giovedí, 21 febbraio 2019

TROFEO JULES VERNE

Trofeo Jules Verne: Spindrift 2 è a Freemantle

trofeo jules verne spindrift 232 freemantle
Roberto Imbastaro

Dopo aver passato cinque giorni ad accudire la barca come fosse un bambino per arrivare a terra senza danni con la costante preoccupazione per la resistenza del timone danneggiato, il trimarano nero e oro è ora ancorato in sicurezza a Fremantle (vicino a Perth, nell'Australia occidentale) e, dopo molte considerazioni, la squadra ha deciso che la soluzione più rapida e migliore per rimpatriare Spindrift 2 nel suo porto di origine in Bretagna, sarà quella di caricarla su un cargo.

 

"Togliamo il timone e organizziamo la barca pronta per essere consegnata per il trasporto - ha commentato Yann Guichard poche ore dopo il suo arrivo nel porto australiano - perché abbiamo una seria preoccupazione per il timone di dritta e potrebbe essere molto complicato tornare alla nostra base [in Bretagna, Francia] via mare, specialmente ora che siamo dall'altra parte del mondo. L'intero equipaggio e altri cinque dal nostro team tecnico concentreranno l'attenzione sulla preparazione della barca per il viaggio di ritorno. Dovremo rimuovere l'albero e assicurarci che sia completamente pronta per il viaggio".

 

"Il timone di dritta si è rotto poco dopo le isole Kerguelen -  ha proseguito Guichard - e non sappiamo esattamente quando, ma Thierry Chabagny che stava timonando, ha detto che all'improvviso lo sentiva molto pesante. Sono sicuro che non abbiamo colpito nulla. Eravamo in direzione est-nord-est con il gennaker sottovento. E' successo durante la notte, abbiamo cercato di stabilire quale fosse il problema: se i timoni fossero paralleli, la tensione dei cavi o solo qualcosa bloccato sui timoni. Ma niente. Quando abbiamo cambiato timoniere, era esattamente lo stesso: difficile da regolare. Stava diventando ancora più difficile governare mentre la barca stava facendo ciò che voleva. Alla prima luce siamo stati in grado di vedere che lo stock del timone di tribordo si era rotto tra i due cuscinetti. Il timone era inutile e continuava a muoversi lateralmente, faceva solo quello che voleva."

 

C'è un'enorme sensazione di disappunto dato che il trimarano nero e oro si è approcciato bene al record del Trofeo Jules Verne, e avevava previsioni meteo favorevoli per il Pacifico e Capo Horn, quindi Yann Guichard e il suo undici membri dell'equipaggio ora vogliono capire esattamente perché è successo.

 

"Analizzeremo tutto, ma non posso fingere che sia io che l'equipaggio siamo estremamente delusi: siamo stati ben posizionati entro il tempo record e con condizioni molto favorevoli a venire. Dopo i guai di un anno fa, questa è la seconda volta che l'attrezzatura ci ha deluso Ma siamo stati fortunati a non aver perso il timone, perché avrebbe potuto strappare il fondo dello scafo. Così saremo in grado di stabilire se si tratta di un difetto di fabbricazione o di un errore nel calcolo strutturale. Abbiamo fatto il viaggio verso le Kerguelen principalmente su mure a sinistra, ma non abbiamo mai spinto la barca più del necessario nei venti molto forti. Spindrift 2 va molto più veloce ora di quanto non avesse fatto tre anni fa al nostro primo tentativo,  anche se le condizioni meteorologiche nell'Oceano Indiano non erano così favorevoli come lo erano per IDEC Sport. È davvero frustrante sapere che non abbiamo colpito nulla, né abbiamo fatto qualcosa di sbagliato ".


07/02/2019 22:15:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Caribbean 600: si rovescia Argo, il rivale di Soldini. Equipaggio in salvo

Il MOD 70 americano Argo si è capovolto a Sud di Antigua, l’equipaggio è in salvo.

Fincantieri: ad Ancona al via i lavori in bacino per "Silver Moon"

Si tratta della seconda di tre navi ultra-lusso della serie “Muse” per Silversea Cruises

Andora: la classe Laser inaugura il progetto "Italia Cup Plastic Free"

Si tiene ad Andora, da venerdì 15 a domenica 17 febbraio, la prima tappa dell'Italia Cup Laser 2019. L'organizzazione della regata è affidata al Circolo Nautico Andora, su delega della Federazione Italiana Vela

Giovanni Soldini pronto per la RORC Caribbean 600

Domani il via dell’11ma edizione della RORC Caribbean 600. Previste condizioni favorevoli per la regata

Domenica settima prova per l'Invernale di Riva di Traiano

Nel mezzo di quella che oramai viene chiamata “L’estate di San Valentino”, si torna in acqua domenica 17 febbraio per la settima giornata del Campionato Invernale di Riva di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli

Giovanni Soldini e Maserati alla RORC Caribbean 600

Maserati Multi 70 e Giovanni Soldini ad Antigua per la RORC Caribbean 600. L’equipaggio del trimarano italiano è pronto alla sfida con l’americano Argo. Partenza prevista per il 18 febbraio

Sydney: dopo 5 prove Australia in testa nella "ControCoppa America"

Belle riprese video ma formula ancora non convincente

Caribbean 600: sportività tra Soldini e il Team Argo

Giovanni Soldini e l’equipaggio di Maserati Multi 70 hanno accolto la richiesta del Team di Argo di posticipare la partenza della RORC Caribbean 600

Invernale Riva di Traiano: 2 nodi non bastano

Giornata estiva con un vento che non è mai andato oltre i 3 nodi, troppo pochi per disputare una regata degna di tal nome

Caribbean 600: per Soldini anche il nuovo record della regata

Il Team italiano stabilisce il nuovo record della regata: 1 giorno, 6 ore e 49 minuti Il diretto rivale Argo taglia il traguardo 7 minuti dopo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci