sabato, 25 ottobre 2014


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

campionati invernali    guardia costiera    windsurf    sport    regate    optimist    route du rhum    volvo ocean race    meteo    dinghy    mini 6.50    kite    confitarma    pirateria    j24    star    cnsm    melges 20   

REGATE

Regata della Farfalla: conclusione "ventosa"

regata della farfalla conclusione quot ventosa quot
Redazione

Con un day 2 ancora più ventoso della giornata precedente si conclude alla grande la Regata della Farfalla. A Favignana 15 nodi di vento di vento salutano fin dal primo mattino i concorrenti della Egadi Sailing Week. Il Comitato aspetta mezz’ora sull’orario previsto i concorrenti  che risentono ancora  della piacevole serata passata a terra ospiti della Municipalità di Favignana. Intanto il vento sale ancora, proviene da sud est e l’acqua e piatta. Condizioni ideali per i grandi Gran Crociera, perfette per i Crociera Regata e faticose per i Minialtura, ma la cosa non preoccupa più di tanto il Comitato condotto da Marcellina Pignoli e Ermes Mongardi perché qui sono presenti i più forti specialisti siciliani dei Beneteau 25 in allenamento per il Mondiale di Settembre a Cala de’ Medici .
C’è vantaggio in boa per distribuire la flotta sulla linea di partenza ed evitare i contatti con il battello del Comitato del giorno prima . Si controllano con attenzione i due First 40.7 Poquito del marsalese Giuseppe Alagna e Cattivik condotto da Maurizio D’Amico. Sono divisi da un solo punto di distacco in classifica generale e si concentrano uno sull’altro, non curandosi di I am Bad del mazzarese Giovanni Calandrino, oramai tagliato fuori dalla lotta per la vittoria finale. Acqua cristallina, vento teso, il fantastico scenario delle Isole Egadi  e barche che viaggiano affiancate per tutta la prova fanno la gioia dei fotografi presenti sui gommoni dell’organizzazione e sulle barche degli spettatori. Vincerà, dopo più di un’ora di autentico duello, Cattivik per soli 34 secondi. I am Bad si era nel frattempo ritirato per una avaria la fiocco. Il vento sale ancora, Cattivik dopo un calcolo delle classifiche, preferisce rientrare a terra e sfruttare al meglio lo scarto, anche perchè a bordo si sono infortunati due membri dell’equipaggio.  La seconda prova va invece a I am Bad, seguito da Dieci e lode di Giacomo Venezia ed Allegra, First 33.7 di Fabio Tulone.
Tra i Gran Crociera la lotta per la vittoria finale ha riguardato Irruenza di Marco Ferri e Donna Rosa di Fabrizio Mineo, coadiuvato alla tattica da Francesco Siculiana. Nonostante la vittoria nell’ultima prova, Donna Rosa ha dovuto cedere il vertice della classifica finale ad Irruenza che ha fatto della regolarità la sua arma migliore. Da segnalare la vittoria nella prima prova della giornata di Free Wind del romano  Marco Monda.
Lo spettacolo più interessante lo hanno offerto comunque i minialtura sia per l’alto livello tecnico dei concorrenti, sia perché la concentrazione nelle gare è stata massima. L’intera flotta ha sempre viaggiato raggruppata in pochi metri d’acqua, con i tangoni che si sovrapponevano sulle imbarcazioni vicinissime tra di loro durante le planate di poppa. Sono stati due giorni di intenso lavoro per i timonieri ed i loro equipaggi e la prossima settimana continueranno nelle acque di Marsala per la Tadmor Cup. La Sicilia Occidentale è famosa per le sue forti brezze e questo servirà per presentarsi al meglio all’appuntamento iridato. Per la cronaca la vittoria della Regata della Farfalla tra le barche più piccole va ai catanesi di Jhaplin guidati da Cesare dell’Aria che regolano Alberto Wolleb  su Brera Hotels e Giuseppe Cascino su Birbante.
Grande soddisfazione alla premiazione finale è stata espressa dal padrone di casa, il Sindaco di Favignana Luigi Antinoro, che insieme all’intero staff della Municipalità di Favignana ha profuso la massima energia per la ottimale riuscita della manifestazione. Sicuramente la “Farfalla” tornerà a volare il prossimo anno, ma si sta valutando l’opportunità di ripetersi già al termine di questa stagione estiva.


04/06/2012 15.30.00 © riproduzione riservata





I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Pendragon Alilaguna conquista la Veleziana 2014

Subito dietro Pendragon il piccolo Illyteca di Marino Quaiat timonato da Adriano Condello, vero outsider di giornata e dominatore della categoria 1. A completare il podio Idrusa Brinmarshop di Paolo Montefusco - ph. Matteo Bertolin

Matteo Miceli: "Mo' torno"

Partenza per il giro del mondo in solitario di Matteo Miceli. Tempo stimato 5 mesi

Iniziano oggi in Argentina i Mondiali Optimist

Tutto il Team azzurro pronto per l'avventura mondiale con Alessandra Sensini per la prima volta team leader di una trasferta Internazionale Optimist - ph. Capizzano

Una Veleziana da record

A poche ore dalla chiusura ufficiale delle iscrizioni della Veleziana 2014 il numero di partecipanti ha raggiunto i 147, che potrebbero ancora aumentare visto che il Comitato Organizzatore ha deciso di accettare anche i ritardatari

Partita la Middle Sea Race: bene le italiane B2 e Amapola

In tempo reale in testa c' il solito Esimit Europa 2 che ha per perso la partenza contro Ran V

Record Atlantico: Giovanni Soldini in lotta con il tempo

A 24 ore dalla partenza da New York, Maserati entrata finalmente nel vento, quando mancano 2470 su 2880 miglia a Lizard Point, estremo lembo occidentale dell'Inghilterra e punto di arrivo del record del nord Atlantico

Volvo Ocean Race: capolavoro tattico di Dongfeng che va al comando

Aria cinese su questa edizione della VOR! Anche se il profumo a bordo prettamente parigino, la barca del dragone sta dimostrando un altro passo rispetto alla concorrenza.

Nord Atlantico: Giovanni Soldini partito per battere un record vero

Giovanni partito alle 00:27:29 GMT di oggi (le 02:27:20 in Italia, le 20:20:20 locali del 17 ottobre) davanti al faro di Ambrose, nella baia di New York

Camboni e Maggetti volano al mondiale giovanile RS:X

Ottime performance dei due giovanissimi atleti italiani Mattia Camboni e Marta Maggetti ai mondiali giovanili di Clearwater (Florida)

Volvo Ocean Race: passato Capo Verde ora l'ostacolo è il "pot au noir"

Per la prima volta dalla partenza della prima tappa della Volvo Ocean Race, ieri la flotta dei sette Volvo Ocean 65 ha preso strade diverse