lunedí, 27 marzo 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

classi olimpiche    fraglia vela riva    altura    regate    press    derive    seatec    turismo    formazione    barcolana    suzuki    cala de medici    vela oceanica   

VENDEE GLOBE

Vendée Globe: intervista a Armel Le Cleac'h

vend 233 globe intervista armel le cleac
redazione

Capo Horn a tempo di record quello di Armel Le Cleac’h, che ha passato Capo Horn ieri 23 dicembre alle 13:34 (ora italiana). Con un tempo di percorrenza di  47 giorni e 32 minuti da Les Sables d'Olonne, ha polverizzato il tempo di riferimento di François Gabart fissato nel 2012 superandolo di 5 giorni 5 ore e 38 minuti!

Dopo 17.480 miglia coperte ad una velocità media di 15,5 nodi, lo skipper di Banque Populaire VIII ha doppiato Capo Horn per la terza volta nella sua carriera, ma per la prima volta in testa (3° nel 2008 e 2° nel 2012), con un vantaggio di 762 miglia sul suo più vicino inseguitore Alex Thomson (Hugo Boss).

Armel Le Cléac'h: "Ho tirato fuori lo champagne messo da parte per l’Horn. Io cerco ogni volta di brindare. Mi godo il paesaggio con la terra nelle vicinanze. E' bello vedere un po' di atmosfera terrestre. Vedo Capo Horn, che è all'orizzonte. E' bello. Il cielo è vario. Ci sono nuvole chiare e scure. Il vento da 17 a 30 nodi. "

Questa l’intervista realizzata poco prima del passaggio di Capo Horn

 

Come stai in questo giorno un po 'speciale?
“Sta andando alla grande, ho strambato questa mattina, poco prima delle Diego Ramirez, che non sono molto lontane. La giornata è appena iniziata, ci sono le nuvole per ora, e spero di avere parzialmente nuvoloso per vedere il Capo. Qui le notti sono molto brevi, siamo molto a sud, e durano in media 4 o 5 ore. Sono soddisfatto di essere arrivato qui e uscire dai mari del sud. Ho avuto meno stress nelle ultime 24 ore, ho avuto condizioni più malleabili, meno vento e un mare calmo. E' bello, cambia in meglio e me la sto godendo. Ho messo a posto la barca, ho fatto le pulizie e soprattutto ho rilasciato lo stress dopo giorni di caos, complicati dal tanto vento e da un sacco di manovre. E' stato difficile. Abbiamo avuto venti mai al di sotto dei 50 nodi. Quattro anni fa’ non ho visto molto, ma c'era un'atmosfera speciale con molti iceberg nella zona. Sarà bello vedere la terra. Sarà un momento molto forte. Terzo Capo Horn in IMOCA ma questa volta in testa e questo significa molto per me, quando penso a tutto quello che ho passato per arrivare fin qui!”

 

Nelle precedenti edizioni sei stato 3° nel 2008 e 2° nel 2012. Era nella logica dei numeri che fossi primo quest’anno?

“E' stato il mio obiettivo essere il primo a svoltare a sinistra per la risalita del Sud Atlantico! Non è stato facile arrivarci, ma ne valeva la pena. Siamo in cima ma il percorso è ancora lungo e l'ultima parte non è proprio la più semplice da gestire.  4 anni fa’ ero a circa due ore di distanza da François Gabart. Oggi, avere 5 giorni di vantaggio è piuttosto sorprendente. Ho un piccolo vantaggio che voglio sfruttare, anche se aspetto di conoscere la salsa che mi farà mangiare l’Atlantico del sud”.


Lo scafo è in buone condizioni?
“Sì, è in buone condizioni, ci sono sempre un paio di sottigliezze da regolare e questo è normale, ma nel complesso è piuttosto positivo. Tocchiamo ferro! Ma tutto questo è merito anche del lavoro della squadra per tutta la stagione. Questa barca è prima e con un buon tempo proprio grazie a loro”.

Cosa ricordi dei mari del sud?
“C’era un ritmo in tutto. Indiano tonico, Pacifico complicato. Sono stato molto impegnato nei mari del sud, ma questa non è una sorpresa. Quattro anni fa' è stato più facile, e io e François Gabart, che abbiamo viaggiato quasi insieme, non siamo passati attraverso grandi depressioni. Quest'anno è più simile a quello che ho vissuto 8 anni fa, con condizioni molto simili, un Indiano freddo e umido. Sono felice di aver completato questa parte del viaggio. C'è ancora umido sul ponte, c'è un po' di mare che mi bagna e non è molto caldo. Questa notte ho ancora avuto il diritto ad una bella doccia di grandine e neve, ma in pochi giorni ci sarà finalmente un clima più mite. L’aspetto davvero”.

 

Hai avuto tempo per mangiare e riposare?
“Da ieri è un lusso avere una barca che è stabile e ti fa dormire. E' bello, ci si sente bene. E' anche sorprendente, in un primo momento! Ieri ho mangiato bene, ne ho approfittato, e mi sono anche preso un po’ cura di me. E ho fatto anche prendere un po’ d’aria alla barca”.

 

Ti aspettavi questo vantaggio sugli inseguitori?

“Francamente non ho mai costruito uno scenario in questa gara. In ogni caso, so bene che tutto può succedere e che la strada è ancora lunga. Io lavoro tutti i giorni fin dall'inizio. Quindi sì, il divario ampliato con Alex Thomson da un paio di giorni è buono, ma io sono lucido e la corsa è ancora lungi dall'essere vinta. Rimangono più di 3 settimane e, se non sbaglio, nella scorsa edizione ci ho messo 27 giorni per risalire l'Atlantico, e in 27 giorni tutto può succedere”.


Una parola sul tuo Natale a bordo?
“Non ci penso. Ho l’impressione che per me il Natale sia lontano. So che sarà difficile come sempre quando sono lontano da mia moglie e dai miei figli, ma devo fare un passo dopo l'altro e ora voglio assaporare questo Capo Horn”.


24/12/2016 11:30:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il Centro Velico Caprera compie cinquant’anni

E per l’occasione ha presentato oggi a Milano il suo progetto di responsabilita’ ambientale, etica e sociale in partnership con realta' di eccellenza

Roma per 1: la vela "No Frills" di Riva di Traiano fa tendenza

Sette solitari e diciannove equipaggi in doppio. Al momento più della metà della flotta in partenza per la Roma per1/2/Tutti non è in equipaggio

Edd China lascia Affari a 4 Ruote

a nuova produzione americana (Velocity Channel) gli aveva chiesto di non effettuare tutte le riparazioni per risparmiare tempo e soldi. "Questa nuova direzione non mi trova d'accordo, perché penso che venga compromessa la qualità del mio lavoro".

Mini 6.50: Andrea Fornaro vince l’Arcipelago 650 in classe Proto

Di nuovo in coppia col canario Oliver Bravo de Laguna Fornaro sembra soddisfatto di questa prima regata italiana della stagione, nonostante le difficoltà dovute ad una messa a punto avvenuta praticamente in acqua

Marina Cala de’ Medici diventa ora anche palestra di preparazione

Palestra di preparazione per gli armatori che hanno di recente acquistato i loro Mylius e si accingono alle prime prove in mare di regata, in attesa dei prossimi appuntamenti a livello italiano, europeo e mondiale

Tavola rotonda al Porto Marina Cala de’ Medici con l’Assessore regionale Stefano Ciuoffo

Temi cardini integrazione Porto-territorio e del prossimo salone di Viareggio

Morgan IV vince il Campionato Invernale di Vela d'Altura di Bari

Vincitori per la minialtura “Cocò” di Natuzzi Vitantonio con Marco Magrone al timone (CN Bari). A loro si aggiungono i vincitori delle diverse categorie e quelli della classe libera

Fincantieri: a Marghera al via i lavori in bacino per “Nieuw Statendam”

Il blocco dell’unità, lungo 11,3 metri, largo 34,8 e dal peso di 260 tonnellate, fa parte della sezione di centro nave di “Nieuw Statendam”, la cui consegna è prevista alla fine del 2018

Regata Nazionale 420: prima giornata a secco di vento

Il ricordo per il giudice e arbitro di regata Flavio Marendon

Comandanti e designer al Seatec 2017

Alla 15° edizione due delegazioni di comandanti di grandi yacht e di designer, s’incontrano con le aziende espositrici su tematiche comuni e dedicate

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci