lunedí, 24 novembre 2014

PLATU25

Platu 25: anche Brindisi si candida per il mondiale

platu 25 anche brindisi si candida per il mondiale
red

VELA - Una stagione d'oro, quella della Classe Italiana, che si riassume nei successi di EuzII, armata da Francesco Lanera, laureato Campione del Mondo a maggio, con la conferma del titolo tricolore arrivata con il Campionato Nazionale che si è svolto a Senigallia, dal 14 al 17 luglio. Il podio del Campionato Italiano Platu25 ha visto sul primo gradino EuzII, poi Vis e terza Five for Fighting.

"Ritengo di essere portavoce di tutti nel giudicare il Campionato Nazionale di Senigallia un risultato positivo, senza problemi di sorta sia dal punto organizzativo che delle regate" è il commento di Roberto Puccetti, segretario della Classe Platu25 Italiana "Quando c'è un'attività operativa concreta e gli armatori sono soddisfatti della riuscita degli eventi, la classe cresce. A questo va aggiunto che un Mondiale vinto aumenta il prestigio internazionale che la Classe Italiana può capitalizzare facendo buona pubblicità. Questo deve invogliare nuovi armatori e soprattutto le nuove leve a cimentarsi in questa specialità che è molto divertente, tecnica e sicura allo stesso tempo La qualità delle regate disputate in questa settimana dimostra la crescita di livello ottenuta e spiega perché siamo i più bravi del mondo".

E questo merito va tutto al grande "talento da scout" di Francesco Lanera, che è riuscito a portare sulla sua EuzII Monella Vagabonda il giusto team per confermare la vittoria "è un anno incredibile" dice Francesco "una stagione eccezionale, irripetibile" e quando gli chiediamo se c'è un segreto, la risposta è che "la scaramanzia, nel nostro sport, conta più del vento, ci siamo rimessi quelle luride maglie gialle, non le abbiamo più tolte, visto che il secondo giorno con le maglie verdi abbiamo fatto il peggior risultato, un nono, un terzo ed un secondo, siamo tornati alla gialla fino a ieri".
Lanera ha cambiato la composizione del team, per questo appuntamento con i migliori della classe italiana, ed ha nuovamente centrato l'obiettivo "al timone abbiamo avuto Jacopo La Cerra, con cui abbiamo fatto tutta la stagione 2010, poi Paolo Montefusco alla tattica. Per me la prima volta che andavo in barca con Paolo, capisco perché insieme lui ed il fratello hanno fatto tante cose egregie, sono bravi bravi. Poi a prua Andrea Quartulli, fortissimo sulle barche d'altura, si è dimostrato altrettanto bravo nella monotipia. Poi c'eravamo noi, i due reduci dal mondiale, Corrado Capace Muratolo ed io
".

La competizione accesa è stata il sale di questo appuntamento agonistico, che da subito ha individuato i candidati al titolo. "Vis è quella che ci ha dato più filo da torcere, timonata da Antonello Ciabatti, timoniere molto forte, che sta nel giro da tanti anni, anche l'anno scorso aveva fatto bene all'italiano di S.stefano. Abbiamo vinto noi perché siamo stati più costanti di lui, e tranne la partenza sbagliata che ci è costata il nono posto, per il resto non abbiamo sbagliato nulla"
Lo scarto fra primo e secondo è stato solo di 4 punti "noi regatavamo su di loro, e loro su di noi, è stata una sorta di match race, fino alla fine, il terzo giorno abbiamo alternato le vittorie, ci siamo appaiati. Nell'ultimo giorno poi abbiamo temuto, sempre per scaramanzia! abbiamo fatto due partenze splendide, ma le prove sono state annullate. Per fortuna anche la terza partenza, risultata poi valida, è andata benissimo, ed abbiamo vinto".

L'Italia Campione del Mondo fa progetti per il futuro "Abbiamo candidato Brindisi a location per il Mondiale. Per me averlo a Brindisi significherebbe rivitalizzare la classe in zona, e a Brindisi c'è un circolo importante, che ha già organizzato diversi mondiali, fra cui Mondiale ORC".
L'Italia porta anche la candidatura di Cala dei Medici che ha già ospitato altri eventi internazionali quali, fra l'altro, il Campionato Europeo Etchells (29 Ottobre- 1 Novembre) e sarà la sede del Mondiale Etchells 2013.


19/07/2011 10.11.00 © riproduzione riservata





I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

MSC Armonia: più lunga e più bella dopo la cura Fincantieri

I lavori hanno previsto l’inserimento al centro dello scafo della nave di un nuovo troncone, varato alla fine del mese di luglio, ottenendo in questo modo circa 200 nuove cabine

Route du Rhum: la ricetta di zia Anne per cucinare Andrea Mura

Anne Caseneuve è la terza donna a vincere questa difficile corsa in solitario dopo Florence Arthaud (24 anni fa) e Ellen MacArthur (12 anni fa)

Invernale Riva di Traiano: video colllisione Milu - Costellation

Riva di Traiano, 1a giornata del Campionato Invernale Trofeo Paolo Venanzangeli. Collisione Milu - Costellation

Guardia Costiera: il filmato dei salvataggi di oggi in acque libiche

Le segnalazioni sono giunte alla Centrale Operativa di Roma tramite telefonate satellitari che indicavano la presenza in acque S.A.R. libiche di 11 unità con a bordo migranti in difficoltà - il filmato dell'operazione

VOR: condizioni "orrende" nella prima notte di regata

Per rischio cicloni stabilita una ulteriore zona di esclusione alla navigazione nel tratto verso l'arcipelago delle Seychelles

Route du Rhum: Pedote rallenta e poi riparte

Un nuovo problema (risolto) per Giancarlo Pedote e Fantastica in corsa verso Guadalupe. Il racconto di Giancarlo Pedote dall'Oceano

Route du Rhum: avaria al sistema di comunicazione satellitare di Giancarlo Pedote

Il nuovo imprevisto rende più difficile per Giancarlo Pedote e il Class 40 Fantastica di Lanfranco Cirillo affrontare le ultime 350 miglia

(Dai team) VOR: il Team SCA si prepara per la partenza della seconda tappa

Allenamento fisico, riposo e corretta alimentazione per le ragazze del Team SCA, in preparazione alla navigazione da Città del Capo ad Abu Dhabi. Si parte mercoledì 19 novembre alle ore 18:00

Andrea Mura: piedi in Guadalupa, testa al Vendée Globe

Qualche battuta tra Andrea Mura e i giornalisti in banchina. Questa Route du Rhum è già alle spalle. Il pensiero corre al Vendée Globe.

Route du Rhum: secondo posto in classe Rhum per Andrea Mura

Una corsa contraddistinta da una splendida rincorsa: Mura, scivolato al quinto posto, ha coraggiosamente e inesorabilmente risalito le posizioni fino al secondo posto assoluto finale e primo dei monoscafi