mercoledí, 15 agosto 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

circoli velici    luna rossa    farr 40    rs feva    vela olimpica    nacra 17    420    optimist    windsurf    press    melges 24   

REGATE

Regate: largo ai Millennials

regate largo ai millennials
redazione

A rimpiangere la vela d’altri tempi sono ancora in tanti. Soprattutto a parole, però, e rigorosamente ormeggiati di poppa sorseggiando l’immancabile aperitivo serale. In effetti il sestante è diventato un bellissimo oggetto d’arredamento. Guardarlo fa tanto marinaio. Tentare di usarlo accende subito in noi una subitanea e sfrenata passione per le tecnologie. Anch’esse, però, pregne di misteriosi algoritmi. E per quanto si voglia guardare dall’alto in basso i giovanissimi che, spinti dal sacro fuoco dell’altura, salgono a bordo sognando di diventare i Moitessier del 2030, è giocoforza affidarsi a loro, nativi digitali, per domare i byte impazziti dei tanti strumenti che abbiamo regalato alla nostra barca.

Ed entrando nel merito della questione, in queste ultime regate d’altura c’è un'imbarcazione, Luduan, che si sta comportando molto bene e che, manco a dirlo, si è affidata ad un ventenne, Simone Busonero, un ’97 di Orbetello, per la navigazione e, soprattutto, per l’elettronica a bordo.


Simone, come è nato questo interesse per l'elettronica e il ruolo di navigatore di bordo?

“ I primi imbarchi in altura li avevo come prodiere o trimmer. L’occasione si presentò quando, salito su Luduan nel 2014, trovai gran parte dei ruoli di prua coperti. Allora pensai di provare a dedicare del tempo all’elettronica installata a bordo, che mi permetteva di fornire dati all’equipaggio e di vedere un po’ meglio cosa stava succedendo intorno a noi  durante la regata, invece di stare sempre a pensare alle …….. manovre.
Dopo una prima stagione abbastanza disastrosa dal punto di vista tecnico, piano piano qualcuno ha iniziato ad ascoltarmi.. forse! (ridendo)”.


Praticamente, di cosa deve occuparsi oggi un navigatore in barca con tutta l’elettronica a sua disposizione?

“Innanzitutto del set up e della messa a punto degli strumenti di bordo, che devono consentire di poter raccogliere dati durante la navigazione ed analizzarli in modo da conoscere le performances della barca. Durante le regate su boe, chiama la posizione della barca rispetto al campo o rispetto alla linea di partenza nelle fasi di prestart, legge i trend del vento e chiama i target che la barca dovrebbe raggiungere. Nelle regate Offshore, oltre a quello che fa in Inshore, il navigatore è responsabile della meteo, per cercare di anticipare le 'mosse del vento', è responsabile della rotta e dei passaggi vicino alla costa, per evitare rischi, e si deve occupare delle comunicazioni e dei rapporti con il comitato di regata”.

A 20 anni trovi difficoltà nel doverti interfacciare con professionisti, in un ruolo un “po’ delicato”?

“Personalmente, più che un navigatore mi ritengo un responsabile dell’elettronica di bordo, in quanto so di non avere l’esperienza necessaria per fare analisi meteo o prendere decisioni legate ad esso, soprattutto in regate Offshore. Una delle difficoltà sta nel capire di quali dati ha veramente bisogno l’equipaggio e quali puoi risparmiare, per fare la differenza. Devo ringraziare persone con molta più esperienza e risultati di me, come Francesco Mongelli, che mi ha aiutato con molti suggerimenti  tecnici, e Andrea Fornaro, che mi aiuta spesso per quanto attiene alla meteorologia. Sono due persone sempre disponibili e pronti a trasmettermi le loro competenze”.


Che tipo di esperienze hai già maturato?

“In altura ho partecipato negli ultimi anni a regate sia Inshore che Offshore, principalmente in Tirreno, mentre il Match Race mi porta spesso anche all’estero, soprattutto per partecipare agli eventi del circuito giovanile”.


A quali regate di altura, come navigatore, hai già partecipato e con quali risultati?

“A parte regate inshore come Trofeo Calandriello, Punta Stendardo o Italiani ORC, ho partecipato ad una  Roma per Tutti, due edizioni della Tre Golfi, due edizioni de La Lunga Bolina, vinte in IRC0 ed ORC0 con Luduan, quattro edizioni della 151Miglia, di cui una vinta in ORC0 sempre con Luduan ed una Giraglia Rolex Cup. Quest’anno ho avuto l’opportunità di navigare anche su un Maxi in occasione della Rolex Maxi Cup”.


Quali sono i programmi futuri?

“Le prossime regate saranno le prime della stagione Match, in Polonia ed a Bermuda, per la Argo Group Gold Cup, mentre in altura dovrei partecipare alla Giraglia Rolex Cup. Mi piacerebbe partecipare alla Palermo Montecarlo, ma per adesso non ho un imbarco”.



26/04/2018 19:03:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Marina Cala de’ Medici si conferma per il terzo anno consecutivo Porto d’eccellenza

Ratificata l’attestazione di MaRINA Excellence, nonché i riconoscimenti 24 Plus e 50 Gold

Caorle, "Festa del Pesce": una sfida a colpi di sarde

La Festa del Pesce - A settembre l’evento culinario più tradizionale di Caorle (VE)

Mondiali Aarhus: Carolina Albano qualifica l'Italia nel Laser Radial a Tokyo 2020

L’Italia conquista oggi ad Aarhus la terza qualifica per le Olimpiadi di Tokyo 2020! Si tratta del Laser Radial e a compiere l’impresa è stata la giovane Laserista triestina Carolina Albano (CV Muggia) non ancora ventenne

Mondiali Aarhus: anche il 470 maschile si qualifica per Tokio

Anche oggi arriva una preziosa qualifica per l’Italia ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) con il quinto posto odierno entrano in Medal Race e qualificano l'Italia per Tokio 2020

Nacra 17: oro per l'Italia ai Mondiali di Aarhus

La coppia formata da Ruggero Tita e Caterina Banti ha vinto il titolo della classe Nacra 17 al termine della 'medal race' di oggi

Europeo Melges 24: Maidollis allunga il passo

I Campioni del Mondo 2017 a bordo di Maidollis (7-1-1 oggi), dopo l'ottimo esordio della prima giornata in cui avevano messo a segno una magnifica doppietta, tornano ad essere protagonisti e consolidano la leadership della classifica provvisoria

Gargnano, Garda: Itaca è tornata a casa

Tredici anni dopo la sua ideazione il progetto Itaca ha fatto nuovamente tappa al Circolo Vela della Centomiglia

Mondiali Aarhus: sei le classi qualificate per Tokio 2020

Triplete per Tita-Banti che aggiungono il titolo mondiale all'europeo e all'italiano già conquistati nel 2018

Mini 6.50: con 12 h di vantaggio, Boggi riparte da Horta

Dopo aver vinto la prima tappa de Les Sables D’Olonne-Azzorre-Les Sables D’Olonne (SAS), con un vantaggio di 12 ore sul secondo, Ambrogio Beccaria a bordo di Geomag parte oggi alle 19 ora italiana

Tokio 2020: altre 3 qualifiche per l'Italia ai mondiali di Aarhus

L’Italia è qualificata alle Olimpiadi di Tokyo 2020 anche nelle classi RS:X maschile, RS:X femminile con Marta Maggetti e il Nacra 17 con Ruggero Tita e Caterina Banti

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci