giovedí, 18 dicembre 2014

MAXI

VELA - Riposo forzato per i Maxi della Loro Piana Regatta

E' il vento l'unico protagonista della seconda giornata della Loro Piana Superyacht Regatta, la manifestazione velica organizzata, dal 7 all'11 giugno, dallo Yacht Club Costa Smeralda in collaborazione con il title sponsor Loro Piana e Boat International Media. Dopo la prima entusiasmante regata di ieri, oggi la flotta dei 27 super yacht non ha potuto prendere il largo a causa degli oltre 30 nodi di vento che hanno sferzato la costa sin dalle prime ore del mattino.
Il commento del Principal Race Officer, Peter Craig: "Abbiamo consultato diverse previsioni meteo e tutte davano oltre 30 nodi ma speravamo comunque di riuscire a farli regatare, non volevamo arrenderci troppo presto. Avevamo sia una barca d'appoggio che un super yacht a darci informazioni dal mare e il vento ha continuato ad aumentare. Ad un certo punto è stato chiaro che gli scafi Cruising non avrebbero potuto regatare in quelle condizioni ma abbiamo atteso un'altra ora nella speranza di far gareggiare almeno i Performance, ma non è stato possibile. Grazie ai circa 20 nodi di vento previsti, in diminuzione nel tardo pomeriggio, domani ci aspetta invece una spettacolare giornata di regate".
In seguito alla penalizzazione decisa questa mattina dal Comitato di Regata dello YCCS, Ganesha, il 38.8 metri del cantiere Fitzroy, slitta dal primo all'undicesimo posto della classifica overall provvisoria della divisione Cruising, che vede ora in testa il 34.2 metri Unfurled, costruita da Royal Huisman. Restano invece invariati i risultati delle divisioni Performance e Wally, su cui dominano rispettivamente Highland Fling e Y3K.


09/06/2011 20.22.00 © riproduzione riservata





I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Matteo Miceli: "Sono al centro di Roma!!!"

Matteo Miceli: diario di bordo dell'11 dicembre 2014

"Il Pianeta ci ascolta". Così Matteo Miceli festeggia in Oceano il suo compleanno

Nei 40 ruggenti Matteo Miceli affronta l'Indiano e i suoi 44 anni vissuti "ecologicamente". Non solo questo giro del mondo nel suo ecocurriculum ma tante altre imprese da ricordare

VOR: verso lo stretto

Ventiduesimo giorno di regata della seconda tappa della Volvo Ocean Race. Il terzetto di testa naviga nel golfo di Oman alla ricerca della migliore soluzione per passare oltre lo stretto di Hormuz e puntare verso la linea del traguardo di Abu Dhabi

Riva di Traiano: omaggio a Straulino poi Lancillotto fa sua la regata

Un minuto di silenzio per ricordare l’Ammiraglio Agostino Straulino nel decennale della morte. Così è iniziato questa mattina il briefing dell’Invernale di Riva di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli

Volvo Ocean Race: "Tris d'Assi" per la vittoria

Mancano ormai meno di 170 miglia alla linea del traguardo di Abu Dhabi ed è ancora testa a testa fra i tre leader, distanziati di pochissimo, per cercare di guadagnare un margine significativo

Maxi-Tri: prende forma il nuovo sogno di François Gabart

In questi giorni è stato consegnato dello scafo centrale trasferito con un trasporto eccezionale dal cantiere Multiplast al cantiere CDK Keroman. Il varo previsto nell'estate del 2015

Invernale Riva di Traiano: Vahine' 7 difende la sua leadership

In testa in "Regata" c’è Francesco Raponi, con il suo First 45 Vahine’ 7 (pt.3), incalzato dal First 40’ Lancillotto (Alberto Ammonini) ad un solo punto e dal First 34.7’ Vulcano 2 di Morani Zamorani a 3 punti

Volvo Ocean Race: Team Brunel "quasi" al fotofinish

In un finale ancora una volta combattuto Team Brunel, guidato dal veterano olandese Bouwe Bekking ha tagliato la linea del traguardo di Abu Dhabi alle 8.25.20 UTC battendo di soli 16 minuti Team Dongfeng

La Volvo Ocean Race commissiona un rapporto sull'incidente di Team Vestas Wind

Gli organizzatori della Volvo Ocean Race hanno commissionato un rapporto indipendente sull'incagliamento della barca di Team Vestas Wind su una barriera corallina nell'oceano Indiano - ph. Brian Carlin

Extreme 40: The Wave, Muscat in testa a Sydney

Le condizioni ideali della prima giornata delle Extreme Sailing Series, 18 nodi di vento con raffiche fino a 24 nodi, hanno permesso agli Extreme 40 di esprimere tutta la loro potenza nello stretto campo di regata - ph. Lloyd Images