giovedí, 27 aprile 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

alinghi    gc32    regate    coppa del mondo    j70    andrea mura    protagonist    barcolana    solitari    vela    turismo    vele d'epoca    cio    nautica    half ton    rotte golose    5.5    j24   

PRESS

Turismo: girobotteghe natalizio per le strade di Genova

turismo girobotteghe natalizio per le strade di genova
redazione

Il capoluogo ligure è una città dalle radici antiche, che affondano in una storia ricca e affascinante, fatta anche di piccoli segreti poco noti spesso agli stessi genovesi. Il modo migliore per andare alla scoperta della magia della Genova tradizionale è immergersi nell’intreccio di vicoli e viuzze medievali e rinascimentali del centro, dove potrete fare un tuffo nel passato esplorando le botteghe storiche della vecchia “Zena”. E quale momento migliore esiste per andare a curiosare in antiche pasticcerie, cioccolaterie, sartorie e negozi abbigliamento, che il periodo pre-natalizio? L’atmosfera magica che pervade la città, le luminarie e gli addobbi colorati, gli intensi profumi e il caleidoscopico spettacolo dei negozi antichi vi sveleranno come d’incanto l’affascinante storia di Genova.

Questa estesa rete di negozi antichi si inserisce armoniosamente nel tessuto urbano, conservando intatto tutto il fascino di quello che per secoli è stato il cuore pulsante della “Superba”: il commercio. Per preservare questo prezioso patrimonio, testimonianza di un variopinto mosaico di popoli e storie, 21 di queste botteghe sono state inserite nell’Albo regionale delle botteghe storiche, una lista degli esercizi in attività da almeno 70 anni che soddisfano una serie di requisiti imposti dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici. Per poter essere inserite all’interno dell’Albo, le attività commerciali in questione devono conservare arredi originali, elementi architettonici, attrezzature ancora funzionali all’attività svolta, oltre a documentazione della storia dell’esercizio stesso. Al momento, altre 50 sono in attesa della valutazione di un pool di esperti, nella speranza di poter essere inserite in questo elenco sempre aperto che mira a costituire un circuito di conservazione e valorizzazione, per rendere noto a genovesi e turisti il valore di queste attività che rappresentano l’anima stessa della città.


Queste piccole e micro imprese tramandano un saper fare tradizionale, e possono pertanto giocare un ruolo importante a livello turistico, grazie alla passione e agli sforzi di chi ancor oggi mantiene in vita con amore un tocco di passato. Per questo motivo, “andar per botteghe” tra i carruggi e le piazzette di Genova è un’esperienza unica e irripetibile, ancor più speciale a Natale: per vivere al meglio l’atmosfera di gioia e di allegria di questo periodo, lasciatevi conquistare dallo splendido labirinto genovese di storie e persone, ne resterete sicuramente entusiasti!

 

La dolce vita genovese

Un interessante itinerario tematico, particolarmente adatto al periodo natalizio, è quello che va alla scoperta delle pasticcerie di Genova, per tutti i buongustai amanti dei dolci. Si parte in Vico dei Castagna, dove si trova la Fabbrica di Cioccolato Romeo Viganotti, cioccolatiere che nel 1866 fondò una ditta a gestione familiare davvero da leccarsi i baffi! Entrando nel negozio, sarete pervasi da un intenso profumo di cioccolato; le ricette e la lunga e curata lavorazione manuale danno vita a delizie come le Scorzette d’arancia, i Cremini, le Gocce della regina, la Pasta di mandorle e molte altre leccornie. Proseguendo nel nostro itinerario dolciario, immancabili tappe sono in piazza Soziglia la Confetteria Pietro Romanengo fu Stefano e il Bar pasticceria Klainguti: la prima vanta documenti che testimoniano oltre due secoli di attività e, con i suoi tocchi quasi casalinghi, si è sempre proposta come un accogliente salotto, luogo d’incontro per generazioni di buongustai; il secondo, invece, venne aperto nel 1828 dai quattro fratelli Klainguti, pasticceri svizzeri giunti e Genova per imbarcarsi per l’America e rimasti alla fine in Liguria per esercitare l’arte pasticciera, servendo clienti illustri come Giuseppe Verdi, al quale dedicarono una particolare brioche chiamata Falstaff. Percorrendo poi via Luccoli o altri caruggi, si arriva in via Garibaldi, dove potrete scoprire le ghiottonerie e gli arredi della Pasticceria D. Villa – Profumo, nata come bottega di “droghe e coloniali” nel 1827 e trasformata poi in laboratorio di produzione pasticciera; tra le sue mura antiche si conservano una macina in pietra di fine Ottocento per schiacciare il cacao e una raffinatrice del 1936, il tutto nella straordinaria cornice formata dal pavimento in marmo e dal soffitto con volte a crociera affrescato a motivi floreali. Passando per via Garibaldi, si raggiunge infine la Pasticceria Liquoreria Marescotti di Cavo, fondata nel 1780 nella duecentesca Loggia Gattilusio, dove la famiglia Marescotti iniziò a proporre ai propri clienti dolci e prelibatezze al cioccolato, da gustarsi insieme a vini aromatici e vermouth di propria produzione.

Questione di stile

L’eleganza, si sa, è italiana, e anche nel capoluogo ligure non si scherza. Chi a Natale non sa rinunciare a rinnovare il proprio armadio ed è particolarmente interessato alla storia dello stile e della moda, da Luigi Stagno Calzature può trovare un’attività a gestione familiare, ormai alla quarta generazione, da sempre sinonimo di classe e qualità. Il calzaturificio si presenta come una piccola e raffinata bomboniera liberty: vetrine tonde decorate con motivi a nastro, specchi dorati, raffinate poltroncine, soffito ligneo con rosone centrale con decorazioni in oro zecchino, gli elementi per un regalo natalizio di classe in un negozio davvero magico ci sono tutti! Passando per la Galleria Mazzini, in via Roma si trova Finollo, metafora della genovesità dal 1899, dove troverete i must have dell’abbigliamento maschile; oggi come ieri, la saggezza sartoriale viene infusa in abiti e camicie su misura, frutto di 12 ore di lavoro e di diverse prove con il cliente. Non è un caso che questi raffinati capi siano stati acquistati da clienti del calibro del Duca di Windsor, Guglielmo Marconi, Mario Soldati e l’Avvocato Agnelli. In via XXV aprile si trova un altro negozio di tradizione e classe, Pissimbono, che vende abbigliamento maschile casual ed elegante a Genova dal 1898, esponendo e utilizzando ancora una macchina d’epoca per cucire i polsini delle camicie, tavoli da sartoria in marmo verde e una cassa “National” di fine ‘800 perfettamente funzionante. Andando da un negozio simbolo della genovesità ad un altro, in piazza Campetto domina la scena Pescetto, riferimento per la maglieria in cashmere, alpaca, cammello e per una linea che ricerca una una sobria e classica modernità nell’abbigliamento sia maschile che femminile. Infine, sotto ai colorati portici medievali della Ripa Maris bisogna assolutamente fare un salto da Lucarda, tempio dell’abbigliamento casual-sportivo che negli anni ’20 del ‘900 iniziò a vendere ai genovesi i jeans e le maglie blu dei marinai. È nato così il mito Lucarda e di Genova stessa: i primi jeans, le famose camicie boxer, i calzoni da uomo di colori sgargianti, i giacconi blu, le coloratissime magliette a barchetta a righe e le mitiche pidocchiere (maglie col collo a lupetto, maniche lunghe, rigorosamente di lana ruvida). E per chiudere alla grande un’intensa giornata di shopping natalizio, in Vico dei Caprettari n. 14 rosso, a pochi passi dai portici  di Sottoripa, i veri gentleman potranno concedersi un momento di relax all’Antica Barberia Giacalone; qui potrete provare l’antico ma sempre attuale piacere di una rasatura davvero a regola d’arte! Questa piccola bottega di non più di 10 mq fu aperta da Italo Giacalone nel 1908 e venne rinnovata in stile liberty nel 1922, diventando un gioiellino dai colori cangianti: verde smeraldo, blu cobalto, giallo oro e bianco candido si rincorrono dal pavimento al soffitto. Il locale vi farà rivivere le avvolgenti atmosfere della Belle Époque, in un gioco continuo di riflessi tra gli specchi ovali, le pareti di vetri colorati e gli eleganti lampadari.


10/11/2016 15:31:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il CNRT contro i "Furbetti del Trackerino"

Dalla prossima regata verranno certificati i tracking delle barche e la loro traccia costituirà una prova in sede di proteste

Torna la Duecento: la XXIII edizione dal 5 al 7 maggio

A meno 2 settimane dal via, oltre 50 iscritti

Prosecco moldavo? No grazie!

La questione riguarda la vicenda – ben nota al Consorzio Prosecco Doc - del "Prosecco Pronto", prodotto in Moldavia dalla Bulgari Winery

Torna Corri sull’acqua – Windsurf 4 Amputees

Oltre 20 ragazzi con diverse amputazioni agli arti inferiori grazie ai quali è stato possibile, modificando l'aspetto tecnico e la didattica, studiare e approfondire le problematiche specifiche per l'apprendimento del windsurf

FIV: un concorso per il Poster della Coppa Primavela

Il disegno di Letizia Turturiello vincitore nel 2016

Dopa la RomaX2 che fai? TATtacchi alla Lunga Bolina!

Tanti reduci dalla Roma per si troveranno alla partenza della Lunga Bolina, calendarizzata strategicamente una settimana dopo con cui parte il TAT

222 Minisolo, al via la II edizione

Modalità solitario per il terzo appuntamento del Campionato Italiano Mini 6.50

Winexpress, il bicchiere di vino monodose entra in cambusa

E' una novità tutta italiana, pensata, realizzata e distribuita dalla Vinicola Consoli di Olevano Romano

Iniziata la 1^ Selezione Nazionale Optimist di Bari

Vento sui 10 nodi in calare ha visto primi di batteria i romani Nuccorini e Gradoni

Sport Images di Stefano Fusco vince la 6ª edizione della Coastal Race

È stata una bella regata e siamo felicissimi di aver vinto - sono le parole di Stefano Fusco, armatore e timoniere di Sport Images - ha premiato il lavoro di gruppo"

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci