venerdí, 16 novembre 2018

J24

Tempo di bilanci per il Mondiale J24

Per il J24 World Championship da record disputato con successo nelle acque benacensi di Riva del Garda da ben 89 equipaggi in rappresentanza di Australia, Brasile, Danimarca, Estonia, Francia, GranBretagna, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Giappone, Korea, Olanda, Svezia e Stati Uniti è tempo di bilanci.
Dai regatanti allo staff tecnico e organizzativo della Fraglia Vela Riva, dai rappresentanti della Classe J24 Internazionale e Italiana ai membri dei Comitato di Giuria e di Regata FIV, dai numerosi accompagnatori ai turisti che hanno assistito a regate (e soprattutto a partenze) spettacolari (considerando l’elevato numero di equipaggi e le differenti condizioni meteo trovate), il parere è unanime: questa 40° edizione è stata un vero successo e sarà ricordata con grande emozione da tutti. “Siamo davvero molto soddisfatti di come si è svolto il Mondiale J24 e i motivi per esserlo sono sicuramente molti. - ha commentato il Presidente della Classe Italiana Pietro Diamanti anche a nome del Consiglio -Aver schierato alla partenza, dopo quarant’anni di attività, quasi novanta imbarcazioni è la testimonianza più bella di come la Classe J24 sia sempre più viva e vitale e che si caratterizzi per la passione semplice e genuina degli equipaggi che non cercano per forza le ultime innovazioni tecnologiche ma vivono la vela nell’essenza della pura marineria. Voglio anche pensare che il nostro rigore nel far rispettare i regolamenti di stazza stia contribuendo al successo della nostra Classe e a questo proposito desidero ringraziare tutti coloro i quali hanno lavorato nello spazio allestito all’interno del Palavela realizzato dall’ingegner Marini con la consulenza degli stazzatori Emanuela Donati e Paolo Luciani: il percorso che ha permesso controlli di stazza approfonditi malgrado l’elevato numero di imbarcazioni e le condizioni meteo non sempre favorevoli. Soddisfazione anche per essere riusciti a concludere dieci prove caratterizzate da differenti condizioni meteo che hanno valorizzato ancor di più il livello degli equipaggi in gara e permesso di rispettare i valori in campo. A detta di tutti, l’organizzazione a terra e in acqua è stata ineccepibile, tutto ha funzionato nel migliore dei modi e per questo desidero ringraziare lo staff della Fraglia Vela Riva e il suo presidente Giancarlo Mirandola che ha saputo accogliere ognuno di noi nel migliore dei modi. Tutti gli equipaggi , anche quelli che hanno chiuso nelle ultime posizioni della classifica, hanno lasciato Riva entusiasti per aver preso parte ad un campionato indimenticabile..
Posso dirmi soddisfatto anche della classifica… la vittoria di Kaster dello statunitense già Campione del mondo nel 2014, Will Welles, è stata sicuramente meritata e poi, questo J24, rappresentava bene questo Mondiale: oltre ad altri due statunitensi già campioni del mondo a Newport nel 2014, alla tattica di Kaster c’era il ligure Andrea Casale (iridato a Cannigione nel 2008 su Fiamma Gialla) e all’albero il trentino Giuliano Cattarozzi. Wells, inoltre, ha dichiarato che questo Mondiale è stato un successo per tutta la classe J24 e di non essere stato sorpreso della numerosa partecipazione perchè chiunque una volta nella vita deve regatare a Riva del Garda. Sono contento anche dell’ottimo secondo posto dei giapponesi di Siesta, molto regolari durante tutto il campionato e del terzo degli altri statunitensi, capitanati da Keith Whittemore con il suo Furio, molte volte in regata nel nostro Circuito Nazionale. Alla Germania è andata la vittoria nella classifica femminile con Derbe Kerle timonato da Lynn Wolgast, mentre gli italiani di Ottobrerosso con il timoniere Pietro Parisi, Matteo Bertolotti, Martina Peschetta, Gianluca Burlon, Gian Marco Venturi e Luca Cattarozzi hanno vinto lo speciale premio riservato agli Under 25, lasciando ben sperare per il futuro della Classe Italiana. Forse qualche equipaggio italiano meritava o sperava in posizioni migliori… bhe, potremmo dire che siamo stati perfetti padroni di casa ma, in realtà, le posizioni di testa sono state tutte meritate, così come il 25° titolo iridato andato agli americani.
Ed infine, la Classe Italiana è stata molto felice anche per essere stata affiancata da un marchio come Alce Nero che da oltre quarant'anni è così attento alla natura e al biologico vero e di qualità. Un grazie, pertanto, al nostro Sponsor tecnico Alce Nero, il marchio di agricoltori, apicoltori e trasformatori biologici impegnati dagli anni ’70 nel produrre cibi buoni, frutto di un’agricoltura che rispetta la terra e la sua fertilità: la RazioneKBio (gallette, nettari, barrette cereali e miele, frollini e molto altro) e la frutta distribuita quotidianamente da ogni equipaggio è stata molto gradita e apprezzata da tutti. E’ mio auspicio che il successo di partecipazione che abbiamo registrato a Riva possa ripetersi anche nelle prossime edizioni: tanti velisti di tanti paesi sono un bellissimo segno di come una passione sportiva possa accomunare persone e culture di diverse nazioni. E adesso è già tempo di pensare alle nuove tappe del nostro Circuito Nazionale 2018…”


07/09/2018 12:26:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Route du Rhum: vince Joyon all'ultimo respiro

Battuto per soli 7 minuti François Gabart, in testa fino alle Basse Terre e bruciato nell'ultima virata

Otranto: regata di San Martino con poco vento e tanto sole

Dopo circa un mese di fermo per via del meteo poco favorevole, domenica si è svolta la seconda regata del campionato invernale ‘Più Vela Per Tutti’ con la flotta arricchita di 3 new entry, una per ogni Categoria

Route du Rhum: Andrea Fantini di nuovo in mare

I maxitrimarani della classe Ultime stanno per tagliare il traguardo in Guadalupa con Macif di Francois Gabart in leggero vantaggio (40 miglia) su Francis Joyon con Idec Sport

Per Beneteau una base permanente a Barcellona

Beneteau inaugura una base permanente a Port Ginesta, vicino Barcellona con le prove in mare degli ultimi modelli a vela e a motore

Per il Marina Blu di Rimini una cartella esattoriale da 1,1 mln di euro

UCINA: la complessa vicenda normativa dei canoni demaniali dei porti turistici colpisce il Marina Blu di Rimini

Melges 40: le Grand Prix Finals 2018 si aprono nel segno di Stig

Stig, detentore del circuito 2017 e vincitore della Copa del Rey 2018 (ultimo evento disputato dalla flotta Melges 40 sulla strada per Lanzarote) rispetta al meglio il pronostico che lo voleva in grande stato di forma

Corso di Archeologia a Termini Imerese: Palermo nel periodo romano

Sabato 10 novembre 2018 alle ore 16,30 nuova lezione del Corso di Archeologia Romana promosso da BCsicilia

FVG Marinas: il Governo intervenga sui canoni demaniali

La Rete FVG Marinas con i suoi 20 marina aderenti, circa 7000 posti barca, è la Rete di porti turistici più estesa in Italia e sarà a Rimini a testimoniare la propria solidarietà al Marina Blu

Este 24: Ricca D’Este di Marco Flemma fa l’enplein

Si archivia una stagione ricca di grandi giornate di mare e di uno spirito di aggregazione che l’Este24 ha sempre portato come segno distintivo. Ricca D’Este fa l’enplein, dopo il Titolo Italiano si prende anche il Circuito Nazionale

Melges 40: Stig di Alessandro Rombelli è Campione del mondo

Stig di Alessandro Rombelli (con Francesco Bruni alla tattica) firma il bis confermandosi Campione del circuito Melges 40 Grand Prix dopo il trionfo nella stagione scorsa

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci