giovedí, 24 aprile 2014


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

platu25    vela oceanica    transat ag2r    vela olimpica    windsurf    29er    byte c    garda    este 24    rc44    press    circoli velici    regate    rolex china sea race    420    idec   

MELGES 20

VELA - (Dai Team) Melges 20: ottima la prova di squadra del Mascalzone Latino

Anche oggi, nella seconda tappa della Melges 20 Audi Sailing Series, è stata una straordinaria giornata di vela.

Due erano le prove da disputarsi per portare a termine il programma e così è stato. Nuovamente vento di scirocco, più instabile in quanto a direzione ed intensità rispetto a ieri, che ha fatto tribolare non poco i 24 tattici a bordo di altrettante imbarcazioni al via.

Una prima regata, la quinta della serie, che ha visto un assolo di Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato. Nathan Wilmot, australiano, medaglia d’oro olimpica classe 470 ai Giochi Olimpici di Pechino, sceglie, contrariamente al resto della flotta, di partire in boa e navigare sulla parte sinistra del campo di regata.

Sembra una scelta molto azzardata, visto che anche Mascalzone Latino è tra i papabili per la vittoria finale, ma Wilmot è proprio deciso e “tira” dritto nell’angolo sinistro. Nel momento fatidico, quando vira per andare ad incrociare tutto il gruppo che sopraggiunge da destra, è avanti una vita, 200 metri circa.

Dal momento in cui gira la prima boa in poi Onorato senior ed il suo equipaggio navigano solitari sino sul traguardo. Alle loro spalle con oltre 3 minuti di ritardo si piazzano nell’ordine Mezza Luna di Marco Franchini con Sandro Montefusco alla tattica e Peccerè con Guglielmo Giordano. Mascalzone Latino junior di Achille Onorato fatica a districarsi tra gli avversari e conclude al nono posto.

Arriva il momento della verità, la sesta regata, dopo la quale sarà possibile scartare il peggiore dei risultati ottenuti. Onorato junior, in termini di scarto, è quello messo meglio perchè ha il risultato peggiore, un diciottesimo.

Parte la prova, i due Mascalzoni e Peccerè sono vicinissimi in prossimità della barca comitato. Dei tre Mascalzone Latino junior è quello che viene costretto prima a virare e si porta sulla sinistra del campo di gara. Gli altri due proseguono sulla destra.

La sinistra sembra, un’altra volta, quella favorita e Onorato junior occupa una posizione nei primi 6-7, con Peccerè e Mascalzone Latino piuttosto attardati.

Ma, come noto, sino a quando non si taglia la linea del traguardo tutto può ancora succedere, e così è stato. Nel secondo lato di bolina Peccerè e Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato recuperano posizioni su posizioni ed in boa di bolina sono rispettivamente nono e quinto. Al comando della prova c’è Turnover di Vallivero/Perazzo, mentre Mascalzone Latino junior è settimo, risultato non sufficiente per entrambi gli equipaggi dei Mascalzoni per aggiudicarsi la tappa.

La manche conclusiva è appannaggio di Turnover che precede nell’ordine Candida Sailing Team di Alessio Marinelli e Audi - Out of Reach di Guido Miani. Quarto conclude Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato, sesto Pecceré ed ottavo Mascalzone Latino junior.

La morale è che in 7 punti ci sono sei barche. Ad avere la meglio è Peccerè che si aggiudica la seconda tappa della Melges 20 Audi Sailing Series con un solo punto di vantaggio su Turnover di Renato Vallivero e Marco Perazzo e due su Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato. Quarto è Candida Sailing Team di Alessio Marinelli e quinto Mascalzone Latino junior di Achille Onorato.

Su Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato, battente bandiera del New York Yacht Club, regatavano il tattico Nathan Wilmot e il trimmer Matteo Savelli; con Mascalzone Latino junior di Achille Onorato che regatava invece per i colori dello Yacht Club Monaco, c’erano il tattico Lorenzo Bressani ed il tailer Federico Michetti.

I commenti di Onorato dopo le regate all'Elba: "E' stato un bellissimo week end di vela, le condizioni meteo, dopo le difficoltà della scorsa settimana, hanno riscattato l'immagine di questa magnifica isola. Quanto a noi, siamo più che soddisfatti, il risultato complessivo del team è ottimo, considerando che sia mio figlio che io non avevamo mai navigato su questo divertentissimo monotipo. Il mio focus rimane il programma Melges 32, mentre Achille proseguirà nelle rimanenti tappe del circuito che culminerà con il mondiale a Napoli. Sono felice che mio figlio abbia la stessa passione per questo sport e credo che affiancato da dei professionisti quali Lorenzo [ndr. Bressani] e Federico [ndr. Michetti] potrà togliersi delle belle soddisfazioni".


Classifica generale dopo sei prove con uno scarto:

Pecceré, Mirko De Falco/Guglielmo Giordano [9] - 2 - 3 - 7 - 3 - 6, 21 punti
Turnover, Renato Vallivero/Enrico Fonda [16ZFP] - 4 - 1 - 3 - 13 - 1, 22 punti
Mascalzone Latino, Vincenzo Onorato/Nathan Wilmot 1 - [12] - 6 - 11 - 1 - 4, 23 punti
Candida Sailing Team, Alessio Marinelli/Branko Brcin 11 - 1 - 4 - [17] - 6 - 2, 24 punti
Mascalzone Latino Jr, Achille Onorato/Lorenzo Bressani [18] - 3 - 2 - 4 - 9 - 8, 26 punti


03/06/2012 23.43.00 © riproduzione riservata







I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Rolex China Sea Race: vince Ragamuffin

Il 90 piedi di Syd Fischer ha dominato questa edizione fin dalla partenza da Hong Kong e ha terminato la gara in 57 ore 31 minuti e 18 secondi

Pasquavela: Vanitè, Muzyka 2, Vulcano, Low Noise e La Superba i vincitori

L'ultimo giorno di regate, caratterizzato da venti sui 12 nodi di intensità che sono andati poi a diminuire nel corso della giornata, ha consentito di disputare 2 prove sia per le classi d'Altura che per i J24 - ph. J.R. Taylor

Rolex China, vince Neil Pryde:"In vita mia non ho mai navigato, ho sempre gareggiato"

Sabato mattina, Hi Fi è stata la terza barca a completare il percorso di 565 miglia da Hong Kong a Subic Bay, nelle Filippine, dopo una intensa competizione con il TP 52 lo statunitense Lucky - ph. K. Arrigo/Rolex

Nasce Cerevisia, il Primo Festival delle birre artigianali del Trentino

Il 6,17 e 18 maggio 2014 incontri, degustazioni, tavole rotonde e laboratori per conoscere al meglio la birra e il suo mondo al Palanaunia di Fondo

Concluso lo Stintino Funboard Event

Verso le 13 Eolo ha inziato a soffiare con la sufficiente intensità (tra i 12 e i 16 nodi) da Libeccio e si è dato così il via alle danze delle batterie dei regatanti - ph. Roberto Pintus

L'Italia domina al 32° meeting del Garda Optimist

Davide Duchi - atleta della Fraglia Vela Riva - vince il 32° Meeting del Garda Optimist. Tra i cadetti conquista il gradino più alto del podio Francesco Novelli

Hyeres: un acuto della Tartaglini nella prima giornata di regate

Oltre a Flavia Tartaglini (una vittoria su tre regate), sono andati discretamente anche Filippo Baldassarri e Giulia Conti e Francesca Clapcich

Torbole: Pasqua con il Campionato Europeo Techno 293

Si è chiuso ieri il Techno 293 Garda Lake Trophy con le vittorie di Nikita Prozorov (Under 17), Riccardo Renna (Under 15) e Edoardo Tanas (under 13)

Parte il 25 aprile la Palermo/Salina

Pochi giorni alla partenza della Onehundredandthirtymiles, seconda prova del Campionato Italiano Offshore, organizzata da Palermo a Salina dal Centro Universitario Sportivo

Techno 293: dominio russo nella prima giornata

Esordio perfetto per il Techno 293 Garda Lake Trophy: la "prova generale" del Campionato Europeo Techno 293 di windsurf - organizzato dal Circolo Surf Torbole - ph. E. Giolai