mercoledí, 23 agosto 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

disabili    melges 32    centomiglia    palermo-montecarlo    circoli velici    windsurfing    j class    waszp    swan    yacht club hannibal    marine    420    laser    match race    regate   

VELISTA DELL'ANNO

I Velopardi

velopardi
Roberto Imbastaro

C’è sempre emozione nel salire le scale che portano a Villa Miani per l’ennesima edizione del Velista dell’Anno. E’ il magico mondo della vela che dispensa i suoi Oscar, bellezza! Mica un velista dell’anno qualsiasi che assegna i suoi premi in modalità 5 Stelle. La Rete sarà anche la Rete, ma qui c’è anche una giuria di “Illuminati” che ne corregge le storture. Insomma, se chiedi al popolo sarà sempre Barabba ad essere liberato. Ed io soffro ancora le conseguenze di quella votazione. Un po’ di sana restaurazione, poi, in un mondo in fondo elitario come quello della vela, è sempre gradita.


Come sempre il primo impatto è gattopardesco. Non sarà Palazzo Valguarnera-Gangi, ma Villa Miani fa sempre il suo effetto. Il solito ottimo buffet nei saloni al piano terra, con l’immancabile tourbillon dei soliti noti che saltellano atleticamente tra una calamarata al tartufo e una distesa di dolci da picco glicemico immediato. Certamente, le chiome canute testimoniano un’età media avanzata, ma l’abilità sviluppata nel corso di lunghi anni di allenamento nell’uso in verticale della posateria, sopperisce all’agilità perduta.

Al termine del fiero (e ottimo) pasto, è giunta finalmente l’ora della premiazione. Si sciama lungo le sale e i corridoi della Villa fino al salone allestito all’uopo, dove finalmente sarà svelato il nome del Velista dell’Anno 2016.


L’attesa c’è, comprensiva di molta curiosità, anche perché non è che il 2016 abbia offerto grandi spunti. Nessuna impresa epica, qualche vecchia gloria con nuovi fermenti, un’Olimpiade andata come è andata, con una Fiv che rivendica continuità nel cambiamento. Ecco la chiave! Siamo davvero in pieno Gattopardo. ”Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi”.

E dal cilindro spunta il nome di Mattia Camboni, classe ’96, proveniente dal quel focolaio di sani infetti da virus della tavola a vela che è Civitavecchia.

Siamo contenti di essere in un film di Zemeckis e di assistere al Velista dell’Anno 2027. A dirla tutta il nostro tifo era per lui, anche per continuità territoriale, ma la scelta ci lascia lo stesso sorpresi, piacevolmente sorpresi mentre riguardiamo la lista dei velisti vincitori delle passate edizioni che abbiamo sul tavolo. Leggo alcuni nomi ed è come sentirli:”Noi fummo i Gattopardi. I Leoni”. Buon vento Mattia, e diventa anche tu un leone!


Alberto Acciari conclude la serata con un sentito ringraziamento al suo staff e fa bene. Tutto è stato organizzato alla perfezione. Il Velista dell’Anno c’è, e con il materiale genetico a disposizione si è fatto quanto possibile. La Fiv, che al di là dell'ufficialità sa benissimo di dover migliorare qualcosa, ha anche presentato nuovi innesti importanti nel suo staff tecnico: Matteo Piazzi, una sicurezza, e lo sloveno Vasilij Zbogar, tre medaglie olimpiche e un'idiosincrasia congenita alla cravatta che fa ben sperare. Poi parla come Gustav Thoeni, ed anche questo è un punto a suo favore.

Forse qualcosa sta cambiando davvero, così come nella conduzione della serata, passata dal solido Lo Cicero all’eterea Cristiana Monina, che ha portato a termine il suo primo difficile match race multiplo sul proscenio.

Promossa con piccole riserve, ma al suo neologismo “Barcalingo”, coniato per un armatore che ama cucinare in barca, mi sono sentito autorizzato a titolare questo articolo “I Velopardi”.

 


07/03/2017 11:19:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Volvo Ocean Race, Alberto Bolzan: "Perché ho scelto Team Brunel"

Alberto Bolzan è già da alcune settimane impegnato a bordo del VOR 65 battente bandiera dei Paesi Bassi con il quale ha completato la Leg Zero

Primo Rally della Laguna Sud

La prima tappa partirà da Chioggia, sabato 26 agosto alle 11.00 (Raduno alle 09.00 Darsena Mosella) e, attraversando la laguna sud, terminerà a Malamocco

I Campionati del Mondo MicroClass di Annecy

73 barche già iscritte ad una settimana dal via è un record assoluto per la Micro Class. 3 continenti e 10 nazioni rappresentate sono un ottimo biglietto da visita

"Audi J/70 World Championship": da Moby e Tirrenia super sconti per i partecipanti

La manifestazione nata dalla collaborazione tra lo Yacht Club Costa Smeralda e la Classe J/70 che si terrà dal 12 al 16 settembre prossimi nello splendido scenario di Porto Cervo

Domenica il Trofeo Formenton TAG Heuer Vela Cup

Anche il pluricampione Tommaso Chieffi alla regata delle vacanze; quest'anno Vittorio Codecasa, con lo Swan 45 Jeroboam Ca’Nova, potrebbe aggiudicarsi per la terza volta il Trofeo

È iniziato il countdown della XIII Palermo-Montecarlo

Saranno 44 nell’edizione numero XIII le barche sulla linea di partenza lunedì 21 agosto, di cui 20 straniere in rappresentanza di 9 Paesi

Ardi è arrivato a Mahon

Dal 29 agosto al 2 settembre lo stupendo One Tonner, barca scuola del Club Nautico Versilia parteciperà alla XIV Copa Del Rey De Barcos de Epoca, penultima tappa del Panerai Classic Yachts Challenge 2017

Palermo, dalla Cala ai Palazzi Storici. Passeggiata al Piano della Marina

La zona prosciugata attorno all’ anno 1000, veniva anche chiamato ‘’platea marittima’’ e dagli inizi del ‘300 venne bonificato per volere della famiglia Chiaramonte che vi costruì il proprio hosterium, oggi Palazzo Steri

VOR: MAPFRE si aggiudica la Leg Zero

MAPFRE si aggiudica la Leg Zero, e ora due mesi di lavoro prima della partenza della Volvo Ocean Race

Prosegue l’avventura di Ardi

L'One Tonner, barca scuola del Club Nautico Versilia prosegue la navigazione verso Mahon dove dal 29 agosto al 2 settembre parteciperà alla XIV Copa Del Rey De Barcos de Epoca, penultima tappa del Panerai Classic Yachts Challenge 2017

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci