domenica, 18 febbraio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

orc    kitesurf e windsurf    nauticsud    regate    vela    volvo ocean race    x-yachts    marevivo    cambusa    social media    campionati invernali    ambiente    formazione    porti    libri    nautica    assarmatori    ferreti group   

VENDEE GLOBE

Vendée Globe: intervista a Armel Le Cleac'h

vend 233 globe intervista armel le cleac
redazione

Capo Horn a tempo di record quello di Armel Le Cleac’h, che ha passato Capo Horn ieri 23 dicembre alle 13:34 (ora italiana). Con un tempo di percorrenza di  47 giorni e 32 minuti da Les Sables d'Olonne, ha polverizzato il tempo di riferimento di François Gabart fissato nel 2012 superandolo di 5 giorni 5 ore e 38 minuti!

Dopo 17.480 miglia coperte ad una velocità media di 15,5 nodi, lo skipper di Banque Populaire VIII ha doppiato Capo Horn per la terza volta nella sua carriera, ma per la prima volta in testa (3° nel 2008 e 2° nel 2012), con un vantaggio di 762 miglia sul suo più vicino inseguitore Alex Thomson (Hugo Boss).

Armel Le Cléac'h: "Ho tirato fuori lo champagne messo da parte per l’Horn. Io cerco ogni volta di brindare. Mi godo il paesaggio con la terra nelle vicinanze. E' bello vedere un po' di atmosfera terrestre. Vedo Capo Horn, che è all'orizzonte. E' bello. Il cielo è vario. Ci sono nuvole chiare e scure. Il vento da 17 a 30 nodi. "

Questa l’intervista realizzata poco prima del passaggio di Capo Horn

 

Come stai in questo giorno un po 'speciale?
“Sta andando alla grande, ho strambato questa mattina, poco prima delle Diego Ramirez, che non sono molto lontane. La giornata è appena iniziata, ci sono le nuvole per ora, e spero di avere parzialmente nuvoloso per vedere il Capo. Qui le notti sono molto brevi, siamo molto a sud, e durano in media 4 o 5 ore. Sono soddisfatto di essere arrivato qui e uscire dai mari del sud. Ho avuto meno stress nelle ultime 24 ore, ho avuto condizioni più malleabili, meno vento e un mare calmo. E' bello, cambia in meglio e me la sto godendo. Ho messo a posto la barca, ho fatto le pulizie e soprattutto ho rilasciato lo stress dopo giorni di caos, complicati dal tanto vento e da un sacco di manovre. E' stato difficile. Abbiamo avuto venti mai al di sotto dei 50 nodi. Quattro anni fa’ non ho visto molto, ma c'era un'atmosfera speciale con molti iceberg nella zona. Sarà bello vedere la terra. Sarà un momento molto forte. Terzo Capo Horn in IMOCA ma questa volta in testa e questo significa molto per me, quando penso a tutto quello che ho passato per arrivare fin qui!”

 

Nelle precedenti edizioni sei stato 3° nel 2008 e 2° nel 2012. Era nella logica dei numeri che fossi primo quest’anno?

“E' stato il mio obiettivo essere il primo a svoltare a sinistra per la risalita del Sud Atlantico! Non è stato facile arrivarci, ma ne valeva la pena. Siamo in cima ma il percorso è ancora lungo e l'ultima parte non è proprio la più semplice da gestire.  4 anni fa’ ero a circa due ore di distanza da François Gabart. Oggi, avere 5 giorni di vantaggio è piuttosto sorprendente. Ho un piccolo vantaggio che voglio sfruttare, anche se aspetto di conoscere la salsa che mi farà mangiare l’Atlantico del sud”.


Lo scafo è in buone condizioni?
“Sì, è in buone condizioni, ci sono sempre un paio di sottigliezze da regolare e questo è normale, ma nel complesso è piuttosto positivo. Tocchiamo ferro! Ma tutto questo è merito anche del lavoro della squadra per tutta la stagione. Questa barca è prima e con un buon tempo proprio grazie a loro”.

Cosa ricordi dei mari del sud?
“C’era un ritmo in tutto. Indiano tonico, Pacifico complicato. Sono stato molto impegnato nei mari del sud, ma questa non è una sorpresa. Quattro anni fa' è stato più facile, e io e François Gabart, che abbiamo viaggiato quasi insieme, non siamo passati attraverso grandi depressioni. Quest'anno è più simile a quello che ho vissuto 8 anni fa, con condizioni molto simili, un Indiano freddo e umido. Sono felice di aver completato questa parte del viaggio. C'è ancora umido sul ponte, c'è un po' di mare che mi bagna e non è molto caldo. Questa notte ho ancora avuto il diritto ad una bella doccia di grandine e neve, ma in pochi giorni ci sarà finalmente un clima più mite. L’aspetto davvero”.

 

Hai avuto tempo per mangiare e riposare?
“Da ieri è un lusso avere una barca che è stabile e ti fa dormire. E' bello, ci si sente bene. E' anche sorprendente, in un primo momento! Ieri ho mangiato bene, ne ho approfittato, e mi sono anche preso un po’ cura di me. E ho fatto anche prendere un po’ d’aria alla barca”.

 

Ti aspettavi questo vantaggio sugli inseguitori?

“Francamente non ho mai costruito uno scenario in questa gara. In ogni caso, so bene che tutto può succedere e che la strada è ancora lunga. Io lavoro tutti i giorni fin dall'inizio. Quindi sì, il divario ampliato con Alex Thomson da un paio di giorni è buono, ma io sono lucido e la corsa è ancora lungi dall'essere vinta. Rimangono più di 3 settimane e, se non sbaglio, nella scorsa edizione ci ho messo 27 giorni per risalire l'Atlantico, e in 27 giorni tutto può succedere”.


Una parola sul tuo Natale a bordo?
“Non ci penso. Ho l’impressione che per me il Natale sia lontano. So che sarà difficile come sempre quando sono lontano da mia moglie e dai miei figli, ma devo fare un passo dopo l'altro e ora voglio assaporare questo Capo Horn”.


24/12/2016 11:30:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Bruno Bozzetto, la Rete ti ama!

Dal 1 Settembre 2017 al 13 Febbraio 2018 sono stati pubblicati circa 600 articoli online che citano il papà del Signor Rossi, e hanno raccolto oltre 150.000 azioni di engagement (Fonte dati: BauciWeb)

Giovanni Soldini e Maserati: ancora 2700 miglia per Londra

Dopo aver lottato due giorni per superare una depressione tropicale, questa notte poco prima dell’alba, il trimarano italiano è entrato nella fascia degli alisei da Nord Est, sinonimi di venti costanti

Bper Banca Crotone International Carnival Race 2018

Le ultime regate hanno rimesso ordine nella classifica: Gradoni con due vittorie ha consolidato il primato; Schulteis (secondo) ha confermato di essere il suo vero rivale; Nuccorini ha scalzato dal podio Yuill;

Stati Uniti e Russia si impongono nel fine settimana di regate Melges 20

Il campione del Mondo Pacific Yankee conquista la prima tappa Melges 20 World League a Miami

Invernale Riva di Traiano: una giornata che vale doppio

Disputate due prove che rimettono in linea il numero di regate disputate. Nei "per 2" testata l'innovativa formula "Finish&Go"

Nautica: Ice si prepara a lanciare il nuovissimo Icecat 61

Il carattere sportivo dell'ICECAT 61 è facilmente percepibile dall'ampio uso del carbonio, che viene infuso con resina epossidica della miglior qualità col sistema del sottovuoto per scafo, coperta e paratie

Undicesima Regata all'Invernale del Circeo

In IRC 1 primo Cavallo Pazzo l'X35 di Enrico Danielli, secondo Twins dei fratelli Gemini, terzo Tityre di Borsò. In IRC2 primo primo VIS IOVIS di Magliozzi, secondo Gunboat Rangiriri di Masucci, terzo Loucura di Gagliardi

Velista dell'Anno FIV, ecco tutti i finalisti

I nomi e le schede dei finalisti del Velista dell'Anno FIV. La premiazione a Roma, Villa Miani, il 12 marzo p.v., preceduta da una tavola rotonda dedicata all'America's Cup

Volvo Ocean Race: Turn the Tide on Plastic incontra barca alla deriva

Turn The Tide on Plastic ha avvistato Sea Nymph mercoledì 14 febbraio a circa 360 miglia ad est di Guam (VIDEO)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci