giovedí, 26 aprile 2018

VOLVO OCEAN RACE

Vestas sempre in testa, ma la flotta va verso l'aria leggera

vestas sempre in testa ma la flotta va verso aria leggera
redazione

La notte scorsa, tutta la flotta ha passato la porta di uscita del Mediterrano, lo Stretto di Gibilterra, ed è entrata in Atlantico. Un passaggio veloce facilitato dalla brezza più fresca nella zona a ovest dello stretto, dove il canale fa aumentare di intensità il vento.

 

E tuttavia, più i leader si spingeranno a ovest e più incontreranno aria leggera, come indicano le previsioni, che potrebbe generare una compressione della flotta e un riavvicinamento generale. 
In testa si mantengono gli americani di Vestas 11th Hour Racing, con lo skipper Charlie Enright, che tuttavia sono già entrati un un’are di aria leggera, rallentando moltissimo la loro corsa. Gli spagnoli di MAPFRE hanno fatto registrare un recupero notevole, risalendo in seconda posizione grazie a buone scelte tattiche ad opera dell’esperto navigatore Juan Vila e a un’ottimo passo che stanno ancora mantenendo, terzo è Team AkzoNobel.

 

Al rilevamento di martedì alle ore15.00. Vestas 11th Hour Racing occupava ancora la prima posizione a poco più di 813 miglia dal traguardo di Lisbona, con gli spagnoli di MAPFRE in seconda a meno di 20 miglia alle loro spalle e team AkzoNobel , distanziato di circa 22 miglia. Sun Hung Kai/Scallywag guidato dall’australiano David Witt si mantiene al quarto posto, seguito di poco da Dongfeng Race Team con Charles Caudrelier, da Turn the Tide on Plastic di Dee Caffari e da Team Brunel di Bouwe Bekking in settima piazza.

Le oltre 32 miglia che separano il leader dall’ultima barca, potrebbero sembrare un margine sicuro ma in realtà nelle prossime ore si potrebbe assistere a un ricompattamento della flotta che giungerà un’area di altra pressione e venti leggeri, che interesseranno prima i battistrada. E infatti, la velocità della barca americana al rilevamento del primo pomeriggio era inferiore ai due nodi.

Una situazione confermata da Dee Caffari, unica skipper donna di questa edizione della Volvo Ocean Race in un blog inviato da Turn the Tide on Plastic. “Non succede tutti i giorni di avere una così bella uscita dal Mediterraneo. La notte è stata buia, difficile trovare dei punti di riferimento. E’ stata una navigazione bagnata, veloce e con un sacco di strambate per restare nel vento più fresco. Si riposa poco, e abbiamo davanti a noi una zona di alta pressione orribile, quindi approfittiamo del momento. Mi aspetto una possibile ripartenza quando entreremo nell’aria di vento leggero.”

Durante le ore notturne le barche hanno navigato molto forte, con la massima punta di velocità di 31 nodi, fatta registrare a bordo di Turn the Tide on Plastic, su cui naviga anche l’italiana Francesca Clapcich. Il picco dell’intensità del vento si è invece registrato su MAPFRE, con 36 nodi, mentre quelli di Vestas 11th Hour Racing e MAPFRE sono stati gli equipaggi che hanno fatto il maggior numero di manovre, con decine di strambate ciascuno.

Momenti di tensione si sono vissuti invece a bordo di AkzoNobel, che ha trovato un oggetto galleggiante non identificato sulla sua rotta, al traverso della costa africana. “Abbiamo colpito qualcosa, un impatto abbastanza forte, dato che camminavamo a più di 22 nodi.” Ha spiegato lo skipper olandese Simeon Tienpont. “Poi abbiamo trovato della plastica incastrata nel timone e qualcosa che provocava delle vibrazioni alla chiglia, ma siamo riusciti a liberarcene. Non ci sono state vie d’acqua, il timone c’è ancora. Meno male!”

 

Leg 1 - Posizioni del 24 ottobre alle 13:00 UTC (ore 15 italiane)
1. Vestas 11th Hour Racing - distanza all’arrivo- 813,3 miglia
2. MAPFRE +19,7 miglia
3. team AkzoNobel +21,9
4. Sun Hung Kai/Scallywag +29,7
5. Dongfeng Race Team +30,8 
6. Turn the Tide on Plastic +32,4
7. Team Brunel +32,5

 


24/10/2017 20:43:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Francesca e Giovanna, facce da Mini

La Marina Militare e l'Aeronautica militare hanno affidato i loro colori a due ottime veliste come Giovanna Valsecchi e Francesca Komatar

Luise Group: nuovi uffici a Portofino, Viareggio, Capri e Castellammare di Stabia

Il viaggio partito da Napoli nel 1847 della famiglia Luise continua dunque nei porti più importanti al mondo, con l'apertura di nuovi uffici e creando addirittura a Napoli nuovi dipartimenti tecnici

“Una Vela Senza Esclusi” diventa una tappa del progetto Sailing For Health

Tante le novità di questa edizione, a partire dalla flotta che accanto alle Azzurre 600 vedrà sfidarsi anche le nuove Hansa 303, imbarcazioni affidate dal Panathlon Club Palermo alla L.N.I. e finalizzate alla formazione atletica dei ragazzi diversabili

A Brenzone i monotipi d'acqua dolce

Nella flotta dei Dolphin vince proprio il detentore del titolo tricolore, "Fantastica" della sorelle Navoni della Fraglia Desenzano, scafo condotto da Davide Bianchini (Canottieri Garda) con ben 4 primi posti su 6 manche

VOR: Scallywag è arrivato, oggi la Itajaì In-Port Race

Scallywag è arrivato nel porto di Itajaì dopo un lungo viaggio dal Cile, e affronta una corsa contro il tempo per poter prendere parte alla ottava tappa. Gli altri sei team invece si preparano per la Itajaí In-Port Race di oggi

La Settimana Velica Internazionale Accademia Navale e Città di Livorno 2018”

600 imbarcazioni, 1000 regatanti e 9 circoli velici impegnati in 15 classi di regate

Ieri Norwegian Cruise Line ha preso in consegna la Norwegian Bliss

La nuova nave di Norwegian Cruise Line debutta in Europa prima di iniziare il suo tour inaugurale intorno agli Stati Uniti. La cerimonia ufficiale di battesimo si terrà a Seattle, nello Stato di Washington

La Regata dell'Accademia Navale

Alla gara, che sarà valida anche come tappa di qualificazione per la regata “Madeira Race 950”, possono partecipare le imbarcazioni d’altura Maxi, IRC/ORC e 9.50

Lab Boat: navigare con la scienza

Lunedì a Cagliari laboratori didattici per le scuole e seminari per il pubblico

Senza vento la Bolina è più Lunga

Difficoltà in partenza per la Lunga Bolina, che ha sofferto per un vento latitante per quasi tutto il percorso

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci