lunedí, 16 settembre 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

este 24    regate    windsurf    vele d'epoca    roma giraglia    circoli velici    gc32    j24    cico 2019    attualità    melges 20    fiv   

WINDSURF

Techno 293: 3 volte Campioni del mondo con Speciale, Graciotti e Renna

techno 293 volte campioni del mondo con speciale graciotti renna
redazione

Nicolò Renna del CS Torbole è Campione del Mondo per la classe TPlus Open maschile e di conseguenza anche per la TPlus Youth maschile. Si impone dopo una serie di 12 regate che lo hanno visto sempre protagonista. Alle sue spalle il greco Alexandros Kalpogiannakis, secondo, e il francese Yun Pouliquen, terzo. Chiude il Mondiale al 15esimo posto (16esimo nei TPlus Youth) l'altro azzurro in gara, Nicolò Gatti, anche lui del CS Torbole.

Giorgia Speciale (SEF Stamura) è Campionessa del Mondo per la classe TPlus Open femminile (e TPlus Youth femminile) e si conferma ai massimi livelli dopo la vittoria del Campionato Europeo Techno 293 avvenuta in aprile. Giorgia dopo aver cominciato il Mondiale in seconda posizione si è presa la prima posizione a due giorni dalla fine e non l'ha più lasciata a discapito della francese Manon Pianazza, seconda, e dell'israeliana Naama Gazit, terza. Marta Bonetti conclude il suo Mondiale al 29esimo posto (27esimo nei TPlus Youth).

Alessandro Graciotti è Campione del Mondo per la classe T293 Junior maschile chiudendo davanti ai due israeliani Tal Basik-Tashtash e Ram Zerach, rispettivamente secondo e terzo. Alessandro ha avuto la costanza di non mollare, dopo una partenza perfetta era scivolato fuori dal podio, ma è riuscito poi a riprendersi il primo posto e la medaglia d'oro. Sempre nei T293 Junior maschili troviamo il nono posto di Alessandro Melis (CVWC Cagliari), 13esimo si Giuseppe Romano (CC Roggero Lauria), 15esimo di Giorgio Falqui Cao(CVWC Cagliari), 22esimo di Jacopo Gavioli (CS Torbole), 45esimo di Michele Marchei (FV Malcesine), 46esimo di Manolo Modena (FV Malcesine) e 52esimo di Alessandro De Gregorio (GDV LNI Ostia).

La dichiarazione di Alessandra Sensini, Direttore Tecnico Giovanile:

"E' andata molto bene, siamo molto contenti anche perché era l'ultima regata prima dei Giochi Olimpici Giovanili e hanno affrontato la maggior parte degli atleti che incontreranno a Buenos Aires. Un buon test con condizioni sempre diverse, da vento debole a forte e anche onda. Bella la vittoria di Graciotti che evidenzia lo stato di buona salute della classe in Italia".

Nei T293 Junior femminili il terzetto israeliano Mika Kafri, Amit Segev e Michal Slavin si aggiudica le tre medaglie in palio. Chiudono comunque con buoni risultati le azzurrine: sesta Sofia Renna (CS Torbole), settima Lucia Napoli (CVWC Cagliari), nona Sara Galati (CN del Finale), decima Anita Soncini (GDV LNI Ostia), 14esima Sophie Nevierov (Windsunfing Marina Julia) e 15esima Sofia Ada Ciaravolo (CVWC Cagliari).

Anche il podio dei T293 Youth femminili è tutto israeliano con Naama Greenberg, medaglia d'oro, Daniela Peleg, d'argento, e Sharon Kantor, di bronzo. Chiudono l'avventura in Lettonia in 11esima posizione l'azzurra Marta Monge (CN del Finale), in 19esima Aurora De Felici (GDV LNI Ostia), in 21esima Lavinia De Felici (GDV LNI Ostia) e in 27esima Claudia Parolari (FV Malcesine).

Nei T293 Youth maschili vince il Mondiale l'israeliano Daniel Basik-Tashtash seguito dal connazionale Nir Leshed, secondo e dal britannico Finn Hawkins, terzo. Per quanto riguarda gli azzurri: settimo Edoardo Tanas (CS Torbole), 28esimo Alessandro Giangrande (ASD Albaria), 32esimo Gabriele Guella (ASD Albaria), 38esimo Roberto Galletti (CS Torbole), 47esimo Francesco Simeoni (NC Castefusano), 55esimo Francesco Parolari (FV Malcesine), 64esimo Alberto Soncini (GDV LNI Ostia) e 67esimo Flavio Polzella (GDV LNI Ostia).

 


11/08/2018 18:16:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

La Voce del Mare, un film di Fabio Dipinto sul rapporto tra l’uomo e il mare

La Voce del Mare - da un’idea di Marco Simeoni, regia di Fabio Dipinto è un film documentario (Italia, 83’) che intende raccontare, da diverse angolazioni e punti di vista, le emozioni universali e il rapporto che l’uomo ha instaurato con il mare

RIGASA: Line Honours per Kika Green Challenge

Un meteo imprevedibile, caratterizzato dal passaggio un fronte depressionario veloce ed inteso, ha reso capriccioso l’Adriatico mettendo a dura prova i 13 equipaggi partiti

Mini 6.50: due settimane alla Mini Transat

Per questa ventiduesima edizione, il navigatore milanese Ambrogio Beccaria è sulla linea di partenza con 9 vittorie su 12 competizioni alle spalle ed è quindi tra i favoriti

Monfalcone, vele d'epoca: al via l'International Hannibal Classic 2019

Dopo la pausa estiva riparte in Adriatico il Trofeo riservato alle Signore del Mare. Dal 13 al 15 settembre lo Yacht Club Hannibal di Monfalcone organizzerà la terza edizione dell’International Hannibal Classic – Memorial Sergio Sorrentino

Alinghi primo leader della GC32 Riva Cup

Nelle cinque prove odierne, corse con un'Ora dagli 8 ai 13 nodi, il team svizzero non si è mai piazzato peggio di terzo e, ha concluso in testa con quattro punti di vantaggio sugli austriaci di Red Bull Sailing Team

Melges 20: il titolo europeo va a Brontolo di Filippo Pacinotti

Un risultato conquistato con pieno merito e con una prova di anticipo dopo una battaglia durissima con il campione uscente (e numero 1 della ranking mondiale) Russian Bogatyrs di Igor Rytov a cui va la medaglia d’argento

Friuli: menzione alla Triennale per i sentieri multimediali della Grande Guerra

I sentieri multimediali della Grande Guerra ricevono una menzione alla Triennale di Milano per il City Brand&Tourism Landscape Award

Europeo Melges 20: il leader è Nika di Vladimir Prosikhin

In vetta alla graduatoria generale c'è il veterano russo Nika di Vladimir Prosikhin con lo statunitense Morgan Reeser alla tattica. Al secondo posto il connazionale e detentore del titolo europeo Russian Bogatyrs di Igor Rytov

Vele d’epoca: Pia, Nembo II, Flora e Shahrazad vincono l’lnternational Hannibal Classic 2019

Pia del 1936 nella categoria ‘Epoca’, Nembo II del 1964 tra le ‘Classiche’, Flora nei Classici FIV e Shahrazad nella categoria ‘Sciarrelli’

La Fiv premia le "sue" medaglie olimpiche

Alessandra Sensini:"Le medaglie sono tanta fatica e sacrificio, allenamento intenso per tutto il quadriennio"

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci