martedí, 24 ottobre 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

nacra 15    optimist    campionati invernali    motonautica    press    match race    rolex middle sea race    vela olimpica    cnsm    volvo ocean race    windsurf    campione d'autunno    rs:x   

SUZUKI

Sergio Davì ha scelto suzuki per il suo raid Transoceanico

Sergio Davì è un navigatore palermitano, che già in passato si è reso protagonista d’imprese a bordo di RIB, mezzi sicuramente non concepiti per traversare l’Atlantico ma che, se gestiti e soprattutto equipaggiati nel modo corretto, possono affrontare anche imprese estreme.
Il navigatore a proposito della sua impresa del 2017 ha dichiarato: “Come sicuramente molti sanno nel 2015 abbiamo provato la stessa traversata con un gommone equipaggiato con motori entrobordo, ma abbiamo dovuto rinunciare per un incendio.
In questo 2017 abbiamo voluto riprovare con un gommone completamente nuovo, un Master 996 con due motori Suzuki DF200AP. Fuoribordo di ultima generazione che oltre a garantire affidabilità e prestazioni elevate, che per noi sono fondamentali, ci permettono di avere il massimo rispetto per l’ecologia durante la nostra traversata, perché consumano il 30% in meno di motori simili di pari potenza e, grazie al sistema Lean Burn, ci garantiscono livelli di emissioni particolarmente bassi. Tutto questo si rivela fondamentale anche per la gestione dell’autonomia, perché grazie ai consumi ridotti dei DF200AP possiamo affrontare anche la tappa più lunga in sicurezza. Con il gommone carico di carburante e di tutto il necessario per la traversata per navigare in Atlantico abbiamo consumato circa 2 litri/miglio, un grande risultato! per questo ho scelto i Suzuki quattro tempi quattro cilindri… ma i DF200AP sono ancor più straordinari di quanto mi aspettassi: la loro silenziosità per noi è molto importante, anzi fondamentale, li abbiamo tenuti accesi anche 17 ore consecutive e la tranquillità che abbiamo avuto a bordo è stata straordinaria, direi uno degli elementi fondamentali in una traversata così impegnativa”.
Paolo Ilariuzzi, Direttore Commerciale Suzuki Marine, ha aggiunto: “I Suzuki DF200AP sono il massimo della tecnologia oggi disponibile sui motori fuoribordo. Prestazioni, bassi consumi che per Sergio, soprattutto nel tratto da Capo Verde alle coste brasiliane, saranno indispensabili per riuscire a portare a termine la lunga navigazione. Con un’autonomia di 800-900 miglia Sergio può affrontare la navigazione con una certa riserva di sicurezza. Infatti, grazie al sistema Lean Burn oltre ad assicurarsi consumi molto bassi in tutto il range tipico della navigazione in crociera, quindi dai 1.800 a 5.000 giri circa, si ottiene anche un impatto ambientale particolarmente ridotto”.
Il DF200AP è attualmente uno dei motori più tecnologici presenti sul mercato e dotato di sistemi esclusivi Suzuki come il Lean Burn, presente ormai sulla quasi totalità dei modelli fuoribordo Suzuki.
Il sistema Lean Burn è in grado di gestire in modo continuo il rapporto stechiometrico, vale a dire la formulazione della miscela aria-benzina in funzione dell’effettiva necessità. Questo permette di ottimizzare in modo costante la miscela rendendola più magra quando necessario. In aggiunta ad altri sistemi sviluppati da Suzuki, il Lean Burn assicura partenze sempre pronte e accelerazioni efficaci, garantendo livelli di consumi ed emissioni particolarmente bassi.
Il fuoribordo DF200AP è sviluppato su un’architettura a quattro cilindri in linea, che gli permette di essere di circa 30 kg più leggero di un motore V6. Tali caratteristiche sono state ottenute da Suzuki con l’adozione di un motore di cubatura importante, 2,8 litri, denominato “Big Block” e in possesso di un rapporto di compressione di 10,2:1 per ottenere accelerazioni rapide e coppia disponibile già a règimi bassi. Un motore di cui ogni elemento, anche il più piccolo, è incaricato di incrementare l’affidabilità, le prestazioni e basse emissioni. La calandra per esempio, sotto il cui look innovativo si celano soluzioni tecnologiche d’avanguardia, è stata appositamente progettata per garantire aria fresca al circuito di iniezione per mezzo dello speciale sistema di raffreddamento. Il Semi-Direct Air Intake System assicura la giusta quantità di aria in entrata alla temperatura ottimale con conseguenti accelerazioni e prestazioni elevate. Grazie a questo sistema di aspirazione che garantisce esclusivamente l’immissione di aria fresca incrementando il rendimento, unitamente alle quattro valvole per cilindro DOHC con alberi in testa e sistema di fasatura variabile VVT, il motore lavora sempre in condizioni ottimali garantendo accelerazioni e velocità ai massimi livelli possibili.
Motore “Big Block” di 2.867 cc, quattro cilindri in linea, alto rapporto di compressione e potenza massima di 200 HP per accelerazioni sorprendenti e coppia elevata sin dai bassi e medi regimi.
- Suzuki Lean Burn per un’economia di esercizio e consumi di riferimento in tutto il range di utilizzo del motore;
- Sistema di aspirazione dell’aria semi-diretto per garantire al motore flussi di aria fresca e per offrire sempre il massimo delle prestazioni;
- Sensore di detonazione e ossigeno più un sistema di rilevazione dell’acqua, offrono al motore una maggiore affidabilità;
- Speciale sistema di abbattimento dei rumori prodotti dall’aspirazione;
- Sistema di fasatura variabile (VVT) in grado di garantire coppia elevata ai bassi e medi regimi, per accelerazioni eccezionali;
- Sistema di iniezione “multi point” in grado di produrre prestazioni elevate;
- Suzuki Precision Control per una gestione della potenza richiesta sempre precisa e lineare;
- Keyless Start System in grado di offrire semplicità, partenze senza stress e funzioni come l’immobilizer per prevenire i furti;
- Suzuki Selective Rotation permette di utilizzare il medesimo motore con rotazione sia destrorsa sia sinistrorsa.
Queste le caratteristiche di un motore d’avanguardia scelto dall’audace navigatore Sergio Davì per la sua impresa oceanica, dove affidabilità, coppia elevata per spingere efficacemente la barca carica soprattutto nelle fasi iniziali della traversata, silenziosità, consumi ed emissioni ai minimi livelli possibili su motori di questa potenza sono gli ingredienti necessari.


26/05/2017 20:51:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Alla Fraglia Vela Riva il Trofeo Torboli

Si confermano primi Demurtas e Cesana. Domenica disputate altre due prove con vento da nord

Al via la 12ª edizione della Totano’s Cup

La manifestazione prevede una regata per imbarcazioni a vela e un trasferimento in flottiglia per quelle a motore da Marina Cala de’ Medici fino all’Isola di Capraia

“Piu’ Vela per Tutti” IX Edizione Campionato Invernale Otranto 2017 – 2018

Quello di domneica è stato un inizio impegnativo per le 15 barche in acqua, poiché il mare era formato e il vento non scendeva sotto i 18 nodi

Sabato 21 ottobre al via La Cinquanta del Circolo Nautico Santa Margherita

A Caorle anche Michele Zambelli che sarà alle ore 21.00 presso l’Aula Magna Parrocchiale per un incontro aperto a tutti dal titolo “Il mio Oceano”

Fincantieri: al via i lavori in bacino della sesta unità per Viking

La nave, la cui consegna è prevista nel 2019, si posizionerà nel segmento di mercato di unità di piccole dimensioni

Match Race Internazionale l’Argentario è pronto a ben figurare

La squadra del CNVA, nelle acque dell’Argentario, affronta quotati campioni internazionali nell’ evento di match race di Grado 2

La Coppa Italia d’Altura cambia pelle e sceglie Riva di Traiano per il 2018

Una nuova formula, con il Circolo vincente che sceglierà la sede per il 2019, e nuove date per le regate, che si svolgeranno a metà luglio 2018

Tu vuò fà o' catamarano

Joe Valia è il nuovo socio di C-Cat; grande appassionato di barche e navigazione, con due giri del mondo a vela alle spalle di cui il primo su un vecchio 13 metri quando non aveva ancora 18 anni

Conclusa La Cinquanta CNSM: Luna per Te XTutti, Città di Grisolera X2

Nella classifica finale del Trofeo Caorle si impongono Angelo X2 e Luna per te Xtutti. Tutti i vincitori di classe

Hilton Molino Stucky sul podio della IV edizione della Venice Hospitality Challenge

A bordo di Pendragon VI anche il Campione Olimpionico Antonio Rossi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci