giovedí, 29 giugno 2017

PALERMO-MONTECARLO

Partita la Palermo-Montecarlo

partita la palermo montecarlo
redazione

E’ scattata alle 12.00 nelle acque del Golfo di Mondello, di fronte alla sede del Circolo della Vela Sicilia (organizzatore della regata insieme allo Yacht Club de Monaco) la Palermo-Montecarlo con un’edizione record di barche iscritte: 59 (ma 57 i partenti effettivi) provenienti da 11 nazioni: Italia, Stati Uniti, Francia, Monaco, Germania, Spagna, Gran Bretagna, Malta Turchia, Russia e Ungheria. Gli scafi come da consuetudine sono stati fatti partire dal Regatta Director Alfredo Ricci tutti insieme. Al momento della partenza, nelle acque di Palermo soffiava una leggera brezza, solo 7/8 nodi da levante.

Come da pronostico, l’americana Rumbler in poco tempo ha preso la testa della flotta: l’armatore newyorkese George David ha affidato a Brad Butterworth e ad un equipaggio di 20 campioni di Coppa America e Giri del Mondo (tra cui gli italiani Lorenzo Mazza e Silvio Arrivabene) il compito di far correre al massimo lo scafo. Obiettivo è battere il record di 47 ore, 46 minuti e 48 secondi stabilito nel 2015 da Esimit Europa 2.

Rambler 88, una delle barche più veloci al mondo, è un progetto hi-tech realizzato interamente in carbonio, dotato di canting keel (chiglia basculante), derive con foil e un albero alto 41 metri. Butterworth & co. dovranno però fare i conti con il vento che, almeno fino al “cancello” di Porto Cervo, è previsto leggero. Da lì in poi i giochi si dovrebbero riaprire, data l’incertezza meteo attuale.

 

SEI MAXI YACHT E L’INTERNATIONAL MAXI ASSOCIATION

A dar filo da torcere a Rambler ci sono altri 5 Maxi yacht tra i 18 e i 24 metri: OZ/Nl, Weddel/Rus, Arctic Energy/Rus, Junoplano/It, Stupefy/It e Buena Vista/It. Quest’ottimo risultato è la conseguenza del fatto che da settembre 2015 la Palermo-Montecarlo fa parte dell'IMA (International Maxi Association) ed è stata quindi inserita nel circuito offshore per i grandi Maxi yacht, che include anche la Rolex Middle Sea Race, la Volcano Race e la Giraglia Rolex Cup.

 

SFIDA NELLA SFIDA

Buena Vista (ICE 62) è lo scafo del Circolo della Vela Sicilia, scelto per difendere il titolo assoluto conquistato nel 2015. A bordo un equipaggio misto di velisti baresi e di giovani della squadra agonistica del circolo palermitano, tra cui Edoardo Bonanno, Gabriele Coffaro, Antonio Saporito, Mainaldo Maneschi e Domi Aiello, che affiancano gli armatori baresi Gigi e Beppe Pannerale e lo skipper Alberto La Tegola, ex-velista di classi olimpiche, oggi presidente del Comitato regionale VIII Zona (Puglia). Lo Yacht Club de Monaco risponde con Majic, J111 portato da Jacopo Carrain e da giovani atleti della scuola vela dello YCM in affiancamento agli esperti Pietro D'Alì, Enrico Zennaro e Giuseppe Leonardi.

 

 

 

DA TENERE D’OCCHIO

Le 500 miglia della Palermo-Montecarlo mettono in palio 2 trofei: il Trofeo Angelo Randazzo al vincitore in tempo compensato della categoria più numerosa e il Trofeo Giuseppe Tasca d’Almerita per il primo classificato in tempo reale. Inoltre, assegnando punteggio doppio, la PA-MC deciderà la classifica del Campionato Italiano Offshore, che vede in testa Lisa, Scricca e Be Wild. A contendersi i trofei della PA-MC ci sono altri team internazionali ambiziosi: Maverick (Infiniti 46, GBR), Black Betty (VO70, TUR) e Alizée (prototipo francese di 15 metri). Tra gli italiani più competitivi: il Grand Soleil 40 Alvarosky di Francesco Siculiana (Presidente UVAI) e Extra 1 di Massimo Barranco con l’ex-olimpionico Matteo Ivaldi (vincitore della PA-MC 2015). Chiudono la lista i campioni italiani 2016 Be Wild (Swan 42 di Renzo Grottesi, vincitore anche della PA-MC 2014) e Sagola di Peppe Fornich (Grand Soleil 37 ).

Menzioni speciali meritano due scafi che portano alla regata forti messaggi sociali e hanno creato una sfida diretta: Blitz, la barca della Lega Navale di Palermo con a bordo velisti diversamente abili (fedelissimi della regata) e Gwaihr - Diversamente Marinai. Per finire, Damacle, portavoce del messaggio per sensibilizzare al problema delle vittime della strada.

 

LUNATIKA E’ LA BARCA DA BATTERE NELLA PALERMO-MONTECARLO “x 2”

La regata rappresenta anche il momento clou della stagione per chi gareggia nella “x 2”, riservata ad equipaggi con due soli velisti (10 gli iscritti in questa categoria). La barca da battere è Lunatika (Sun Fast 3600) di Stefano Chiarotti in coppia con Giancarlo Pedote (tra i più forti navigatori oceanici italiani); loro diretto avversario per vincere il Campionato italiano offshore 2016 è Bora First di Piercarlo Antonelli.

 

LE ISTITUZIONI

La Palermo-Montecarlo ha il sostegno delle istituzioni più importanti della Sicilia, a partire dal Comune di Palermo e il suo sindaco Leoluca Orlando. Fondamentale anche il supporto dell’Assessore del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo della Regione Sicilia, Anthony Barbagallo, che ha inserito la regata nel progetto Mibact.

 

Ph credit: Andrea Carloni/CVS.


21/08/2016 18:50:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

36ma America's Cup: è Luna Rossa il Challenger of Record

Il Royal New Zealand Yacht Squadron accetta la sfida del Circolo della Vela Sicilia, che sarà il Challenger of Record della XXXVI America's Cup

VIDEO: America's Cup: pedalando verso il traguardo

6 a 1 di New Zealand su Oracle incrociando le dita dopo il 9 a 8 di San Francisco

Silvia Zennaro sale in prima posizione nella terza giornata di regata a Kiel

Carolina Albano (CV Muggia) scende in 16° posizione a causa dei tre 14° posti di oggi e Valentina Balbi (YCI) scende anche lei in classifica e ora occupa la 23° posizione

“Vento in poppa" per il Valtur Tanka, sponsor del GC32 Racing Tour

“Siamo orgogliosi di partecipare, in qualità di sponsor, ad un evento così prestigioso. Se la competizione in mare è il cuore di questo evento, l’ospitalità diventa, con Valtur, il valore aggiunto offerto a tutti coloro che partecipano alla gara”

Tutti i vincitori del Campionato Italiano Assoluto Altura "Trofeo Stroili"

Campionato Italiano Assoluto Vela d’Altura 2017 “Trofeo Stroili”: i vincitori assoluti e di classe. Le voci dei protagonisti, le storie di banchina, le emozioni di un Italiano da ricordare

Una frizzante prima giornata a Riva del Garda

Un pomeriggio tipico gardesano, con un'Ora inizialmente raffinata e tesa fino a 20 nodi, poi in diminuzione, ha assegnato la prima vittoria della serie alla neocampionessa europea Claudia Rossi a bordo di Petite Terrible-Adria Ferries

Marina di Scarlino: partito il raduno degli Swan classici

Diciotto le imbarcazioni partecipanti, dal celebre Swan 36 (il primo modello costruito in casa Nautor) allo Swan 76. Va in archivio con una splendida giornata di sole e vento termico il primo di tre giorni di veleggiate costiere

Sarà la Volvo Ocean Race n. 8 per Bouwe Bekking

Bouwe Bekking, il velista con la maggiore esperienza nella storia della Volvo Ocean Race, tornerà per l'ottava volta nel ruolo di skipper del Team Bunei con l'obiettivo di vincere finalmente VOR

Inaugurato alla Marina di Scarlino il raduno degli Swan classici

Diciotto le imbarcazioni partecipanti, che vanno dal celebre Swan 36 (il primo modello costruito in casa Nautor) allo Swan 76. Tre giorni di veleggiate nelle acque del golfo

America's Cup Endeavour Program RS Feva Junior Regatta: gli italiani Ferri-Colledan quarti

In regata, oltre ai bergamaschi Ferri e Colledan, per la Svizzera presenti anche Ubaldo Bruni, figlio di Francesco Bruni in Team Artemis con al timone Arturo Beltrando. Vittoria neo-zelandese con la figlia di Chris Dickson Rose in coppia con Eli Liefting

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci