sabato, 15 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    mini 6.50    youth america's cup    cambusa    circoli velici    rs feva    persico 69f    trasporto marittimo    fiv    porti   

TRANSAT JACQUES VABRE

Transat Jacques Vabre: nei Multi 50 vince Groupe GCA - Mille et un Sourires

transat jacques vabre nei multi 50 vince groupe gca mille et un sourires
redazione

Venerdì 8 novembre, alle 5h 49mn 41s (ora italiana), Gilles Lamiré e Antoine Carpentier hanno tagliato il traguardo della 14a edizione della Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre al primo posto nella categoria Multi50. Il duo ha impiegato 11 giorni 16 h 34mn e 41s per percorrere le 4.350 miglia teoriche da Le Havre ad una velocità media di 15,50 nodi, ma in realtà ha coperto 4.926 miglia a 17,56 nodi.

 

Alla partenza di Le Havre, Gilles Lamiré aveva annunciato di essere convinto di  vincere, ma Groupe GCA - Mille et un Sourires non era il favorito dai bookmaker di questa 14° Route du Café. Ma riacquistando quest'anno l'ex Crêpes Waouh 3, uno scafo VPLP 2009 con un eccezionale palmares, lo skipper di Saint-Malo sapeva di avere un'arma all'altezza delle sue ambizioni. Dopo sei anni sul circuito Multi50, Gille che aveva già vinto una Transat in solitario  nel 2016, ha imbarcato un co-skipper tanto discreto quanto efficiente. Già vincitore a Salvador de Bahia in Class40 due anni fa insieme a Maxime Sorel, Antoine Carpentier è a suo agio su tutti i tipi di barche e percorsi, sia tra le boe che in mare aperto.

 

Gilles e Antoine hanno lasciato Le Havre con cautela, ed hanno lasciato che i loro concorrenti andassero in fuga senza abbattersi. Il loro ritardo massimo ha raggiunto le 67 miglia il 30 ottobre prima di entrare nella cresta di alta pressione a sud di Gibilterra. Approfittando di una rotta un po’ troppo ad est fatta da Solidaires En Peloton - ARSEP, che in precedenza aveva raggiunto prestazioni impeccabili, hanno navigato su una rotta molto più diretta ed economica in termini di miglia, senza mai fermarsi. Gomito a gomito con Primonial e poi conducendo dal 1° novembre a sud delle Canarie, non hanno mai più abbandonato la leadership, allargando il divario. Passando tra le isole di Sao Vicente e Santo Antao a Capo Verde, hanno approfittato della buona accelerazione del canale senza subire i venti di queste isole vulcaniche. Per quanto riguarda i Doldrums, attraversati in meno di 24 ore, è stata una formalità. Con sempre più fiducia nella loro barca lungo questa rotta del caffè, Gilles Lamiré e Antoine Carpentier sono stati in grado di accelerare quando necessario e poi mantenere un ritmo elevato con velocità medie molto buone con l'aliseo.

 

Dove gli altri hanno rallentato, loro hanno navigato, guardando sempre verso l'obiettivo, senza voltarsi.

 

Guidati da routier Christian Dumard, Gilles Lamiré e Antoine Carpentier hanno firmato una gara perfetta, all'altezza del loro trimarano, il più riuscito nella storia della classe Multi50. Gruope GCA - Mille et un sourires ha conquistato a Salvador de Bahia la sua sesta vittoria in una gara transatlantica, tra cui quattro Route du Café.

 


08/11/2019 10:41:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Persico 69F: a Gargnano primo giorno di "Revolution"

In evidenza alla fine della prima giornata gli equipaggi di Botticini, Gallinaro, e Caldari oltre ai fuoriclasse da Hong Kong

Caos istituzionale e il porto di Venezia soffre

La Venezia Port community chiede di quali poteri possa disporre il neonominato Commissario all'Autorità di Sistema Portuale e quali confini circoscrivano la cosiddetta ordinaria gestione

Optimist, "Ora Cup Ora": conclusione con un bel vento teso da nord

Nella categoria juniores la spunta il campione britannico Santiago Sesto Cosby; la napoletana Caracciolo vince tra le femmine Tra i più piccoli netta vittoria di Mattia Benamati; rimonta della rivana Berteotti, che supera la tedesca Brinkmann

ASSARMATORI: vinta la prima battaglia per rilanciare l’economia del mare

“L’emergenza Covid, nella sua drammaticità, ha in queste ore provocato quella che va considerata una reazione positiva insperata: far comprenderealle Istituzioni nazionali l’importanza dell’economia e dell’industria del mare”

MINI 6.50: Mengucci e Caparrotti raccontano la 1a tappa della SAS 6.50

Les Sables - Les Açores en Baie de Morlaix - Intervista a Domenico Caparrotti e a Giovanni Mengucci che ci raccontano il loro impatto con la corsa

Optimist: prime prove per la "Ora Cup Ora"

Iniziata al Circolo Vela Arco la 25^ Ora Cup Ora, classe Optimist.Tra gli juniores in testa l’azzurra Ginevra Caracciolo, tra i più piccoli parità di punteggio nei primi tre

Garda: due sole prove per la Persico 69F Revolution

A comandare oggi sulla sponda bresciana del Lago di Garda è stato il vento: le condizioni meteo, infatti, hanno rallentato il programma della Persico 69F Revolution.

Mini 6.50, Les Sables d'Olonne: partita la 2a tappa verso Roscoff

Domenico Caparrotti: "Per me è come stare all'Università"

La vela si ferma per la scomparsa di Carlo Rolandi, presidente onorario FIV

Carlo Rolandi è stato la storia stessa di quasi un secolo di Vela sportiva italiana. Nove Olimpiadi, Otto anni Presidente FIV, protagonista in Italia e nel mondo

Optimist: sul Garda vento leggero per la "Ora Cup Ora"

Domenica la conclusione; al comando tra i più piccoli Mattia Benamati (nella foto) e tra gli juniores il romano Alessandro Cirenei. Gaia Zinali passa in testa tra le femmine

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci