giovedí, 23 novembre 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

nautica    guardia costiera    vela    veleziana    mini transat    trasporti    volvo ocean race    transat jacques vabre    foiling    platu25    j24    windsurf    cala de medici    campionati invernali   

SUZUKI

Suzuki Diagnostic System Mobile: l’intervento a portata di App

E se il vostro motore fuoribordo un giorno cominciasse a parlare? Fantascienza? Forse no, almeno osservando come la tecnologia sta modificando le macchine e il loro rapporto con gli uomini.
Una dimostrazione sta nel nuovo sistema Diagnostic System Mobile, recentemente rilasciato da Suzuki, che si propone come puntuale interfaccia fra la storia e la vita del motore, l’utente - con la sua voglia di sapere, di conoscere - e soprattutto il centro di assistenza, che dell’unità deve conoscere veramente tutto per poter eventualmente intervenire e mantenerla in piena efficienza.
Nella nautica del boom economico, il rapporto “fuoribordo – pilota – officina” era legato alla percezione e interpretazione sensoriale di segnali tipici del motore quali il rumore, la fumosità, oppure, al massimo, la presenza o meno dello zampillo d’acqua del circuito di raffreddamento; negli anni ‘80 e ’90, sulle plance delle nostre barche comparvero i primi strumenti analogici, poi le spie luminose e i cicalini, ma tutto di precisione abbastanza empirica e assolutamente non sufficiente a offrire un servizio di diagnostica.
Con il nuovo millennio, finalmente, grazie all’avvento dell’elettronica, sono arrivati gli strumenti digitali, dei veri e propri sistemi di monitoraggio sempre più affidabili e efficienti, che hanno elevato gli standard in termini di messe d’informazioni, di precisione e quindi attendibilità. Dalle centraline e grazie ad appositi strumenti, si è riusciti ad ottenere informazioni complete di ogni unità, in maniera inconfutabile e precisa. Purtroppo, anche in questo caso, è sempre stato necessario un intervento oneroso in termini di costi e tempi, in quanto per ottenere dati diagnostici si deve portare il motore in officina, oppure un tecnico d’officina deve recarsi alla barca, anche solo per il semplice monitoraggio, per scaricare i dati dalla centralina del motore.
In Suzuki, dove si lavora sempre con l’obiettivo di offrire il meglio alla propria Clientela, la difficoltà dell’ottenimento dei dati è stata affrontata e risolta con una soluzione ingegnosa, brillante, e al contempo molto semplice e decisamente all’avanguardia: la creazione di una “applicazione diagnostica”.
Il Suzuki Diagnostic System Mobile si basa su un’applicazione gratuita - oggi disponibile per apparati iOS, quindi Apple, e a breve anche per device Android – grazie alla quale l’utente può acquisire tutte le informazioni sul motore semplicemente inquadrando e memorizzando un codice QR (Quick Response Code).
Il codice a barre bidimensionale viene generato dalla stessa centralina elettronica del motore, che lo invia al display multifunzione MFG, di cui dispongono tutti i motori fuoribordo Suzuki, dal DF9.9B al DF350A.
All’utente basterà avviare l’applicazione sullo smartphone, inquadrare il codice QR sul display, memorizzarlo sul proprio telefono come immagine e allegare la stessa a una mail da inviare alla propria officina di fiducia.
Grazie al QR code, il servizio di assistenza otterrà le informazioni salienti che riguardano il fuoribordo come il modello, l’anno di costruzione e il numero di matricola, ma anche quelli “storici”, riguardanti il suo funzionamento, le ore di moto effettuate e a quanti giri/min, eventuali anomalie registrate, il tempo intercorso dall’ultimo cambio d’olio ecc.
Il Suzuki Diagnostic System Mobile segna, dunque, un nuovo importante passo nell’efficacia con la quale Suzuki e la propria rete di assistenza riusciranno a essere presenti al fianco dei loro Clienti. Con l’utilizzo dell’applicazione, i tecnici Suzuki verranno informati in tempo reale sullo stato di forma di ogni singolo fuoribordo, riducendo ulteriormente i tempi di un eventuale intervento e rendendo lo stesso ancora più efficace, con la piena soddisfazione del Cliente.
Suzuki ha da tempo messo in atto una serie di iniziative “Customer Care” tutte mirate a mettere il proprio Cliente in una posizione di privilegio, dove possa percepire realmente la vicinanza della casa madre nell’utilizzo del proprio fuoribordo. Ricordiamo il “My Suzuki”, ovvero l’area privata, all’interno del portale marine.suzuki.it, riservata ai possessori di motori Suzuki, dov’è possibile consultare in tempo reale le informazioni e la storia del proprio motore, l’agenda on-line e alcuni documenti scaricabili, come il suo certificato di garanzia. Un servizio che avvalora la capillarità della rete dei Concessionari e dei centri d’assistenza Suzuki, presenti in tutta Italia, in grado di intervenire sul motore in modo professionale, utilizzando solo ricambi originali Suzuki, realizzati con i massimi standard qualitativi che contraddistinguono la propria gamma, “The Ultimate Four Stroke Outboard”, ovvero quella dei migliori fuoribordo quattro tempi presenti sul mercato.
I fuoribordo Suzuki sono dei veri e propri gioielli di tecnologia e come tali hanno la necessità di essere non solo garantiti, ma anche protetti. Suzuki ha avviato una campagna denominata Suzuki DOC, realizzata ponendo il proprio Cliente al centro dell’attenzione. Sulla gamma dei motori fuoribordo Suzuki, dal compatto DF8A al più potente, e appena svelato, DF350A, in caso di furto durante il primo anno dall'immatricolazione del fuoribordo, il programma Suzuki DOC permette al Cliente di riceverne uno nuovo in tempi brevissimi e senza costi aggiuntivi. Una copertura assicurativa di eccezionale valore, unica, che permetterà al Cliente di vivere un’estate serena, sapendo che nella malaugurata ipotesi gli venga sottratto il motore, Suzuki lo sostituirà subito con un altro identico.


04/07/2017 12:51:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Invernale Riva di Traiano: i Big subito in evidenza

Sole, mare calmo e poco vento. Ma la regata si fa e brilla lo Swan 45 Aphrodite

Riva Boutique: eccellenza e artigianalità per un Natale in grande stile

Lo store online ufficiale di Riva si arricchisce di nuovi accessori realizzati con lo stile e la qualità del cantiere mito della nautica mondiale, perfette idee regalo per le festività

Terza giornata all'Invernale del Circeo

La classifica generale IRC dopo 5 prove e uno scarto vede in testa TAHRIBA l’Elan E5 dello skipper Francesco Di Diodato portacolori del Nautilus Yacht Club con al timone Pino Stillitano

L’Ocean Film Festival World Tour fa tappa a Roma

Kayak, surf, vela, esplorazione subacquea: una selezione di medio e cortometraggi per tutti gli appassionati di mare e avventura - Il 20 novembre al cinema Moderno ore 20:15

Francesco Cappuzzo campione nazionale Wave Windsurf per la seconda volta

Il campione in carica ha prima battuto nella finale del single elimination il milanese Jacopo Testa, campione nazionale Freestyle 2017, giunto terzo, e nell'avvincente finale del double elimination ha sconfitto di misura Andrea Rosati

Progetto "PrimaVela": la Vela sul lago Maggiore

Vela GO è l’ente promotore ed organizzatore di “PrimaVela” che ha dato l’opportunità a una cinquantina di ragazzi dell'Istituto Marcelline di Arona di avvicinare una disciplina sportiva

Volvo Ocean Race: un fine settimana di fuoco

Gli appassionati che seguono la cartografia elettronica, le posizioni e le classifiche della Volvo Ocean Race saranno incollati ai loro schermi per vedere come evolverà la situazione e come sarà il prossimo report

Nicolò Renna vince i Campionati Sudamericani Techno Plus

all’altra italiana Giorgia Speciale oro tra le femmine. Nel 2018 dovranno guadagnarsi la convocazione olimpica personale con i risultati conseguiti dopo 3 eventi internazionali

Troostwijk, all'asta uno yacht e la storica "La Spina"

Questo tipo di lotti non sono una novità per Troostwijk che negli ultimi mesi ha indetto aste per diverse imbarcazioni e automobili di lusso.

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci