sabato, 20 ottobre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

match race    vele d'epoca    kite    vela    melges 32    cnsm    circoli velici    campionati invernali    veleziana    star    vela paralimpica    ambiente    melges 24    porti    invernali    soldini   

52 SUPER SERIES

Provezza sceglie la rotta perfetta per il podio

provezza sceglie la rotta perfetta per il podio
redazione

“Sarà difficile finire tra i primi cinque in questa stagione! Allo stesso modo, è ancora più difficile prevedere chi finirà nei primi cinque”, dice Nacho Postigo, il mago navigatore che naviga su Provezza, che conosce la flotta TP52 meglio di chiunque altro essendo stato uno dei principali promotori nel far decollare la classe nel Mediterraneo circa 13 anni fa, Postigo, a Palma nel progetto Porvezza, è stato costantemente coinvolto da allora. È visibilmente eccitato alla prospettiva della prossima stagione delle 52 SUPER SERIES anche se non è in grado di valutare dove Provezza potrebbe finire.
Il team turco di Ergin Imre ha mostrato di essere una grande promessa la scorsa stagione. Peter Holmberg al timone a Key West, ha messo il team già in condizione di vincere la loro prima regata, non riuscendo però nella vittoria di tappa. A Porto Cervo, sono stati momentaneamente in testa alla classifica generale. A luglio, a Puerto Portals, Provezza ha conquistato una incredibile prima vittoria di tappa, un grande successo per il team di Imre. Una stagione da incorniciare con il quarto posto assoluto nella stagione dietro a Quantum Racing, Platoon e ai vincitori del titolo di Azzurra.
Quando è stato chiaro che diversi armatori stavano costruendo nuove barche per la stagione 2018, Imre non si è tirato indietro nel suo impegno per assicurarsi che la sua squadra fosse equipaggiata per vincere, ed è stato commissionato un nuovo scafo design by Vrolijk. Il nuovo Provezza è in costruzione in Italia, uno dei tre TP52 attualmente in fase di completamento nei cantieri Persico, uno dei due progetti Vrolijk tra i nove nuovi modelli. La costruzione è gestita dal trimmer della randa di Provezza, Chris Hosking, che sta costruendo il suo settimo TP52 dopo Illbruck, tre Artemis, Rán Racing e il Provezza 2015 progettato da Vrolijk.
Sempre entusiasta e appassionato, Imre ha voluto un debrief completo della scorsa stagione, parlando dell’ottimo, il buono, il cattivo e il brutto. Piuttosto che in un ufficio, un rifugio di montagna o una villa sul mare, ha portato tutti nella nei cantieri Persico. Godere della motivazione di vedere la nuova barca in costruzione farà molto. Il responsabile del progetto e il tattico Tony Rey che ci spiega:
“L’intero team era da Persico circa un mese fa, Ergin ci ha fatti volare dappertutto e abbiamo avuto degli incontri davvero produttivi per il team: vedere tutti i componenti distesi sul pavimento e vedere come è la barca, è stato davvero bello. Non l’ho mai fatto prima d’oggi, è stato bello essere nell’ambiente dove nascerà la barca e ci si guadagna molto di più in quel modo per tutti, piuttosto che su Skype o via e-mail.
Abbiamo letteralmente messo tutto in tavola, messo su carta, programmando quello che c’è da fare e così questo è il nostro programma per ogni giorno, da come il coaching funzionerà, al nostro programma velico, ai nostri partner di allenamento. Abbiamo lavorato su tutti i diversi dettagli.”
Le conclusioni sono state molte e varie, ma sono state sufficienti per migliorare la loro coerenza e, auspicabilmente, salire sul podio nella classifica generale. È interessante notare che sia Hosking che Rey indicano le barche Vrolijk per il 2018, come quelle che cercheranno di essere più facili e più ‘user friendly’ da condurre. Hosking è convinto che il nuovo design Vrolijk sarà “un’arma”. Logicamente, con sette nuovi modelli Botín e due Vroljk c’è una buona possibilità che se c’è un vantaggio intrinseco del design, non tutti lo avranno.
Vrolijk ha messo molto su queste barche, ma questa volta devono davvero essere vincenti e per loro molto dipende da come andranno queste barche quest’anno”, osserva Hosking.
“Stiamo cercando di lavorare su due dozzine di piccole cose”, sottolinea Rey, “sono solo alcune piccole cose: analizziamo ogni gara, ogni regata per tutta la stagione e guardiamo dove eravamo deboli e dove pensavamo di essere. Con nove nuove barche e un paio di nuovi team di nuoca creazione, ci sono i due Vrolijk e sette nuovi modelli Botín, e per me si sono incrociati in termini di prestazioni sopravento e sottovento: i Botín sembrano più Vrolijk e i Vrolijk sembrano più Botin, ma non lo sappiamo davvero!“
Rey ridacchia.
“Questo è solo guardando le forme e guardando le immagini e le cose su Facebook, cos’altro puoi fare in inverno? Guardiamo le prestazioni teoriche, ma ovviamente alla fine è tutto teorico. È un po ‘come la differenza tra la previsione e il tempo.”
Abbiamo avuto un brief chiaro e definito con l’ufficio di progettazione di Vrolijk, anche se gli stessi obiettivi erano validi per la maggior parte dei team.” Punti salienti per Rey:
“È come direbbero tutti: ‘Vogliamo andare di bolina e tenere la nostra velocità in partenza molto alta. L’ultima barca è stata modellata troppo rapida per la poppa e non abbastanza per bolina, cosa che ha reso più difficile per noi partire rapidi sulla linea di partenza e quindi abbiamo aggiunto più rake al rig e ribilanciato un po’ il tutto, speriamo che le barche abbiano un buon punto di equilibrio fuori dalla linea. E’ un punto chiaro, quello che voglio è che le barche non siano più veloci ma che siano più reattive – il che significa che è più facile schierarsi e andare via. Le ultime barche di Botín avevano i loro punti deboli ma alla fine erano più facili da condurre, da navigare, da schierare, ed essere proprio lì al momento giusto.”
Riguardo il punto di equilibrio, Rey sottolinea che quel dettaglio, la “capacità di tweak” rimane una grande attrazione per la classe e il design nella regola “boxe rules”, ma la facilità di chiusura in una corsia è vitale:
“Vogliamo concentrarci sulle regate difficili e non concentrarci sul perché la barca si sente così e così.” L’ultima volta le barche erano un po ‘scontrose in certe condizioni ma eravamo più veloci di altre. Stiamo solo perfezionando gli strumenti? Non è una cosa di sistemi, stiamo sempre cercando di modificare, è quello che facciamo ogni giorno. Stiamo andando a perfezionare le forme delle vele e il peso dell’equipaggio sulla barca, e ogni sorta di cose del genere, fino a quando non verremo buttati giù dalla barca di notte!”
Nel ruolo dell’allenatore, John Cutler, velista con alle spalle l’America’s Cup e una medaglia di bronzo nel finn.
“Sta assumendo ancora di più la leadership della squadra, è grandioso, è una vera esperienza, è una risorsa molto più grande di quanto si pensi, non è solo seduto “in carrozza”, ma sono le conversazioni a colazione e sono le conversazioni che sulla barca, sono le piccole cose, John è così bravo con le piccole cose”.
Alla luce del successo del programma di tre imbarcazioni Quantum Racing, i team stanno mettendo in comune le informazioni e pianificando di collaborare.
“Stiamo facendo un po ‘di programma condiviso con Sled e Alegre prima dell’inizio delle regate, e poi, non proprio condivisione dei dati, ma un po’ di” chat di impressioni “per essere d’accordo.
Per me, l’attitudine è che siamo una barca molto open, stiamo solo cercando di imparare e se vediamo cosa hanno, e vedono cosa abbiamo, tocca a tutti noi imparare da tutti, questo è il nostro atteggiamento.”
Il project manager di Provezza sta già godendo per l’arrivo della prossima stagione.
“Un anno fa, se mi avessi detto che quest’anno ci sarebbero state nove nuove barche, non ti avrei creduto, un po ‘scoraggiante e intimidatorio, ma abbiamo alcuni nuovi fantastici velisti e programmi in arrivo. Il programma di Provezza è quello di avere un certo modo di fare le cose, e questo non cambierà, ci divertiremo ancora, saremo svegli fino a tardi la sera e ci alzeremo presto la mattina e godremo delle belle regate, questa è la strada di Ergin e questo è il modo in cui rimarrà, è brillante, è positivo, è concentrato sul lavoro e per un vincitore allargare la sua famiglia al suo team di vela è fantastico, spargeremmo il sangue per Ergin! “
Ma anche se Provezza ha avuto la sua quota di successi, anche loro sono stati perseguitati da finali molto deludenti per la stagione – soprattutto nel 2016 – dove hanno perso la vittoria di una regata all’ultimo secondo, Rey e il team hanno lavorato duramente per affrontare queste nuvole scure:
“Non puoi lasciare che le cattive sensazioni siedano con te, devi girare la pagina e imparare dagli errori che hai commesso”, ma ammette: “Sicuramente ti svegli alle tre del mattino a febbraio e pensi” E se avessi fatto in quel modo piuttosto che nell’altro, ma questa è la vita, questa è la vela, è lo sport.”
L’intero equipaggio abbraccia la storia e la filosofia turca della squadra, Imre ha amici e marinai che sono con lui da 30 anni e l’intero equipaggio condivide il piacere che questo porta nel gruppo.
“È bello che mantengano le loro radici turche e sarebbe un peccato cambiarlo da quello che è, non sarebbe lo stesso.
Ogni armatore qui a questo livello di sport vuole una cosa: è vincere, vogliono salire sul podio e vogliono avere quel trofeo, ma c’è un’altra cosa che tutti vogliono, è fare tutto al meglio, vogliamo che le cose succedano, e tutti lo vogliono senza fare eccezioni.
La nuova Provezza segue un calendario e un percorso leggermente diverso per la partenza della stagione, e non regaterà a PalmaVela, ma salperà ad Ancona, in Italia, prima di dirigersi in Croazia per il primo evento delle 52 SUPER SERIES: la Sibenik 52 SUPER SERIES Sailing Week, Dal 23 al 27 maggio.
“La barca andrà in acqua il 2 maggio alle 8 del mattino”, conferma Rey.
“Abbiamo deciso di adottare un approccio diverso, eliminare la pressione dal lato della costruzione perché la struttura di Persico è una macchina rodata, lavorano in modo veloce e funzionale, quindi abbiamo cambiato un po ‘il nostro stile, andremo ad Ancona, questa è la migliore location per Persico, salperemo da soli, qualsiasi altra squadra è la benvenuta per venire con noi e questo sarà all’inizio di maggio, sarebbe troppo fare PalmaVela, e siamo troppo preoccupati di fare affidamento sugli orari di altre persone e sulla costruzione di barche e impianti e cose del genere, ma Ancona funziona benissimo, è un buon posto ed è ragionevolmente economico, e quindi possiamo prendere rapidamente la barca per attraversa l’Adriatico verso la Croazia, questo è il nostro piano e vedremo se funziona!”


28/03/2018 21:08:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Barcolana: nella lotta tra ex la spunta Morning Glory (Spirit of Portopiccolo)

Vince Spirit of Portopiccolo, ovvero l'ex Morning Glory costruita nel 2006, davanti a CQS Tempus Fugit, ex Nicorette un 29,76 metri del 2004 e all'ex Maxi Iena Way of Live

Elements Race: Cagliari ospiterà la 3a edizione

Dopo le prime edizioni organizzate nell'Arcipelago della Maddalena, la manifestazione che unisce Vela e Off Road si sposta nel Sud della Sardegna, a Cagliari, con nuove rotte e a bordo dei GIRO 34

Olimpiadi Giovanili: arriva un altro oro con Sofia Tomasoni

Sofia Tomasoni (CV Windsurfing Club Cagliari) è la prima Campionessa Olimpica Giovanile della classe Kiteboard Twin Tip Racing femminile

Muore Ian Kiernan, l'uomo della "Mission Impossible" di pulire il Mondo

E’ morto a 78 anni portato via da un cancro un grande uomo, Ian Kiernan, velista ed ecologista, che si era dato il compito di “pulire il mondo”

Parte domenica l'Autunnale Peloritano

Prende il via domenica 21 il Campionato Autunnale Peloritano al Marina di Capo d'Orlando che riapre le sue braccia, ovvero le su banchine, ai velisti dopo il successo del Vela Cup del mese scorso

Una "Mare e Monti" per Giovanni Soldini

Giovanni Soldini e l'alpinista Hervé Barmasse faranno insieme una serie di traversate e di scalate con lo scopo di confrontare due mondi così diversi.

Garda: il Trofeo dell'Odio a Diavolasso

“Diavolasso” della scuderia velica “Ac&e-Sicurplanet” con lo skipper veronese Andrea Farina (Cn Brenzone) ha vinto la 66° edizione e del Trofeo dell’Odio, classica autunnale del Circolo Vela Gargnano.

Caorle: la stagione della vela chiude con La Cinquanta

Il 27 e 28 ottobre ultimo appuntamento con l’altura a Caorle

Viareggio, arriva in porto la flotta delle vele d’epoca

Oltre 60 barche a vela d’epoca e circa 500 membri di equipaggio stanno convergendo a Viareggio dove dal 18 al 21 ottobre si svolgerà la XIV edizione del Raduno Vele Storiche Viareggio

Melges 32 a Cagliari per giocarsi il Mondiale

Diciotto i team al via in rappresentanza di 8 Nazioni (Russia, Germania, Giappone, Norvegia, Principato di Monaco, Svizzera, Polonia, Italia) per un Campionato del Mondo assolutamemte aperto

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci