martedí, 17 ottobre 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

volvo ocean race    porti    vele storiche    altura    j24    classi olimpiche    nautica    minitransat    guardia di finanza    gc32    windsurf    regate    soling    trophy    melges 40   

TP52

Quantum che forza, Azzurra a metà

quantum che forza azzurra met 224
redazione

Il Campionato del Mondo, quarta tappa delle 52 SUPER SERIES prende il via come da programma, alle 12.30 arriva il primo segnale, una bella brezza tra i 14 e 16 nodi d’intensità accoglie i dodici team in gara. La situazione del vento è abbastanza instabile, si sente nelle radio del Comitato di Regata la parola “shifty”. Lo start premia Sorcha, Rán Racing è in mezzo all’allineamento insieme a Provezza, ottima partenza per Phoenix, i più lenti sono Quantum e Alegre, ma è solo l’inizio. Un bel salto nel primo lato di bolina favorisce Gladiator, Azzurra e Alegre, una bella rimonta per questo terzetto. Infatti è proprio Gladiator che gira in testa alla prima bolina, a seguire Paprec, Alegre, Provezza e Azzurra. Fa un certo effetto vedere Quantum attardato. Una bella poppa veloce con questo vento è uno spettacolo. La flotta è molto compatta, al gate Gladiator è tallonato da Paprec, Azzurra, Provezza e Sled sono vicinissimi. Vedere due outsider in testa fa un certo effetto. Basta una bolina per rimettere a posto le gerarchie, Azzurra va come un treno, gira in testa alla seconda boa di bolina, Quantum la segue a vista in seconda posizione, Paprec mantiene un dignitoso terzo posto seguito da Alegre e Gladiator che ha perso la leadership. L’aria sembra calare un pò, Azzurra va verso la vittoria di questa prima prova, buon auspicio per il team che detiene il titolo conquistato a Puerto Portals lo scorso anno. E’ una bella battaglia per la seconda piazza, Azzurra vince davanti a Quantum, seguito da Paprec, Gladiator, Platoon, Provezza, Alegre, Bronenosec, Rán Racing, Phoenix, Sled e Sorcha.

Da programma oggi sono previste due regate a bastone, la seconda arriva con un vento in crescita intorno ai 16 nodi ed onda formata. Duello in partenza per Azzurra e Quantum, il pin fa gola a tutti in questo momento, Bronenosec deve rientrare, è Provezza il migliore in velocità e posizione. La barca turca vira presto e passa davanti a tutti, ad Azzurra manca un pò di velocità quando il vento sale. Alla boa, Provezza e Rán Racing aumentano il gap con il resto della flotta, Sorcha, Alegre e Quantum cercano di colmare il distacco. Sled si prende una penalità, Azzurra purtroppo subisce la veemenza degli americani che giocano un brutto scherzo alla barca italiana. E’ una bella battaglia, Rán Racing aumenta il suo vantaggio al gate, Platoon è secondo, Quantum è terzo. Phoenix “va a pesca”, Sorcha ha problemi con il gennaker, le sbavature si pagano a fine corsa. Il vento sale di intensità, siamo a venti nodi, Rán Racing manovra bene e va libero anche all’ultimo passaggio, seguito da Quantum. Le barche iniziano la planata verso l’arrivo, punte di 18.5 nodi di velocità, è un “bell’andare”. E’ caccia aperta, Quantum insiste su Rán Racing, il duello all’ultima strambata vede vincere gli americani al photofinish!! Terry Hutchison è un maestro nelle chiamate, Ed Baird completa il lavoro. Quantum con un secondo ed un primo posto si prende di prepotenza la testa della classifica generale di questa prima giornata. Secondo posto per Rán, seguito da Platoon, Gladiator, Alegre, Sorcha, Provezza, Bronenosec, Phoenix, Azzurra, Sled e Paprec.

Azzurra, tra la rottura del piedistallo della colonnina del grinder con conseguenti difficoltà nelle strambate (e con questo vento poi), una rottura del gennaker e un duello scorretto da parte di Sled non può che recriminare per questo secondo round perso nei confronti degli americani dominati nella prima prova. Domani è un altro giorno, ci aspettiamo una risposta dalla barca italiana. Bronenosec delude con due ottavi posti, la barca russa dal “cuore azzurro” dovrà cercare di porre rimedio a questa posizione che non sta nelle sue corde. Platoon e Gladiator si trovano sul podio un pò per loro merito, un pò per le difficoltà incontrare dagli altri team potenzialmente da “zona medaglie”.

Ed Baird (USA), skipper-timoniere di Quantum Racing (USA):

“Io non ha fatto un buon lavoro oggi sulla linea di partenza. Ma la squadra ha veramente radunato tutte le forze, ha lavorato benissimo e le chiamate tattiche di Terry sono state veramente geniali. Lui ha preso delle posizioni importanti durante le regate, ha dato del filo da torcere a tutti. Ci sono molti team in grado di fare bene qui a Minorca, non basta fare solo una buona partenza per raggiungere il risultato. Oggi è stato il nostro giorno migliore.”

Vasco Vascotto (ITA), tattico di Azzurra (ITA):

“Giornata difficile, sopratutto per la seconda prova. Nella prima regata abbiamo fatto tutto bene direi, vincendo con merito. Nella seconda, siamo partiti bene ma siamo stati lenti nella bolina, cosa che invece non è successa nella prima dove siamo stati più veloci. Abbiamo qualcosa che non funziona quando aumenta il vento, poi abbiamo rotto il piedistallo del grinder, quindi le strambate non venivano. Nella boa di bolina Sled ci ha massacrato la regata, ci ha lasciato fuori dai giochi, buttandosi dentro in boa, poi abbiamo rotto lo spinnaker, speriamo di aver chiuso con il repertorio di sfortune. Domani cercheremo di essere con la convinzione che possiamo giocarcela.”

Francesco Mongelli (ITA), navigatore di Bronenosec (RUS):

“E’ stata una giornata difficile perchè siamo partiti male due volte, poi abbiamo recuperato non quanto avremmo potuto perchè conosciamo bene le nostre potenzialità. E’ stata una giornata dura, adesso stiamo cercando di capire quali sono i punti su cui dobbiamo lavorare per domani, siamo fiduciosi perchè stiamo facendo le cose giuste, bisogna concretizzare un pò e migliorare da questa fase iniziale non proprio brillante.”

Matteo Auguadro (ITA) prodiere di Alegre (GBR):

“E’ stata una giornata impegnativa, sopratutto nella seconda regata con molta onda e vento molto rafficato. Non siamo partiti male, il problema è che non abbiamo mai brillato nella velocità della barca, comunque siamo a metà classifica e non possiamo lamentarci. Si è vista un pò di ruggine in alcune manovre anche degli altri team, era un pò di tempo che non regatavamo con venti nodi e questo può avere influito nella conduzione di queste imbarcazioni molto perfomanti.”

Come da programma, domani, giovedì 15 settembre alle ore 12.30 il Comitato di Regata darà il via alle procedure di partenza. Le regate potranno essere seguite attraverso il Virtual Eye con commento in inglese sul sito www.52SUPERSERIES.come nella nostra App 52 SUPER SERIES.

 


Classifica della prima giornata del 52 World Championship Menorca 2016
1. Quantum Racing, USA (Doug DeVos USA) (2,1) 3 pts
2. Platoon, GER (Harm Müller-Spreer GER) (5,3) 8 pts
3. Gladiator, GBR (Tony Langley GBR) (4,4) 8 pts
4. Azzurra, ITA (Pablo/Alberto Roemmers ARG) (1,10) 11 pts
5. Rán Racing, SWE (Niklas Zennström SWE) (9,2) 11 pts
6. Alegre, GBR (Andrés Soriano USA) (7,5) 12 pts
7. Provezza, TUR (Ergin Imre TUR) (6,7) 13 pts
8. Paprec FRA (Jean-Luc Petithuguenin FRA) (3,DNF13) 16 pts
9. Bronenosec, RUS (Vladimir Liubomirov RUS) (8,8) 16 pts
10. Sorcha GBR (Peter Harrison GBR) (12,6) 18 pts
11. Phoenix, USA (Richard Cohen USA) (10,9) 19 pts
12. Sled, USA (Takashi Okura JPN) (11,11) 22 pts

 


14/09/2016 22:28:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Fincantieri consegna gli ultimi due OPV alla Guardia Costiera Del Bangladesh

“Urania” e “Danaide” dismesse dalla Marina Militare sono state convertite

Mini Transat: Lipinski il migliore. Buona la prova di Beccaria ed "intrigante" la velocità di Fornaro

Vincono Ian Lipinski tra i Proto e Valentin Gautier tra i Serie. Beccaria 6° nei Serie e Fornaro 16° nei Proto per una scelta tattica eccentrica ma con un'ottima velocità media

Iniziativa di BCsicilia per ricordare i naufraghi della Loreto

La nave degli schiavi affondata a Isola delle Femmine

Germania sul podio con Ungheria e Italia

Gli azzurri di ITA 212 Puthod-Benedetti-Kostner del Circolo Vela Bellano, i quali nonostante avessero iniziato alla grande con due primi posti nelle prime due regate di venerdì, alla fine hanno ceduto agli avversari

A Serenity e Strale la Coppa A.I.V.E. dell’Adriatico 2017

Entrambe le imbarcazioni hanno bissato il successo già ottenuto nel 2016

Sul Garda la 65° Regata dell'Odio tra Salò e Gargnano

Star Fighter-Docktrime” e l’ufetto “Escopazzo” i primi sul Garda nel 65° Trofeo dell’Odio-3 Campanili

Conftrasporto, porti: bene la riforma ma troppa burocrazia

Secondo il presidente di Conftrasporto Uggè, in Italia, nonostante le possibilità operative offerte dal nuova legge, "c'è ancora troppa burocrazia e tutto ciò sta producendo un rallentamento complessivo nel traffico merci"

Spirit of Portopiccolo e Ca' Sagredo Hotel conquistano la Venice Hospitality Challenge 2017

Spirit of Portopiccolo continua infatti a conservare e incrementare la propria imbattibilità inanellando il terzo successo consecutivo dopo le vittorie al Trofeo Bernetti e alla Barcolana

Spagna pigliatutto al The Nations Trophy

Bene l'Italia al secondo posto nella classifica per nazioni e sul podio di tutti e tre i campionati

La Germania allunga il passo nella classifica per nazioni del The Nations Trophy

La Spagna continua a guidare la classifica del The Nations Trophy, a un solo giorno dal termine dell'evento.

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci