martedí, 27 giugno 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

america's cup    alinghi    optimist    nautica    giovanni soldini    suzuki    vele d'epoca    circolo savoia    regate    barcolana    altura    azzurra    j/70   

SUZUKI

Suzuki al Salone Nautico di Genova 2016 con due anteprime mondiali: Df150Ap e Df175Ap

suzuki al salone nautico di genova 2016 con due anteprime mondiali df150ap df175ap
redazione

The Ultimate Four Stroke Outboard” - la volontà di proporre il miglior fuoribordo quattro tempi sul mercato è per Suzuki una vera e propria mission. I motore Suzuki di ultima generazione, infatti, divengono spesso il termine di paragone per l’intero mercato. Con la presentazione delle due anteprime mondiali, che la casa di Hamamatsu porta al debutto durante il Salone Nautico di Genova: i nuovi DF150AP e DF175AP, lo stato dell’arte in termini di tecnologia, avanguardia e eccellenza, nella loro specifica fascia di potenza, è stato raggiunto.
I due nuovi motori fuoribordo seguono il concept tecnico già ben delineato del Suzuki DF200AP, un motore che ha riscosso un grande successo commerciale e ancor prima si è aggiudicato nel 2015 il “Boating Industry Top Products” per l’innovazione tecnologica. Si tratta di un’unità termica estremamente compatta, con un rapporto peso/potenza da primo della classe, brillantissimo in accelerazione, parco nei consumi, affidabile, capace di adattarsi a impieghi disparati grazie anche all’elettronica raffinata che ne supervisiona il funzionamento.
Anche i nuovi 150 e 175 HP proposti da Suzuki sono dunque dei quattro cilindri in linea, architettura che è in grado di esaltare il contenimento degli ingombri delle unità termiche e, dunque, anche il peso dei fuoribordo. Si tratta di motori dotati di quattro valvole per cilindro con doppio albero a camme in testa (DOHC - Double Over Head Camshaft) e fasatura variabile delle valvole (Variable Valve Timing) che possono essere definiti “big block” per la generosa cubatura da 2,867 litri, caratterizzati da un alto rapporto di compressione (10,2:1). È soprattutto grazie a questa soluzione tecnica, frutto dell’esperienza maturata da Suzuki nelle competizioni, che i tecnici hanno potuto ottenere un valore di coppia molto elevato anche ai bassi e ai medi regimi, capace di garantire a entrambi i motori delle accelerazioni entusiasmanti.
Altra importante peculiarità dei nuovi DF150AP e DF175AP, capace di esaltarne la brillantezza nelle performance, è data dall’adozione di una calandra che incorpora un sistema di prese d’aria definito Semi-Direct Air Intake System. Si tratta di un sistema integrato all’impianto di aspirazione dell’unità termica, capace di fornire un congruo apporto d’aria a temperatura ottimale al circuito d’iniezione e, quindi, sempre la giusta quantità di ossigeno per ottimizzare la combustione a tutti i regimi di rotazione.
I nuovi Suzuki DF150AP e DF175AP sono caratterizzati anche da altri sistemi tecnologici tra i quali:
Suzuki Keyless Start, un sistema di tipo automobilistico che comprende anche un’utile funzione immobilizer per la protezione dai furti, con chiave elettronica accoppiata a un sensore di prossimità codificato. Con tale soluzione l’accensione del motore avviene semplicemente premendo il pulsante di avvio, ogni qualvolta la chiave si trovi nel raggio di un metro dalla consolle.
Suzuki Precision Control ovvero il sistema computerizzato drive by wire grazie al quale la gestione del comando monoleva del motore - quindi del cambio, marcia avanti, folle e marcia indietro, e della parzializzazione del gas del motore - risulta di facile utilizzo in quanto più precisa, fluida, semplice e intuitiva di una manetta meccanica.
Suzuki Selective Rotation, una soluzione intelligente e al contempo semplice, poiché con la sola sostituzione di un connettore nei cablaggi permette allo stesso motore di essere utilizzato indifferentemente come destrorso o come sinistrorso.
La centralina a 32 bit di cui sono dotati i fuoribordo, con la sua potenza, è un vero e proprio cervello che, istante per istante e con straordinaria precisione, attraverso la lettura dei molti sensori presenti sui motori, analizza una serie di parametri legati al funzionamento, rendendone possibile la massima ottimizzazione. Attraverso questo complesso e velocissimo processo, viene così predeterminata la quantità di benzina che il sistema d’iniezione multi point polverizza nella combustione, in relazione alla quantità d’aria necessaria affinché la combustione stessa sia ottimizzata. Tutto ciò prende il nome di Lean Burn ovvero il sistema di combustione magra nell’interpretazione di Suzuki, attento alle emissioni nocive e parco nei consumi, che sui nuovi propulsori porta a netto  risparmio di carburante. Alla stessa potente centralina elettronica è demandato il controllo dei sensori di battito, di detonazione e ossigeno (sonda Lambda), e di rilevamento dell’acqua nel carburante, per il monitoraggio di tutte le funzioni e il controllo interno dei parametri operativi, sempre in tempo reale, per assicurare la massima affidabilità al motore.
In termini di comfort, i nuovi fuoribordo DF150AP e DF175AP sono dotati di precamera di abbattimento dei rumori prodotti dall’aspirazione, un accorgimento estremamente efficace per la riduzione della rumorosità prodotta dall’unità termica durante il funzionamento. Una soluzione che offre un livello di silenziosità difficilmente paragonabile a quello di motori equivalenti.
Ad avvalorare anche in termini d’immagine tutte le peculiarità innovative dei nuovi fuoribordo DF150AP e DF175AP c’è l’adozione del nuovo colore “Pearl Nebular Black”, accompagnato dall’applicazione di fregi 3D, una soluzione estetica che dona un look inequivocabilmente Suzuki, in linea con il concetto di “The Ultimate Four Stroke Outboard”, ossia quello del miglior fuoribordo quattro tempi possibile.


20/09/2016 18:32:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Campionato Italiano Assoluto d’Altura: due prove per tutta la flotta

Ottimo avvio nelle acque di Monfalcone per il massimo appuntamento tricolore d’altura

Tutto pronto per la 21.A Edizione della Cooking Cup con il nuovo Title Sponsor Prosecco Doc

Compagnia della Vela di Venezia e Barcolana assieme per lo sport marketing nelle regate in Alto Adriatico

Dopo il trionfo europeo Petite Terrible-Adria Ferries rientra in Italia per il terzo evento di stagione

Alcatel J/70 Cup, che prenderà il via venerdì 23 giugno grazie all'organizzazione di J/70 Italian Class, con il supporto della Fraglia Vela Riva

Sled si porta al comando nella prima giornata dell'Audi Sailing Week

L'americano Sled timonato dall'armatore Takashi Okura ha condotto i giochi fin dal primo gate di poppa, con un distacco di circa 150 metri sul secondo classificato, l'inglese Alegre con alla tattica il velista di America's Cup, Andy Horton

Silvia Zennaro sale in prima posizione nella terza giornata di regata a Kiel

Carolina Albano (CV Muggia) scende in 16° posizione a causa dei tre 14° posti di oggi e Valentina Balbi (YCI) scende anche lei in classifica e ora occupa la 23° posizione

VIDEO - America's Cup: è ancora New Zealand

Peter Burling sta massacrando James Spithill, alla faccia di chi non credeva che fosse abbastanza aggressivo o forte in partenza

Una frizzante prima giornata a Riva del Garda

Un pomeriggio tipico gardesano, con un'Ora inizialmente raffinata e tesa fino a 20 nodi, poi in diminuzione, ha assegnato la prima vittoria della serie alla neocampionessa europea Claudia Rossi a bordo di Petite Terrible-Adria Ferries

Domani al via il Campionato Italiano Assoluto Altura "Trofeo Stroili"

Campionato Italiano Assoluto Vela d’Altura 2017 “Trofeo Stroili” da domani le prime regate. Stasera, martedì 20 giugno inaugurazione dell’Hannibal Village

Tutti i vincitori del Campionato Italiano Assoluto Altura "Trofeo Stroili"

Campionato Italiano Assoluto Vela d’Altura 2017 “Trofeo Stroili”: i vincitori assoluti e di classe. Le voci dei protagonisti, le storie di banchina, le emozioni di un Italiano da ricordare

Marina di Scarlino: partito il raduno degli Swan classici

Diciotto le imbarcazioni partecipanti, dal celebre Swan 36 (il primo modello costruito in casa Nautor) allo Swan 76. Va in archivio con una splendida giornata di sole e vento termico il primo di tre giorni di veleggiate costiere

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci