martedí, 11 dicembre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

seatec    recordate    star    sydney hobart    regate    protezione civile    circoli velici    golden globe race    america's cup    formazione    turismo    crociere    j24    press    campionati invernali    attualità    match race   

REGATE

Senza vento la Bolina è più Lunga

senza vento la bolina 232 pi 249 lunga
redazione

Sabato mattina durante le operazioni di partenza si stava per creare una situazione irreale: le imbarcazioni delle due flotte (Altura ed Este 24) pronte per prendere il via, si sono ritrovate dentro una “campana di vetro” che confermava le terribili previsioni meteo di Paolo Sottocorona, intervenuto al breefing della sera precedente. Giornata praticamente estiva, alta pressione sole pieno, zero vento sugli strumenti di bordo.

Inevitabile l’issata dell’intelligenza sulla barca giuria, non essendoci neanche la possibilità di allineare le imbarcazioni per dare il via. Però, subito dopo le 10, all’arrivo della prima raffica, i due presidenti Fausto Proietti (Este 24) e Yan Masserotti (Altura) hanno sistemato le linee e con grande abilità sono riusciti in pochi minuti a far partire le imbarcazioni verso nord: i grandi dell’Altura lungo un percorso di 105 miglia e i monotipi di 24 piedi lungo un percorso di due tappe di 50 miglia. Ma vediamo come sono andate le due flotte.

Dopo la partenza, alle ore 11,00 circa, pian piano il gruppo offshore si è sgranato verso il disimpegno per poi iniziare la salita verso l’Argentario, dove sono iniziate le difficoltà all’altezza dell’Argentarola a causa della fine del vento. Più volte si sono mescolate le carte con numerosi stop e altrettante ripartenze che hanno caratterizzato il giro della boa al Pozzarello prima e quello dell’Isola del Giglio poi. Da lì la discesa verso l’arrivo ha regalato nuovamente una leggera brezza che ha permesso alla flotta in gara di terminare entro il tempo massimo che era stabilito per la mezzanotte di ieri.

Alla fine la Line Honour è dell’RP 45 di Giovanni Di Vincenzo LISA K alle 11.30.56 di domenica, seguito da Durlindana III - Farr 60 di Giancarlo Gianni e da Prima Vista - Ice 52 di Francesco Della Torre. Invece per la classe X2, il 1° in reale è LIBERTINE - Comet 45S di Marco Paolucci. Mentre in tempo compensato vince per il secondo anno consecutivo TEVERE REMO MON ILE il First 40 di Gianrocco Catalano che si aggiudica le due Overall ORC e IRC.

Questi i vincitori nelle rispettive classi: ORC

ALTURA

Classe 0. Classe 1. Classe 2. Classe 3/4/5. Classe X2.

IRC
Classe 0/1. Classe 2. Classe 3 . Classe 4/5. Classe X2.

Pierservice Luduan, Grand Soleil 46B di Enrico De crescenzo Tevere Remo Mon Ile, First 40 di Gianrocco Catalano Andromeda, Elan 400 di Michele Manzoni
Chestress, J-109 di Anserini/Petti

JStorm, J-111 di Guido Enrico Tabellini

Tevere Remo Mon Ile, First 40 di Gianrocco Catalano Andromeda, Elan 400 di Michele Manzoni Chestress, J-109 di Anserini/Petti
TAZ Unicasim, Archambault 31 di Mauto Grandone Prospettica, Comet 41S di Giacomo Gonzi

ESTE 24

I monotipi hanno affrontato una giornata molto tecnica con l’inserimento di un cancello a 16 nm dalla partenza ed una riduzione di percorso sotto la Torre di San Biagio di Ansedonia, che ha impegnato gli Este24 dapprima con un lasco molto stretto per poi risalire di Bolina a ridosso della Formica di Burano dove i concorrenti hanno nuovamente issato il gennaker dopo una rotazione dell’aria verso sud. Il pochissimo vento da sud-ovest sul campo di regata ha fatto comunque avanzare tutta la flotta con una media di 4 nodi. Il giorno dopo la flotta è partita da Porto Ercole verso Porto Santo Stefano con pochissimo vento, lottando tra bonaccette e raffiche sotto costa, completando il periplo dell’Argentario per circa 13 miglia. Forse una Coastal Race tra le più belle delle ultime edi- zioni vinta con un 1o e un 3o da Alessandro Maria Rinaldi al timone di C.C.Aniene - RideCosì 2. Questo il podio dopo le due prove:

1. Ridecosì di Alessandro Maria Rinaldi

2. Esterina di Marco Brinati
3. √Thetis di Pietro Locatelli 

ph ©Marco Massetti 


23/04/2018 18:38:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Golden Globe Race: tratta in salvo Susie Goodall

Susie Goodall è stata finalmente recuperata 2.000 miglia a ovest di Capo Horn dall'equipaggio della nave cargo registrata a Hong Kong MV Tian

Extra 1 e Swasa vincono l'Autunnale di Capo d'Orlando

Il 27 Gennaio si riprende con il Campionato Invernale. La centralità dell'accogliente Marina di Capo d'Orlando permetterà di impinguare ulteriormente la flottta con barche di tutta la Sicilia e della Calabria

Lazio e Campania: allerta meteo sulle zone costiere per domenica 9 dicembre

Previsti anche venti di burrasca nord-occidentali, con raffiche fino a tempesta, sulla Sardegna in estensione a Sicilia e Calabria

Circolo Vela Gargnano: il bilancio del 2018

Gorla e Centomiglia, il ritorno della classe Star, i successi delle squadre giovanili, l'alternanza scuola lavoro, le Università di Brescia e Padova. Il prossimo anno si annuncia un Settembre a tutta vela con le classi Olimpiche e gli equipaggi azzurri

Invernale di Anzio: Calipso Enway e La Superba continuano a dominare

Domenica 2 dicembre il golfo di Anzio e Nettuno ha regalato un’altra splendida giornata per la 44° edizione del Campionato Invernale, consentendo di disputare la quarta prova per le classi Altura e ben tre prove per i J24

Fincantieri: varata a Marghera Carnival Panorama

È stata varata oggi nello stabilimento Fincantieri di Marghera, “Carnival Panorama”, nuova nave destinata a Carnival Cruise Line, brand del gruppo statunitense Carnival Corporation & plc, primo operatore al mondo del settore crocieristico

America's Cup: c'è anche Malta con una sfida molto italiana

Il Team Principal dell'Altus Challenge di Malta è Pasquale Cataldi, un uomo d'affari italiano nato a Malta, fondatore e CEO della multinazionale del settore immobiliare e dello sviluppo, Altus

J24: a Four K la prima manche dell’lnvernale di Cervia

Stefano Leporati con il suo J24 Ita 500 Four K vince la prima manche dell’lnvernale Monotipi di Cervia

Trieste: Szymon Szymik vince l’International Christmas Match Race

Dopo tre giorni di regate inziate con bora e terminate con venti leggeri, il polacco Szymon Szymik si aggiudica la vittoria finale ai danni dell’Italiano Rocco Attili ottimo secondo e lo Sloveno Dejan Presen, terzo

Sydney/Hobart: sarà ancora lotta tra Comanche e Wild Oats XI

Il record è di LDV Comanche, che lo scorso anno ha impiegato 1 giorno, 9 ore, 15 minuti e 24 secondi per coprire le 628 miglia del percorso

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci