveva saputo conquistare ben tre prove nella serie.

Si conclude così nel migliore dei modi quest’ultima regata mediterranea che serviva all’equipaggio dei Mascalzoni per fare esperienza prima di correre i due impegni più duri della stagione, in programma dopo l’estate. Il Cookson 50 di Onorato verrà infatti trasferito in Asia per partecipare alla Volvo Hong Kong to Vietnam e, a fine anno, alla mitica Sydney to Hobart. 

Vincenzo Onorato, armatore e timoniere di Mascalzone Latino: «Vincere questo Mondiale così difficile e stressante ha comportato una notevole concentrazione in tutte le prove. Questo è un regalo bellissimo, soprattutto perché con un equipaggio del genere era impossibile perdere. Sono doppiamente felice perché accanto a me ho avuto Lorenzo Bressani, un campione vero, che ha vinto un Mondiale nelle acque di casa: voleva vincere, ci teneva a vincere, e ha portato l’equipaggio alla vittoria. Dedico questa vittoria al mio grande amico Paolo Venanzangeli, scomparso dieci anni fa alla vigilia della Coppa America di Valencia».

Lorenzo Bressani, tattico di Mascalzone Latino: «Sono contento di avere vinto il mio undicesimo titolo mondiale, ma il primo nelle acque di casa. Vincenzo ha deciso di partecipare a questo Mondiale solo un paio di mesi fa quindi la barca non era ottimizzata per affrontare regate con vento leggero. All’inizio abbiamo “tribolato” un po’, mantenendo una tattica conservativa con delle partenze non particolarmente aggressive. Poi abbiamo alleggerito la barca, abbiamo regatato in otto invece che in dodici e tirato le partenze. È stata una settimana perfetta: volevamo questo titolo e lo abbiamo portato a casa. I miei complimenti vanno a tutto il team che ha lavorato assiduamente e non ha lasciato nulla al caso. I complimenti di Vincenzo Onorato mi lusingano, lui non è solo un bravissimo timoniere, ma una gran bella persona prima che un grande armatore, che ha dato la possibilità a tanti velisti di regatare ad alti livelli».


09/07/2017 19:33:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Francesca e Giovanna, facce da Mini

La Marina Militare e l'Aeronautica militare hanno affidato i loro colori a due ottime veliste come Giovanna Valsecchi e Francesca Komatar

Luise Group: nuovi uffici a Portofino, Viareggio, Capri e Castellammare di Stabia

Il viaggio partito da Napoli nel 1847 della famiglia Luise continua dunque nei porti più importanti al mondo, con l'apertura di nuovi uffici e creando addirittura a Napoli nuovi dipartimenti tecnici

“Una Vela Senza Esclusi” diventa una tappa del progetto Sailing For Health

Tante le novità di questa edizione, a partire dalla flotta che accanto alle Azzurre 600 vedrà sfidarsi anche le nuove Hansa 303, imbarcazioni affidate dal Panathlon Club Palermo alla L.N.I. e finalizzate alla formazione atletica dei ragazzi diversabili

A Brenzone i monotipi d'acqua dolce

Nella flotta dei Dolphin vince proprio il detentore del titolo tricolore, "Fantastica" della sorelle Navoni della Fraglia Desenzano, scafo condotto da Davide Bianchini (Canottieri Garda) con ben 4 primi posti su 6 manche

VOR: Scallywag è arrivato, oggi la Itajaì In-Port Race

Scallywag è arrivato nel porto di Itajaì dopo un lungo viaggio dal Cile, e affronta una corsa contro il tempo per poter prendere parte alla ottava tappa. Gli altri sei team invece si preparano per la Itajaí In-Port Race di oggi

La Settimana Velica Internazionale Accademia Navale e Città di Livorno 2018”

600 imbarcazioni, 1000 regatanti e 9 circoli velici impegnati in 15 classi di regate

Ieri Norwegian Cruise Line ha preso in consegna la Norwegian Bliss

La nuova nave di Norwegian Cruise Line debutta in Europa prima di iniziare il suo tour inaugurale intorno agli Stati Uniti. La cerimonia ufficiale di battesimo si terrà a Seattle, nello Stato di Washington

La Regata dell'Accademia Navale

Alla gara, che sarà valida anche come tappa di qualificazione per la regata “Madeira Race 950”, possono partecipare le imbarcazioni d’altura Maxi, IRC/ORC e 9.50

Lab Boat: navigare con la scienza

Lunedì a Cagliari laboratori didattici per le scuole e seminari per il pubblico

Wista Italy incontra il mondo della nautica a Genova presso lo Yacht Club

Convegno sul tema “Nautica da diporto: aggiornamenti giuridici, tecnici e fiscali. Novità e prospettive”

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci