sabato, 25 marzo 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

altura    fraglia vela riva    regate    press    derive    seatec    turismo    formazione    barcolana    suzuki    cala de medici    vela oceanica    guardia costiera    circoli nautici   

CENTOMIGLIA

Sabato ore 8.30 si va via con la 66° Centomiglia Del Garda

sabato ore 30 si va via con la 66 176 centomiglia del garda
redazione

La vigilia della Centomiglia anima più di una discussione. E' giusto che sia così. I traguardi dei Trofei assoluti (Bettoni, Garioni, Zuccoli e Croce) tengono banco tra le chiacchiere degli “aficionados” e addetti ai lavori. Tutte le flotte chiedono visibilità per le singole classifiche perché esserci, alla Cento, ha sempre un gran significato. Ma le chiacchiere sono finite. Per tutti, domani (sabato), sarà un vero Mondiale delle Long distance d'acqua dolce e conquistare il Trofeo assoluto o uno di categoria è puro prestigio. Una vittoria di Classe corrisponderà al titolo della Minialtura oppure a quello delle SportBoat. Aggiungeteci che, questa volta, ci sarà un traguardo assoluto a tempi corretti Orc, suddiviso per le barche Hight Tech e quelle più tradizionali, che correranno per il Trofeo Beppe Croce e poi l’assoluto in tempo reale, come sempre, con la conquista del Trofeo Bettoni. Per le "piccole" utilitarie delle onde (la definizione non è riduttiva), sarà così avventura globale, come per tutti, sull'intero periplo del lago e con la partenza unica, (alle 8 e mezza del mattino).  Dall'estero, in particolare da Germania e Ungheria, sono giunti segnali incoraggianti sulla formula.

Del resto, la storia di Gorla e Cento è ricca di curiosità, dedicate alle barche più piccole. Vent'anni fa l'Asso 99, lo "Spitz" di Lievi e Larcher, vinceva  in assoluto davanti ai maxilibera. E sull'onda del successo dell'Asso sono poi arrivati altri monotipi sempre firmati da Santarelli come i Modulo, i Joker, soprattutto i Dolphin che proprio a Gargnano vantano la flotta in versione Match-Race, scafo che ha visto correre tutti i protagonisti della Coppa America a cominciare dal detentore James Spithill di Oracle Team. Domani ne correranno tre, del Circolo Vela Gargnano, per la sfida a “tutto lago” dei tre laghi: Garda, Ginevra e Balaton con team Bol d’Or Mirabaud e di Kekszalag.

Ci saranno le flotte di Umberto Felci, dagli Ufetti ai vari cabinati One Off, fino alla famiglia dei Melges con 32, 24 e 20.

Diciannove anni  fa nasceva sempre a Bogliaco il monotipo "Protagonist".  Opera di Gigi Badinelli, scomparso ad inizio estate. La Cento lo ricorderà e il prossimo anno, per il ventennale,  la Classe lo farà disputando il suo Campionato Italiano. 

Intanto, per correre l’edizione numero 66, sono arrivati i multiscafi che, per la prima volta, possono tentare la conquista dell’assoluto. Li abbiamo già visti al Gorla della settimana scorsa lasciarsi dietro anche i monoscafi più blasonati. Certo, per loro, la velocità è tutto ma l’avventura nel basso lago lascia ancora molti punti aperti. E per la sessantaseiesima volta sarà una Cento ancora tutta da scrivere, con nulla di scontato. 

"AC&E Sicurplanet", l’Extreme 40 condotto da Luca Modena e Matteo Marega, dovrà dimostrare che il tempo dato agli avversari domenica scorsa non era frutto del caso, Enrico Zennaro, sul cat gemello, vorrà prendersi una rivincita ed intanto oggi, in allenamento, ha disalberato senza, per fortuna, danni. L' x 40 Ungherese ha ingaggiato come tattico la due volte olimpica Chicca Salvà. Cose che succedono. Hagar III, l’M32 di Gregor Stimpfl, non starà certo a guardare così come Clandesteam, primo monoscafo sul traguardo del Gorla e il suo “nemico storico”, Raffica dal lago Balaton che quest’anno ha voluto come tattico il figlio di Roberto Benamati, impegnato con Zennaro e il Nwgs.

Ma bisognerà aggiudicarsi anche il premio Kwindoo dedicato a chi realizzerà la velocità maggiore nello "stocchetto": Arco - Torbole. Kwindoo che ha registrato le velocità delle singole imbarcazioni durante il Gorla: Ac&e-Sicurplanet 19.75, Team Extreme 17.32, Hagar 18.99, Goran Marstrom 14.88, Itelligence 16.36 Clan 12.95. 



09/09/2016 19:42:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il Centro Velico Caprera compie cinquant’anni

E per l’occasione ha presentato oggi a Milano il suo progetto di responsabilita’ ambientale, etica e sociale in partnership con realta' di eccellenza

Mini 6.50: all'Arcipelago 650 si cerca il vento

Corrono insieme anche due dei protagonisti della prossima Roma per 1/2/Tutti, Ambrogio Beccaria e Luca Sabiu. DOpo i 10 nodi di ieri, oggi solo 4 nodi da Ovest per una flotta compatta

Roma per 1: la vela "No Frills" di Riva di Traiano fa tendenza

Sette solitari e diciannove equipaggi in doppio. Al momento più della metà della flotta in partenza per la Roma per1/2/Tutti non è in equipaggio

CICO 2017: Mattia Camboni è Campione Italiano con un giorno d'anticipo

Un titolo che invece è ancora in ballo nella flotta femminile, dato il distacco tra la leader Marta Maggetti (Fiamme Gialle) e l’Olimpionica di Rio Flavia Tartaglini (Fiamme Gialle)

Mini 6.50: Andrea Fornaro vince l’Arcipelago 650 in classe Proto

Di nuovo in coppia col canario Oliver Bravo de Laguna Fornaro sembra soddisfatto di questa prima regata italiana della stagione, nonostante le difficoltà dovute ad una messa a punto avvenuta praticamente in acqua

Coppa Adriatico, la novità targata Il Portodimare

La regata si disputerà a Chioggia dal 12 al 14 maggio ed ai vincitori di classe garantirà l'iscrizione gratuita al Campionato Italiano Assoluto di vela d'altura di Monfalcone

Morgan IV vince il Campionato Invernale di Vela d'Altura di Bari

Vincitori per la minialtura “Cocò” di Natuzzi Vitantonio con Marco Magrone al timone (CN Bari). A loro si aggiungono i vincitori delle diverse categorie e quelli della classe libera

La conclusione del CICO 2017 di Ostia

I titoli Italiani sono andati a Mattia Camboni (RS:X M), Francesco Marrai (Laser Standard), Joyce Floridia (Radial), Marta Maggetti (RS:X F), Ratti-Porro (Nacra 17), Tita-Zucchetti (49er)

Fincantieri: a Marghera al via i lavori in bacino per “Nieuw Statendam”

Il blocco dell’unità, lungo 11,3 metri, largo 34,8 e dal peso di 260 tonnellate, fa parte della sezione di centro nave di “Nieuw Statendam”, la cui consegna è prevista alla fine del 2018

Tavola rotonda al Porto Marina Cala de’ Medici con l’Assessore regionale Stefano Ciuoffo

Temi cardini integrazione Porto-territorio e del prossimo salone di Viareggio

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci