sabato, 25 marzo 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

turismo    formazione    fraglia vela riva    barcolana    regate    suzuki    press    cala de medici    vela oceanica    guardia costiera    circoli nautici    altura    nautica    fincantieri   

SUZUKI

Suzuki al Salon Nautic de Paris 2016

L’obiettivo di Suzuki è di realizzare “The ultimate four stroke outboard”, cioè di proporre alla propria clientela fuoribordo quattro tempi capaci di sintetizzare lo stato dell’arte, il meglio in termini di tecnologia.
Il lavoro di tutto il team Suzuki, anche di chi non è coinvolto direttamente nella progettazione e produzione dei motori, è finalizzato a supportare tale mission.
Con 2 impianti produttivi dedicati (in Giappone e in Tailandia, presente in 110 Paesi attraverso una rete commerciale fatta di 116 distributori, il costruttore giapponese tiene fede a questo slogan puntando a essere protagonista assoluto in tutte quelle occasioni nelle quali ai Clienti viene data la possibilità di trovarsi a contatto, conoscere e apprezzare la propria gamma di fuoribordo e package, saloni nautici in primis.
Anche in occasione del Nautic, il Salone Nautico di Parigi, Suzuki è stata una delle star della manifestazione.
Nello spazio espositivo dedicato, posizionato nella Hall 2.2, Suzuki ha esposto la propria gamma di motori, tutti rigorosamente quattro tempi: 13 modelli che vanno dal peso piuma Suzuki DF2.5 - il fuoribordo con motore endotermico più leggero presente sul mercato - al Suzuki DF300AP, il top della gamma e non solo in termini di potenza. Un’offerta basata su un elevato numero di blocchi motore con la filosofia di prodotto che vuole ogni unità ottimizzata, in termini di geometria e cubatura, per un range di potenza specifico.
Una gamma, dunque, che cerca di venire incontro alle esigenze di un’utenza quanto più vasta ed eterogenea, riuscendo realmente a fornire a ciascuno il fuoribordo più consono.
Suzuki ha presentato inoltre le nuove chiesuole con comandi meccanici, disponibili in versione singola e doppia. Con un’estetica migliorata e un incremento della semplicità d’installazione e di utilizzo, queste nuove chiesuole risultano particolarmente confortevoli anche durante gli utilizzi prolungati incrementando, di conseguenza, la sicurezza.
Grande risalto alla presenza di Suzuki al Salone Nautico di Parigi è arrivata anche dall’iniziativa Nautic Street Fishing, della quale il brand giapponese è stato Main Sponsor: si tratta di una gara di pesca urbana, rigorosamente “no kill” (che prevede il rilascio in libertà di quanto pescato), organizzata dalla French Touch Fishing e dalla Union Des Pêcheurs De Paris.
Teatro dell’evento sono stati sette chilometri di banchina lungo la “rive gauche” della Senna, dove hanno trovato posto 300 concorrenti divisi in tre categorie: scratch, donne e allievi. Le specie valide per l’attribuzione di punti in gara sono stati lucci, pesci persico, sandre, pesci gatto, salmoni, cavedani e barbi.
Durante il Nautic di Parigi, Suzuki è stata anche al fianco di Stéphane Mifsud, attuale recordman di apnea statica (11 minuti e 35 secondi), di apnea dinamica senza pinne (131 m) e di apnea dinamica con pinne (213 m).
Suzuki ha contribuito alla realizzazione delle due conferenze aperte al pubblico che il campione transalpino ha tenuto domenica 4 e Lunedi 5 dicembre, dal titolo "L'Odyssée Bleue de Stéphane Mifsud", nelle quali è stata illustrata l’attività svolta dal 2015 a oggi.
Il Nautic de Paris è stato il palcoscenico di un ulteriore avvenimento riguardante Suzuki: venerdì 9 dicembre, durante la conferenza stampa appositamente indetta nello stand del costruttore giapponese, è stata annunciata la partnership fra Suzuki e Groupama Team France. Suzuki, infatti, supporterà la barca e gli uomini impegnati quest’anno nelle Louis Vuitton America’s Cup World Series, regate che porteranno il team francese e gli altri sfidanti a contendere la vittoria ai detentori della Coppa America nelle finali della prossima estate, nelle acque di Bermuda, ai Caraibi.


13/12/2016 12:01:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il Centro Velico Caprera compie cinquant’anni

E per l’occasione ha presentato oggi a Milano il suo progetto di responsabilita’ ambientale, etica e sociale in partnership con realta' di eccellenza

Mini 6.50: all'Arcipelago 650 si cerca il vento

Corrono insieme anche due dei protagonisti della prossima Roma per 1/2/Tutti, Ambrogio Beccaria e Luca Sabiu. DOpo i 10 nodi di ieri, oggi solo 4 nodi da Ovest per una flotta compatta

Roma per 1: la vela "No Frills" di Riva di Traiano fa tendenza

Sette solitari e diciannove equipaggi in doppio. Al momento più della metà della flotta in partenza per la Roma per1/2/Tutti non è in equipaggio

CICO 2017: Mattia Camboni è Campione Italiano con un giorno d'anticipo

Un titolo che invece è ancora in ballo nella flotta femminile, dato il distacco tra la leader Marta Maggetti (Fiamme Gialle) e l’Olimpionica di Rio Flavia Tartaglini (Fiamme Gialle)

Mini 6.50: Andrea Fornaro vince l’Arcipelago 650 in classe Proto

Di nuovo in coppia col canario Oliver Bravo de Laguna Fornaro sembra soddisfatto di questa prima regata italiana della stagione, nonostante le difficoltà dovute ad una messa a punto avvenuta praticamente in acqua

Coppa Adriatico, la novità targata Il Portodimare

La regata si disputerà a Chioggia dal 12 al 14 maggio ed ai vincitori di classe garantirà l'iscrizione gratuita al Campionato Italiano Assoluto di vela d'altura di Monfalcone

Morgan IV vince il Campionato Invernale di Vela d'Altura di Bari

Vincitori per la minialtura “Cocò” di Natuzzi Vitantonio con Marco Magrone al timone (CN Bari). A loro si aggiungono i vincitori delle diverse categorie e quelli della classe libera

La conclusione del CICO 2017 di Ostia

I titoli Italiani sono andati a Mattia Camboni (RS:X M), Francesco Marrai (Laser Standard), Joyce Floridia (Radial), Marta Maggetti (RS:X F), Ratti-Porro (Nacra 17), Tita-Zucchetti (49er)

Fincantieri: a Marghera al via i lavori in bacino per “Nieuw Statendam”

Il blocco dell’unità, lungo 11,3 metri, largo 34,8 e dal peso di 260 tonnellate, fa parte della sezione di centro nave di “Nieuw Statendam”, la cui consegna è prevista alla fine del 2018

L'Arcipelago 650 in salsa francese

All’1 e 44 minuti della mattina del 19 marzo i primi a tagliare il traguardo sono gli skipper di FRA 868 Alternative Sailing, i bravissimi Remì Aubrun e Nicolas Ferrelel

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci