sabato, 15 dicembre 2018

REGATE

RAN 2018: la regata "secondo Pietro"

ran 2018 la regata quot secondo pietro quot
Pietro Boerio

Ci guardiamo in giro: alla partenza ci sono barche imponenti. C’è My Song di Loro Piana, Mister A e Trilogy due 60 ft con equipaggi ricchi di quotati professionisti. Quanti Golia per il nostro piccolo Pegasus. La regata ha un bel percorso: si passa da Gorgona, Isola del Giglio, Palmarola, nuovamente il Giglio, Porto Cervo, Gorgona e infine Livorno. 604 miglia di scenari e luoghi meravigliosi.

La partenza ritardata ci regala venti leggeri, che ci accompagneranno per oltre metà percorso. Da parte nostra partiamo bene. Pegasus mantiene il passo dei più grandi e si presenta nel primo gruppo a Gorgona. 

Lì la follia. Chiamiamola svista e accompagniamola con l’aggettivo colossale… perché ci dirigiamo direttamente su Porto Cervo, saltando il passaggio al Giglio. La luce si riaccende a 50 miglia da Porto Cervo e, purtroppo, anche a 50 miglia dalla coda della flotta. Ci guardiamo in faccia, io, Francesco e Ruggero, e incominciamo a recuperare posizione su posizione, con una cavalcata fino a Giglio che accorcia di una ventina di miglia il distacco. Verso Palmarola riusciamo a  superare Melagodo ed avvicinare Streap Tease. Ci ritroviamo tutti e tre abbonacciati a qualche miglio dal passaggio del Giglio. Sgattaiolare fuori dalla boa posta a 500 mt dall'isola si è rilevato veramente difficile e decisivo ed infatti Melagodo si è riuscita ad allontanare di una ventina di miglia, mentre recuperiamo sul Tripp42 Strep Tease.

Da qui inizia una difficile percorrenza che alterna sbuffi d'aria a lunghe bonacce. Ma il clima è buono e il morale nuovamente alto. In questo tratto di mare incrociamo anche due balene. Un’emozione sempre grande che però fa saltare il cuore quando una di esse devia a tutta velocità verso la nostra barca e passa sotto il bulbo di pancia. Qualche attimo di panico. Poi i sospiri di sollievo per lo scampato pericolo. Un bicchiere di Porto risulta fondamentale per poter ripartire alla volta di Porto Cervo. Sempre a sbuffetti.

Verso la sera del quarto giorno arriviamo in Sardegna e subito il maestrale ci fa vedere come sono i 35 nodi. Pegasus, con vele ridotte, sembra gioire. L'equipaggio decisamente meno, ma la luna piena non ci lascia nel buio della buriana e, proseguendo di gran lasco, la nostra piccolina vola tra i 10 -13 nodi che è una bellezza. Freddo e adrenalina si mescolano e si tira a tutta manetta. Al mattino sembra fatta. Raggiunto Streap Tease a Capraia, è evidente che ci giochiamo il secondo posto. Sembrava impensabile tre giorni prima in bonaccia e con mare contrario. Passiamo anche Capraia non senza difficoltà e purtroppo le brezze ci portano verso est dove il vento resta instabile e scarsino.

Ma all'ultimo passaggio alla Gorgona scopriamo che Streap Tease è avanti di una trentina di minuti. Mancano solo 15 miglia e va bene così. Un terzo posto certamente meritato, considerando anche il nostro certificato IRC. Come superare lo sconforto? Bicchiere pieno e cena squisita servita al tavolo presso lo YCLivorno. What else? Un grazie alla EtremeWrap, che ha fornito la nuova antivegetativa in wrap 100% ecologica, che dai primi test sembra funzionare molto bene.

 


07/05/2018 14:38:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Ambrogio Beccaria e Geomag campioni di Francia!

Primo italiano a vincere il Campionato francese in solitario in classe serie (Championnat de France Promotion Course au Large), Ambrogio Beccaria, 27 anni, l’8 dicembre scorso Beccaria ha ricevuto la medaglia d’oro presso il Nautic de Paris

Lazio e Campania: allerta meteo sulle zone costiere per domenica 9 dicembre

Previsti anche venti di burrasca nord-occidentali, con raffiche fino a tempesta, sulla Sardegna in estensione a Sicilia e Calabria

Circolo Vela Gargnano: il bilancio del 2018

Gorla e Centomiglia, il ritorno della classe Star, i successi delle squadre giovanili, l'alternanza scuola lavoro, le Università di Brescia e Padova. Il prossimo anno si annuncia un Settembre a tutta vela con le classi Olimpiche e gli equipaggi azzurri

Seatec prepara l'edizione 2019

La collaborazione sempre più stretta, efficace e produttiva tra ICE-Agenzia e CarraraFiere porta a Seatec 60 buyer da 25 paesi e una delegazione di giornalisti esteri da 6 paesi

My Fin vince per il terzo anno il Trofeo Città di Viareggio

I portacolori del Club Nautico Versilia Bresci e Galeassi fanno poker di vittorie di giornata e si aggiudicano anche dell’edizione 2018

Sydney/Hobart: sarà ancora lotta tra Comanche e Wild Oats XI

Il record è di LDV Comanche, che lo scorso anno ha impiegato 1 giorno, 9 ore, 15 minuti e 24 secondi per coprire le 628 miglia del percorso

Ferretti Group sempre al Top della nautica mondiale

Con 91 progetti (+ 4,6% vs 2018) e 2.952 metri di barche sopra i 24 metri (+ 6,9 vs 2018), il Gruppo si conferma al secondo posto sul mercato della nautica d’eccellenza a livello mondiale nel Global Order Book 2019

Conclusa la Imperia Winter Regatta

Imperia Winter Regatta per le classi 420 e 470: i fratelli Caldari si impongono nei 420 open; Frascari-Lanzetta tra le femmine, mentre il podio dell’olimpica 470 è appannaggio straniero con la vittoria tedesca di Winkel-Cipra

Varese: aperte le iscrizioni al 6° Convegno di Barche d’Epoca

Sabato 26 gennaio 2019, presso il prestigioso Palace Grand Hotel di Varese, a soli 40 minuti da Milano e a poca distanza dalla Svizzera e dai Laghi Maggiore e di Como, si terrà la sesta edizione di “Tra Legno e Acqua”

Optimist: presentato al Savoia il Trofeo Campobasso

Il Reale Yacht Club Canottieri Savoia organizza, dal 3 al 5 gennaio 2019, la 26esima edizione del Trofeo Marcello Campobasso, regata velica internazionale voluta dalla Federazione Italiana Vela

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci